PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • "La Vita contro il Profitto"
    Stiamo giocando la partita de

    "La Vita contro il Profitto"

    La tutela della proprietà intellettuale delle aziende farmaceutiche mette a rischio la ricerca scientifica e le conseguenze sono state tragiche in tutto il mondo. Il profitto è diventato più importante della stessa vita umana
    15 maggio 2013 - Joseph Stiglitz
  • Peppino Impastato siamo noi, nessuno si senta escluso
    I santini delle commemorazioni offendono la memoria dell'Antimafia vera

    Peppino Impastato siamo noi, nessuno si senta escluso

    L'unica vera memoria rispettosa è il pretendere giustizia, lo svelare i meccanismi del Potere, con nomi, cognomi, trame, denunciando e mai tacendo. Peppino non è un santo per laici altari, è un fuoco che deve arderci dentro.
    7 maggio 2013 - Alessio Di Florio
  • La vendita di armi nel 2011 delle maggiori aziende produttrici secondo il Sipri: Finmeccanica ottava
    Selex ES mette in mobilità volontaria per 580 dipendenti

    La vendita di armi nel 2011 delle maggiori aziende produttrici secondo il Sipri: Finmeccanica ottava

    l'industria della difesa "non è un settore industriale come gli altri. La sua natura strategica la rende un caso speciale”
    23 febbraio 2013 - Rossana De Simone
  • Anch'io sono nata a L'Aquila
    Agli amici voglio raccontare ...

    Anch'io sono nata a L'Aquila

    "Quando arrivavo in piazza S.Maria di Roio, vedevo mia nonna che mi aspettava dietro la finestra nella nostra casa, accanto a uno dei più bei palazzi barocchi dell'Aquila, quello dei Rivera"
    13 aprile 2012 - Silvia Pietra

inchiesta appalti post-sisma, nei guai l'assessore regionale Venturoni

nuova scossa giudiziaria in Abruzzo, sotto i riflettori il sospetto "regalo" di un appalto nei pressi dell'Ospedale S.Salvatore, su un terreno di proprietà dell'A.S.L. a favore di un imprenditore aquilano
25 novembre 2009 - Libera Pescara

Non bastava l’ombra della mafia sulla ricostruzione (http://www.antimafiaduemila.com/content/view/20608/84/ ), senza contare quella del malaffare prima del terremoto, delle case e palazzi sbriciolati come zucchero. Non si fa a tempo a riflettere su un fenomeno e a cercare di capirne le modalità, gli ambiti applicativi che subito arriva una nuova bufera a gettare benzina sul fuoco.
Stavolta l’ambito interessato è l’affare post-sisma; l’inchiesta denominata “Ground Zero” coinvolge l’assessore regionale Venturoni, l’ex manager ASL de L’aquila Marzetti, l’ex consigliere Fira D’alesio, Mileti (ex assessore regionale) oltre agli imprenditori aquilani Venturi e Tessitore.
La notizia è apparsa su tutti i Tg regionali e nazionali tra cui riportiamo il link tratto da “IL CENTRO.IT”:

http://ilcentro.gelocal.it/dettaglio/ricostruzione-appalto-asl-pilotato-venturoni-
indagato-per-corruzione/1787569

Con il passare delle ore emergono altre indiscrezioni su l’ennesimo episodio che conferma la regola: cambiando l’ordine politico il risultato è lo stesso, le regole, il sistema è lo stesso, quello di sfruttare le leggi a proprio uso e consumo. PrimaDaNoi.it ha pubblicato alcune conversazioni (http://www.primadanoi.it/modules/bdnews/article.php?storyid=23748&page=1) che rendono bene l’idea di quello che si prospetta.

Certo, è meglio precisare, prima di una sentenza definitiva tutti sono innocenti, ma ormai la sensazione è che ogni intercettazione, ogni indagine, sveli tasselli di un sistema ormai collaudato, di chi, passando da incarichi ammin€istrativi, enti politicizzati e non, riesce a influire pesantemente sull’economia, su chi debba lavorare e chi no, sia esso semplice cittadino o impresa appaltatrice……

E’ difficile finire questo breve articolo riflettivo, difficile leggere, sentire sempre la stessa storia, come se si trattasse di un metodo difficile da capire, a tratti si vorrebbe evitare di aprire il giornale o vedere il TG perché fino a quando non si manifesta il proprio disappunto verso un certo modo di fare politica e non, gestire gli appalti e il rispetto delle regole dai parti dei privati, i quali vanno avanti solo se più grandi e più “influenti” verso un ente o un Comune, una Regione o anche la Protezione Civile. Tale disappunto andrebbe manifestato però insieme, al di là di convinzioni politiche, pregiudizi, armati di libera coscienza e di elevata moralità interiore, dimostrare che il popolo non è il solo bacino di voti a cui richiedere voti in cambio di favori, dal lampione vicino casa o il figlio assunto nel comune “amico”. Solo se si manifesta un forte “BASTA”, solo allora forse potremo leggere il giornale, sentire il TG con un minore senso di indignazione e impotenza che a volte scoraggia, con un occhio anche a ciò che sarà il futuro e il futuro dei nostri figli……

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy