PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"
    Audizioni in Senato su un testo che ha scatenato polemiche

    Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"

    Tra gli ambientalisti c'e' chi preme sull'acceleratore per la nuova legge sui reati ambientali, e chi la segnala come un pericoloso colabrodo.
    6 luglio 2014 - Carlo Gubitosa
  • Si rispetti il volere di cittadini e istituzioni locali

    “Sì all’Abruzzo delle energie rinnovabili, no al petrolio”

    Domenica 18 aprile 2010 a San Vito Marina (CH) presso l’ex Stazione Ferroviaria, ore 15,00
    15 aprile 2010
  • Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Mercoledì 30 aprile alle ore 09:30 al consiglio comunale di Ortona si ridiscutera' la questione Centro Oli. E torna il panico. Un colpo al cuore per i centinaia di appartenenti ai comitati spontanei e ambientalisti che pensavano di poter stare tranquilli almeno fino al nuovo anno
    25 aprile 2008
  • Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    «Ci avevano detto che l'Eni avrebbe portato sviluppo», raccontano i residenti, «e noi ci avevamo creduto». Ma adesso, invece, il paese si sta spopolando: «vanno via i giovani e non solo…si portano via tutta la famiglia». In 15 anni si calcola una perdita di un quarto della popolazione e si racconta di «aziende smembrate per far passare l'oleodotto», «aria irrespirabile», «paura per la salute».
    9 marzo 2008

WWF: il Comune di Ortona tuteli i Ripari di Giobbe

A Ripari di Giobbe, anno domini 2009, si sta per immolare un bene comune sull'altare dell'insipienza e del chi se ne frega tanto è di tutti?
Fonte: WWF Zona Frentana e Costa Teatina

http://icolibri.blogspot.com/

logo WWF

Mentre nel mondo l'industria del turismo-una delle più lucrose-, investe sempre più in salubrità, tipicità e bellezza dei luoghi, ad Ortona un tratto di una antichissima strada comunale con vista mozzafiato sul mare, a ridosso e dentro una riserva naturale, potrebbe essere sdemanializzato per darlo in pasto ai privati, interrompendone così la continuità.

Storia incredibile per questi tempi, ma il 5 maggio il provvedimento viene addirittura discusso
in Consiglio Comunale; meriterebbe invece solo un indignato no bipartisan.
È comunque forte la speranza che la gran parte dei consiglieri si opponga perchè consapevole della grave perdita in termini economici e culturali .
La strada, oggi abbandonata all'incuria, è uno straordinario percorso
sensoriale e visivo da mettere nel pacchetto turismo della città tutta.
La strada è parte della sua memoria, e appartiene a tutti gli ortonesi.

Ersilia Costanzo, Fabrizia Arduini,Pasquale Cacciacarne

Lettera aperta di Camilla Crisante, presidente WWF Abruzzo

Il sistema lineare di Aree Protette lungo la Costa Teatina stenta ancora a decollare anche se è diventato patrimonio nelle aspettative delle comunità locali e regionali grazie alle peculiarità paesaggistiche, culturali e storiche che possiede. Con la legge regionale n. 5 del 2007, che ha istituto quattro nuove Riserve Naturali (Punta Acquabella, Ripari di Giobbe, Grotta delle Farfalle, Marina da Vasto), in aggiunta alle due già esistenti (Punta Aderci e Lecceta di Torino di Sangro ), si è fatto sicuramente un passo avanti, ma quelli che mancano sono i fatti concreti nell’ottica della leale collaborazione tra enti pubblici che deve essere assolutamente garantita in campo ambientale.

In attesa della predisposizione del Piano di Assetto Naturalistico della Riserva Ripari di Giobbe, il Comune di Ortona deve rispettare (e far rispettare) le norme transitorie di salvaguardia che contengono precisi divieti entrati in vigore con la pubblicazione della legge regionale, tra cui quello che vieta l’alterazione con qualsiasi mezzo, diretto o indiretto, dell’ambiente geofisico.

L’elemento caratterizzante e di pregio paesaggistico della Riserva Naturale Ripari di Giobbe è l’antica strada comunale, oggi abbandonata all’incuria e in parte occupata abusivamente, che unitamente al collegato canale di raccolta delle acque ha garantito per decenni la stabilità del versante che degrada verso il mare. Si tratta di uno straordinario percorso panoramico costiero che corre tutto lungo il confine a monte della Riserva che attualmente è limitata ad una stretta fascia di territorio degradante verso il mare.

La sdemanializzazione di questo percorso e la conseguente privatizzazione determinerebbero la perdita dell’unica possibilità di rendere pubblicamente fruibile e visitabile la Riserva Ripari Di Giobbe.

Chiediamo quindi al Comune di Ortona di abbandonare definitivamente l’ipotesi della sdemanializzazione dell’antico tracciato, di procedere all’elaborazione del Piano di Assetto Naturalistico della Riserva, di effettuare la tabellazione della Riserva stessa, ma soprattutto di ripristinare il percorso pubblico e il collegato canale drenante al fine di contrastare l’erosione in atto del versante, procedendo così speditamente e concretamente verso la gestione della Riserva Regionale Ripari di Giobbe, proprio alla luce del già richiamato principio di leale collaborazione tra enti pubblici.

Sinteticamente, questi sono gli obiettivi raggiungibili con l’attivazione gestionale della Riserva Naturale:

1)Recuperare l’antico collegamento Ortona – Torre Mucchia ancora vivo della memoria storica degli ortonesi;

2)Realizzare l’unico e possibile percorso botanico e panoramico per le attività escursionistiche, didattiche e scientifiche tipiche della Riserva Naturale;

3)Creare, con il ripristino dell’antico tracciato, il collegamento con la futura pista ciclabile prevista lungo l’ex tracciato ferroviario (che inizia proprio ad Ortona e prosegue lungo la costa fino ad Casalbordino), permettendo alla Riserva Naturale Ripari di Giobbe di entrare a far parte veramente del sistema lineare di Aree Protette lungo la Costa Teatina individuato dal Regione Abruzzo, con le sue peculiarità paesaggistiche di pregio;

4)Valorizzare le aree agricole che si attestano lungo il percorso promuovendo la produzione e la vendita di prodotti tipici e biologici;

5)Monitorare ed arrestare i fenomeni erosivi in atto che potrebbero nel giro di poco tempo modificare gli elementi costituivi del paesaggio e ridurre al minimo le possibilità di fruizione dell’area protetta;

6)Promuovere il turismo di qualità attraverso norme di riqualificazione ambientale ed architettoniche rivolte principalmente al complesso turistico esistente (Campeggio Ripari di Giobbe) che nel tempo ha profondamente modificato la morfologia dei luoghi e l’estensione della copertura arborea spontanea, con conseguenze sul paesaggio e sulla stabilità idrogeologica estremamente negative.

Il WWF, mettendo a disposizione le competenze e le esperienze maturate in tanti anni di gestione delle proprie oasi, resta a disposizione per tutte le iniziative e le forme di collaborazione necessarie sia per l’attivazione di processi decisionali, che dovranno necessariamente coinvolgere la società civile ortonese, che quelli più concreti e pratici quali i campi estivi di lavoro volontario e le iniziative educative nelle scuole.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy