PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Peppino Impastato siamo noi, nessuno si senta escluso
    I santini delle commemorazioni offendono la memoria dell'Antimafia vera

    Peppino Impastato siamo noi, nessuno si senta escluso

    L'unica vera memoria rispettosa è il pretendere giustizia, lo svelare i meccanismi del Potere, con nomi, cognomi, trame, denunciando e mai tacendo. Peppino non è un santo per laici altari, è un fuoco che deve arderci dentro.
    7 maggio 2013 - Alessio Di Florio
  • Il governo Americano conferma il legame tra terremoti e fratturazione idraulica

    Il governo Americano conferma il legame tra terremoti e fratturazione idraulica

    Il 5 novembre 2011 un terremoto di magnitudo 5.6 ha scosso l'Oklahoma ed è stato percepito fino in Illinois.
    Fino a due anni fa in Oklahoma normalmente venivano registrati circa 50 terremoti all'anno; ma nel 2010 circa 1047 sismi hanno scosso lo stato.
    14 giugno 2012 - John C. K. Daly
  • Anch'io sono nata a L'Aquila
    Agli amici voglio raccontare ...

    Anch'io sono nata a L'Aquila

    "Quando arrivavo in piazza S.Maria di Roio, vedevo mia nonna che mi aspettava dietro la finestra nella nostra casa, accanto a uno dei più bei palazzi barocchi dell'Aquila, quello dei Rivera"
    13 aprile 2012 - Silvia Pietra
  • Effetto domino

    Effetto domino

    Dopo due settimane dal terremoto in Giappone, l'industria dell'IT incontra ancora duri ostacoli
    25 marzo 2011 - Martyn Williams
Comunicato stampa

Settembre, non è tempo di migrare

Per mesi ci è stata ripetuta la promessa che a settembre tutti gli aquilani sarebbero tornati a L’Aquila sotto un tetto. Purtroppo la verità sta venendo fuori.
27 agosto 2009 - Comitato cittadino 3e32

yes, we camp

Per mesi ci è stata ripetuta la promessa che a settembre tutti gli aquilani sarebbero tornati a L’Aquila sotto un tetto. Purtroppo la verità sta venendo fuori. Come risulta dal censimento gli sfollati con case E, F o in zona rossa, sono all’incirca quarantamila, ai quali bisogna aggiungere tutte le persone che vivevano in abitazioni B e C per le quali i lavori non sono partiti. Un totale di almeno 50000 sfollati. Per far fronte a questa drammatica situazione ci saranno a disposizione a fine settembre (come afferma la stessa protezione civile) abitazioni del piano c.a.s.e. per soli 4000 abitanti. Le altre abitazioni non saranno pronte prima di Dicembre e comunque non saranno sufficienti. Questo è il fallimento del piano c.a.s.e. Da mesi chiediamo dove si pensa di mettere tutte le altre persone, da mesi proponiamo l’utilizzo di moduli rimovibili e la requisizione di case sfitte, da mesi chiediamo che queste scelte vengano prese con il consenso degli
aquilani.
Apprendiamo dalle dichiarazioni di Bertolaso di Venerdì 14 agosto, che la soluzione per la grave situazione che ci troveremo ad affrontare a settembre, sarà invece quella di continuare a tenere gli aquilani sulla costa, concentrandoli nel teramano e creando un servizio navetta per chi deve portare i figli a scuola e venire a lavorare a L’Aquila. Ciò vuol dire che anche parte degli abitanti delle tendopoli saranno trasferiti negli alberghi fuori città, contrariamente da quanto affermato dal sindaco, che in diverse occasioni aveva parlato pubblicamente dell’utilizzo di case mobili. Ci chiediamo chi è che decide veramente del nostro futuro e se prima di prendere queste decisioni qualcuno si è degnato di consultare la popolazione, cercando di capire cosa sia meglio per i nostri bisogni. In questo modo si provocherà l’insostenibile disagio di un pendolarismo quotidiano dal teramano, portando L’Aquila allo spopolamento. Attraverso i moduli
rimovibili o casette di legno (che con le nuove tecnologie sono sovrapponibili e confortevoli) si poteva e si può ancora evitare questa deportazione prolungata. Tenere gli aquilani negli alberghi continua a costare 3 milioni di euro al giorno, 50 euro a persona. Con queste risorse si sarebbe già potuta comiciare la rimozione delle macerie, la messa in sicurezza e la ricostruzione delle nostre case.
Ci chiediamo quale sia la posizione delle istituzioni locali in merito a queste scelte disastrose. Intanto a 5 mesi dal terremoto ancora non si parla di lavoro. Così non riparte L’Aquila, non riparte l’economia e non riparte la vita sociale. Ci opporremo con ogni mezzo allo spopolamento della nostra città. SETTEMBRE NON E’ TEMPO DI MIGRARE, TUTTI GLI AQUILANI DEVONO POTER TORNARE NEL LORO COMUNE DI RESIDENZA IN ALLOGGI DIGNITOSI.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy