PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Bilbao: da grigia città industriale e portuale a nuova realtà ecologica
    La riqualificazione urbana è possibile

    Bilbao: da grigia città industriale e portuale a nuova realtà ecologica

    La storia di Bilbao, un esempio di riconversione ecologica possibile, le tappe di un progetto che ha portato la città basca a rinascere dalle ceneri e fumi degli altiforni, fino a diventare una città moderna, efficiente e un polo turistico internazionale
    2 dicembre 2013 - Beatrice Ruscio
  • Inquinamento nel porto di Taranto: la morte può attendere?
    Comunicato stampa del COCER

    Inquinamento nel porto di Taranto: la morte può attendere?

    Il sindacato dei militari della Guardia di Finanza, Guardia Costiera e Marina Militare, oltre al Siulp (il sindacato di polizia più rappresentativo in provincia) denunziano ancora una volta i rischi ai quali è sottoposto il personale addetto al porto industriale di Taranto.
    Inoltre, il Capo di Stato Maggiore della Marina lo scorso 30 maggio, rivolgendosi pubblicamente al Ministro dell’Ambiente, ha evidenziato la sensibilità di tutta la Forza Armata sui temi ambientali.
    7 giugno 2013 - Fulvia Gravame
  • SI alle persone in cerca d'aiuto NO a progetti che mettono a rischio l'ambiente
    Tra l'umanità e la devastazione ambientale, scegliamo la prima

    SI alle persone in cerca d'aiuto NO a progetti che mettono a rischio l'ambiente

    Un anno dopo il ritrovamento di 21 migranti alla stazione di Vasto San Salvo, il pensiero, la riflessione e l'augurio per Natale delle ns. associazioni va a loro.
    22 dicembre 2011 - Alessio Di Florio
  • Piano di comunicazione alla popolazione sul rischio nucleare
    Il documento dalla Prefettura di Napoli

    Piano di comunicazione alla popolazione sul rischio nucleare

    Non possiamo dimenticare che il Mediterrano è ancora una volta teatro di guerra e l'intervento occidentale pone seri rischi per lo scoppio di tragedie nucleari.
    2 aprile 2011 - Comitato Pace Disarmo e Smilitarizzazione Campania
Comunicato stampa dell'Associazione Porta Nuova Vasto

Il destino della città nelle mani delle oligarchie locali

4 luglio 2009

1. Ormai conviene farsene una ragione. In città le decisioni che contano sono prese da un ristrettissimo gruppo di persone, politici e imprenditori, all’insaputa dei comuni cittadini, e semmai con la ratifica formale del Consiglio Comunale. Per “decisioni che contano” si intende naturalmente quelle che muovono consistenti flussi di denaro, in genere quelli provenienti dall’intervento pubblico. È infatti sulla gestione dell’intervento pubblico che il potere dell’oligarchia locale in primo luogo si esercita.

2. Così nel Novembre 2007, quando il Consiglio Comunale –convocato con un anticipo di 5 giorni, 4 dei quali festivi- approvò a scatola chiusa il nuovo Piano Regolatore del Porto (preventivo di spesa: 145 milioni di euro), di cui conosceva la sola relazione –di parte, va da sé- dei progettisti. Così accade oggi. Oggi il caso è diverso; ma il metodo resta lo stesso. Ci riferiamo al processo di redazione del cosiddetto Piano Strategico della macroarea Vasto-San Salvo.

3. I soldi, questa volta, sono arrivati per davvero: 811 milioni di euro di fondi FAS (Fondo per le Aree Sottoutilizzate) per l’intero Abruzzo, da ripartire tra le diverse macroaree costituite nella regione, in funzione del Piano Strategico che ciascuna è chiamata ad elaborare. Il Piano Strategico è tipicamente e sulla carta uno strumento, di origine europea, di pianificazione condivisa; “esso deve costituire la visione strategica di riferimento per le successive politiche”. Il processo di redazione è iniziato nella nostra zona lo scorso 8 Maggio, con un incontro pubblico di presentazione. Questa resterà verosimilmente la sua prima e ultima apparizione pubblica prima della definitiva approvazione.

4. Il ceto oligarchico al governo della città non accetta intromissioni. Non le accetta anzitutto dalle associazioni che, si sa, non contano niente. Nonostante le dichiarazioni di facciata, e sebbene sia previsto dalla normativa, nessuna associazione locale del terzo settore è stata invitata, né è stata posta in condizione di partecipare al processo di definizione del Piano: di cui i modi, i tempi, le informazioni essenziali, non sono stati resi noti. Nonostante ciò la nostra associazione ha presentato al sindaco di Vasto, lo scorso 19 Giugno, le proprie Osservazioni. Non abbiamo ottenuto risposta alcuna.

5. Non è andata meglio al Gruppo Consiliare di Rifondazione, che il successivo 21 Giugno ha pubblicato un comunicato nel quale chiedeva chiarimenti in merito ad alcune delle questioni che avevamo sollevato. Nessuna risposta. Eppure Rifondazione fa parte della maggioranza... Ma come fanno?

6. Del Piano Strategico non si è occupato nemmeno il Consiglio Comunale. Il quale avrebbe ben potuto esprimere un atto di indirizzo; ma è stato chiamato, nel Marzo 2007, a una mera presa d’atto del protocollo d’intesa preliminare. Nella discussione in aula lo denunciarono giustamente i consiglieri di opposizione Tagliente e Giangiacomo (Guido).

Il Consiglio sarà poi di nuovo chiamato, a redazione avvenuta, com’è già accaduto per il PRP, per la ratifica. “Nel Consiglio Comunale non è prevista una fase di partecipazione attiva […] vedrete che alla fine il Consiglio Comunale per l’ennesima volta ratifica una visione strategica alla quale non partecipa”. Così ancora Guido Giangiacomo in Consiglio Comunale. Purtroppo il centrodestra non ha dato alle sue parole seguito alcuno (e meno che mai lo farà ora che ha riconquistato la Provincia e la Regione).

7. Così uno dei più importanti atti di programmazione dell’Amministrazione Comunale; un atto per di più istituzionalmente e sulla carta di pianificazione condivisa; un atto sulle cui modalità di elaborazione hanno espresso forti critiche e riserve non solo l’opposizione, ma una parte della maggioranza stessa; un atto di questa fatta, e di questa portata, si avvia placidamente a passare senza che la città, come al solito, ne sappia niente. Non c’è male, per un sindaco che aveva indicato la partecipazione e la trasparenza come tratti distintivi del suo programma.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy