PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"
    Audizioni in Senato su un testo che ha scatenato polemiche

    Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"

    Tra gli ambientalisti c'e' chi preme sull'acceleratore per la nuova legge sui reati ambientali, e chi la segnala come un pericoloso colabrodo.
    6 luglio 2014 - Carlo Gubitosa
  • Si rispetti il volere di cittadini e istituzioni locali

    “Sì all’Abruzzo delle energie rinnovabili, no al petrolio”

    Domenica 18 aprile 2010 a San Vito Marina (CH) presso l’ex Stazione Ferroviaria, ore 15,00
    15 aprile 2010
  • Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Mercoledì 30 aprile alle ore 09:30 al consiglio comunale di Ortona si ridiscutera' la questione Centro Oli. E torna il panico. Un colpo al cuore per i centinaia di appartenenti ai comitati spontanei e ambientalisti che pensavano di poter stare tranquilli almeno fino al nuovo anno
    25 aprile 2008
  • Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    «Ci avevano detto che l'Eni avrebbe portato sviluppo», raccontano i residenti, «e noi ci avevamo creduto». Ma adesso, invece, il paese si sta spopolando: «vanno via i giovani e non solo…si portano via tutta la famiglia». In 15 anni si calcola una perdita di un quarto della popolazione e si racconta di «aziende smembrate per far passare l'oleodotto», «aria irrespirabile», «paura per la salute».
    9 marzo 2008
Comunicato stampa del WWF Zona Frentana e Costa Teatina

Ripari di Giobbe: impedita la passeggiata ecologica

Si sradicano alberi pur di impedire la passeggiata ecologica organizzata dal WWF Zona Frentana Costa Teatina sulla strada comunale "Ripari di Giobbe".
27 agosto 2009

L'accesso ai Raipari prima e dopo il barbarico atto

Vanificata l'opera di ripulitura dei volontari WWF sul tratto dell'antica strada panoramica che costeggia il campeggio omonimo, per consentire il passaggio nell'ambito di una iniziativa di promozione e conoscenza della Riserva Naturale Ripari di Giobbe istituita con L.R. n.5 del 2007.

Atto vandalico o intimidatorio, non lo sappiamo, ma non è la prima volta che accade.

Nonostante l'episodio minaccioso, circa un centinaio sono stati i partecipanti all'iniziativa, che si sono concentrati su di un aerea privata di un' imprenditrice agricola, degustando prodotti tipici del territorio mentre un breve viaggio letterale, sulla forza della bellezza, caricava gli animi di speranze mai sopite.

Resta lo sbalordimento e l'amarezza di fronte ad un atto di prevaricazione che ha negato il libero godimento di un bene pubblico: lo splendido panorama che offre la strada comunale Ripari di Giobbe sulla baia, che ricordiamo essere innanzi tutto, Riserva Naturale della Regione Abruzzo.

Il WWF non si fermerà, gli organi preposti a vario titolo saranno informati, e con più determinazione chiederemo al Consiglio Comunale, una volta per tutte, di riprendere il pieno possesso della strada, per garantirne finalmente un uso pubblico e libero da parte della collettività e per destinarla ad essere un corridoio "verde" di accesso alla Riserva.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy