PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • In attesa del referendum costituzionale

    C'è chi dice NO

    Dieci ragioni per bocciare la riforma della Costituzione, scritta sotto dettatura del governo. Renzi dice che "riduce i costi della politica", ma questo obiettivo si poteva raggiungere in altri modi.
    29 agosto 2016 - Giacomo Alessandroni
  • Occorre un pronunciamento popolare che difenda la Costituzione repubblicana

    Perché votare NO al referendum sulla modifica della Costituzione?

    Perché asservisce il parlamento alle sue voglie, di fatto si appropria abusivamente del potere legislativo e rompe la separazione e l'equilibrio dei poteri; con la qual cosa uccide nei suoi medesimi fondamenti la democrazia rappresentativa e lo stato di diritto.
    18 agosto 2016 - Peppe Sini
  • "Le ragioni del nostro NO" di Claudio Belloni e Giovanni Missaglia
    Referendum modifiche costituzionali COMITATO per il NO:

    "Le ragioni del nostro NO" di Claudio Belloni e Giovanni Missaglia

    28 giugno 2016 - Laura Tussi
In meno di un mese superato il quorum delle 500.000 firme

L'acqua pubblica irriga le praterie lacerate della democrazia

Una battaglia che in Abruzzo si feconda con le denunce della mega-discarica di Bussi, l'opposizione alla devastazione petrolifera e la costruzione dal basso di un futuro migliore con la nascita del Parco Nazionale della Costa Teatina. PeaceLink Abruzzo e l'Ass. Antimafie Rita Atria saranno presenti, con tutto il sostegno possibile. Si scrive acqua, si legge democrazia. Si scrive Parco Nazionale della Costa Teatina e No alla devastazione petrolifera, si legge futuro.
18 maggio 2010 - Alessio Di Florio

 

banner referendario del comitato "Salva l'Acqua" Abruzzo


Se si sogna da soli è solo un sogno, se si sogna insieme è la realtà che comincia. E' una bellissima frase che, con alcune varianti, viene spesso assegnata ad alcuni dei principali protagonisti della storia dell'America Latina. Ed è un sogno bellissimo quello che sta attraversando l'Italia, un sogno che cammina con le gambe e i cuori di moltissime persone, militanti, attivisti, ma anche semplici cittadini. In meno di un mese, oltre 500.000 persone (superando così il quorum richiesto dalla legge) hanno già firmato le tre richieste del Forum Nazionale dei Movimenti per l'Acqua (http://www.acquabenecomune.org) per una gestione pubblica, democratica, partecipata, trasparente del bene comune per eccellenza: l'acqua. Persone che hanno deciso di riprendere in mano il loro futuro, di strappare l'acqua dalle mani avide e aride dei potentati economici e delle multinazionali, mettendoci i propri volti e la propria presenza (come nello straordinario corteo del 20 marzo scorso a Roma) e investendo la massima rappresentazione della partecipazione democratica: il referendum. Un referendum che, per la prima volta nella Storia d'Italia, nasce dal basso, dai cittadini, dai movimenti, dai comitati popolari, dalle associazioni, diretti protagonisti invece dei partiti. Ed è un segnale fortissimo in difesa di una democrazia lacerata da un attacco sempre più poderoso alle sue fondamenta.

La lotta per difendere l'acqua pubblica e per scardinare i tentativi di privatizzarne la gestione, regalandola alle multinazionali e ai potentati economici, nasce da lontano (già all'inizio degli Anni 2000 un analogo tentativo fu sventato ed è cronaca recente le centinaia di migliaia - la legge ne prevede solo 50.000 - di firme alla proposta di legge popolare, vergognosamente accantonata in Parlamento) e supera i confini d'Italia, accomunando gli indiani che da moltissimi anni resistono alla devastazione delle dighe e i boliviani della rivolta di Cochabamba.

In Abruzzo questa lotta, negli anni, si è fecondata con altre, dando vita ad un fortissimo fronte popolare che vuol disegnare un futuro migliore. Un futuro ecologico, sostenibile, pulito, migliore di come una classe politica spesso inerme e connivente con i poteri forti sta permettendo.

Il 18 aprile scorso 5000 persone si sono incontrate a San Vito Marina per ribadire la totale e netta contrarietà alle trivellazioni petrolifere e alla devastazione che porteranno. Una contrarietà che vuol difendere le fonti d'acqua (qualche anno fa solo la mobilitazione popolare impedì la vendita ad una multinazionale pugliese dell'acqua delle sorgenti del Gran Sasso, mentre in queste settimane sta giungendo ad un punto importantissimo il processo per l'inquinamento dei pozzi di Bussi sul Tirino, scoperto solo grazie alle denunce degli ambientalisti), l'aria, la salute dei cittadini e la costa dei trabocchi (suggestive e antiche costruzioni per la pesca, oggi sinonimo di turismo e della ricchezza di tutta la costa).

E proprio dalla Costa dei Trabocchi e dai protagonisti della manifestazione del 18 aprile scorso sta rinascendo un sogno cullato da 16 anni: il Parco Nazionale della Costa Teatina. Nei giorni scorsi un incontro presso il Ministero dell'Ambiente ha dato nuova vita all'iter per la sua istituzione, tantissime volte negli anni bloccato da veti e da resistenze varie. E, anche oggi, nella classe politica si notano stonati distinguo. Nuovamente si sentono le sirene di chi accusa il Parco di frenare lo sviluppo, di essere un'inutile zavorra sul territorio. Non è e non può essere. Non esiste nulla di più falso! Il Parco è invece un'occasione di valorizzazione e di difesa di un territorio troppo spesso maltrattato, abusato, sfregiato dagli appetiti e dalle speculazioni di palazzinari e affaristi vari. Il degrado dei fiumi, l'assalto della diligenza petrolifera, la cementificazione selvaggia, la minaccia di mostri ambientali sempre peggiori sono il simbolo dell'egoismo di pochissimi che vogliono distruggere il futuro della "Regione Verde d'Europa". Il Parco Nazionale della Costa Teatina restituirà agli abruzzesi il loro futuro, il territorio in cui vivono. Per renderlo possibile occorrerà una fortissima mobilitazione ambientalista, civile ed espressione della miglior democrazia partecipata.

PeaceLink, negli anni scorsi , ha aderito al Coordinamento per la Tutela e la Valorizzazione della Costa Teatina e ha sostenuto le battaglie ambientaliste (compresa la manifestazione del 18 aprile scorso e la mobilitazione per l'acqua pubblica). La nostra voce, e quella dell'Associazione Antimafie Rita Atria, è una piccola voce. Ma siamo convinti che piccole voci possono scrivere il futuro dell'Abruzzo, un futuro migliore.

Si scrive acqua, si legge democrazia. Si scrive Parco Nazionale della Costa Teatina e No alla devastazione petrolifera, si legge futuro.

Note:

Ass. Antimafie Rita Atria
http://www.ritaatria.it

I principali siti per seguire la mobilitazione ambientalista
http://dorsogna.blogspot.com
http://www.wwf.it/abruzzo
http://blog.libero.it/emergenzambiente

Il sito della campagna "Salva l'Acqua" Abruzzo
http://www.nonlasciamolifare.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies