PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Conoscere per agire, solo così l'Italia potrà tornare a crescere. Una proposta per l'Italia

    Lorenzin come Balduzzi? La Campania come Taranto?

    A che serve avere università e centri di ricerca se poi i dati prodotti dai ricercatori non vengono utilizzati dai decisori?
    30 giugno 2013 - Fulvia Gravame
  • Il grande Sirkosky
    Microstoria di un incendio e dell'irrazionalità di chi non lo previene

    Il grande Sirkosky

    Mantenere un canadair in Italia è costoso, ma previene gli incendi. Quanto ci costa invece tenere attivi gli elicotteri per l'esercito?
    14 aprile 2012 - Gregorio Piccin
  • Perché no agli inceneritori
    Danni ambientali e sanitari

    Perché no agli inceneritori

    Parere scientifico fornito a Greenpeace sul problema degli inceneritori. Almeno duecento differenti composti chimici che possono creare problemi di salute.
    Valerio Gennaro
  • Logiche di un potere siciliano. L’Arra di Felice Crosta.

    L’Agenzia regionale per i rifiuti e le acque ha dettato regole e mosso fiumi di denaro, lungo tutto il perimetro degli Ato. Di emergenza in emergenza, in più occasioni è finita sotto accusa. L’Ars ne ha deciso quindi, nel dicembre 2008, lo scioglimento. Eppure continua a esistere e a reggere i giochi. Lo farà per tutto il 2009. Ma tante cose vanno muovendosi perché la decisione venga revocata.
    2 maggio 2009 - Carlo Ruta
Comunicato stampa del WWF Abruzzo

Gli incendi di rifiuti a Chieti Scalo........

Decine i comuni potenzialmente interessati dalle ricadute di inquinanti nelle province di Chieti e Pescara. Estendere i provvedimenti cautelari adottati a Chieti anche agli altri comuni del pescarese e del chietino. Negli incendi di rifiuti non esistono solo le diossine, pericolosi molti altri inquinanti come benzene, Idrocarburi Policiclici Aromatici e altri.
23 luglio 2009

L'incendio alla Seab

Il WWF interviene sul gravissimo incendio che ha interessato la SEAB di Chieti Scalo chiedendo che i provvedimenti cautelari promossi sul territorio di Chieti siano estesi anche agli altri comuni potenzialmente interessati dalle ricadute di inquinanti e che sia effettuato un piano di monitoraggio su aria, suolo e vegetali di vasta portata i cui particolari devono essere comunicati alla popolazione.
Stamattina l'associazione ha trovato una incredibile situazione di caos e imprepazione nell'affrontare un incendio che non interessa solo il comune di Chieti ma potenzialmente vaste aree delle provincie di Pescara e Chieti. Non è stato attivato alcun tavolo di gestione coordinata a livello sovraprovinciale per affrontare un'emergenza ambientale molto grave. Fino a pochi minuti fa le due prefetture di Chieti e Pescara risultavano del tutto ignare rispetto agli interventi precauzionali intrapresi e/o da intraprendere.
Ricordiamo che, secondo le analisi dell'ARTA, i coni di ricaduta degli inquinanti emessi nei due incendi della EcoAdriatica del 2008 e della Magma un mese or sono, entrambe a Chieti scalo, hanno coinvolto territori molto vasti, fino ad interessare interamente addirittura il Parco Nazionale della Majella. Non si capisce, allora, perchè un cittadino di Chieti sia invitato precauzionalmente e giustamente a non usare le acque superficiali per l'irrigazione mentre un cittadino di un comune limitrofo non debba preoccuparsi. Tra l'altro la direzione del vento rispetto alle prime ora dell'incendio è variata, facendo disperdere i fumi verso Cepagatti e altri comuni del pescarese.
In merito alla questione degli inquinanti emessi il WWF fa notare alcuni aspetti da non sottovalutare:
-negli incendi di questo tipo purtroppo possono prodursi non solo le diossine ma anche altre categorie di composti chimici tossici e/o cancerogeni, come il benzene e molte molecole del gruppo degli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA). Questi ed altri inquinanti devono essere ricercati sull'area vasta esposta alle ricadute, a distanze diverse, provvedendo ad un monitoraggio di suolo, aria e vegetali.
-la SEAB è stata interessata da indagini dei magistrati per reati connessi ad una gestione dei rifiuti non corretta. Per questo, almeno precauzionalmente, non crediamo si possa “tranquillizzare” rispetto alle tipologie di materiali andati in fumo. Solo un'attenta caratterizzazione dei residui potrebbe confermare la reale natura dei rifiuti bruciati.

Più in generale per il WWF enti ed istituzioni abruzzesi risultano strutturalmente impreparati a gestire e a prevenire emergenze di questo genere, visto che:
-l'ARTA Abruzzo non ha la reperibilità, per cui da venerdì pomeriggio a lunedì mattina qualsiasi cosa accada, teoricamente, i funzionari e I tecnici dell'ARTA, potrebbero non essere raggiungibili. Se lo fanno è per puro spirito di abnegazione e sacrificio, esponendosi anche a rischi. Questa situazione non può essere la norma anche perchè, guarda caso, tutti gli incendi di imprese che gestiscono rifiuti sono accaduti nel fine-settimana;
-non esistono monitoraggi costanti della qualità del suolo e dell'aria, soprattutto nella Val Pescara. Questi ultimi peraltro sono obbligatori in base a tutte normative relative all'aria. Diviene pertanto difficile valutare e confrontare le situazioni pre e post-incendio, rispetto gli inquinanti presenti.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy