PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese

    Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese

    Ora indagine epidemiologica e bonifiche, il vero grande cantiere per il lavoro. Paga chi ha inquinato. Firma e fai firmare la petizione online. Abbiamo bisogno dell'impegno e del sostegno di tutti e tutte...
    28 marzo 2014 - Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua Pubblica
  • Autorizzazione senza Valutazione di Impatto Ambientale: bufera sulla Regione Puglia per la discarica di Spinazzola
    I Carabinieri del NOE di Bari sequestrano la discarica in località "Grottelline"

    Autorizzazione senza Valutazione di Impatto Ambientale: bufera sulla Regione Puglia per la discarica di Spinazzola

    Denunciate 3 persone: un funzionario della Regione Puglia, il legale responsabile della ditta che sta realizzando l'impianto e l'ingegnere progettista
    27 agosto 2008
  • Un lavoro che non si rifiuta

    Un lavoro che non si rifiuta

    Missione in discarica. Mentre a Roma è stata aperta un'inchiesta della magistratura sulla vicenda, a Korogocho la gente che lavora in mezzo ai rifiuti teme di perdere anche quel poco che ha. Le minacce a padre Moschetti, missionario comboniano a Korogocho
    14 febbraio 2008 - Daniele Moschetti
  • Nessuno vuole vivere lì
    Kibwana richiede al NEMA ed al Consiglio comunale di intervenire sulla discarica Dandora

    Nessuno vuole vivere lì

    Ma il vice sindaco di Nairobi, Ferdinand Waititu, si è rivolto alla stampa affermando che Dandora continuerà a funzionare visto che il Consiglio non ha trovato un’alternativa
    19 ottobre 2006 - Oluoch Japheth
Comunicato stampa

Altri schieramenti per la messa in sicurezza della discarica di rifiuti speciali di Bussi

Ci piacerebbe unire le forze e le voci per ottenere una messa in sicurezza di emergenza non di facciata e non incompleta, come quella che pare sia stata preparata dal Commissario, che andrebbe a coprire solo superficialmente la discarica non interrompendo invece la percolazione dei veleni nelle falde e nel fiume!
12 marzo 2010 - Comitato Bussiciriguarda (EcoIstituto Abruzzo, Italia Nostra, MareVivo, MILA-Donnambiente)

Apprendiamo, con piacere, che anche il WWF è schierato per l’immediata messa in sicurezza di emergenza del sito inquinato di Bussi. Già da mesi, in quanto parte offesa nel processo, abbiamo fornito alle varie redazioni le documentazioni ufficiali sui terribili veleni che a tonnellate – da oltre 47 anni – inquinano pozzi, falde, suoli e catene alimentari di tutte le popolazioni della Valpescara e stiamo chiedendo ad ogni altra associazione, non necessariamente ambientalista, di unire le forze per il risanamento della valle più importante d’Abruzzo.


Ricordiamo che la legge vigente obbliga la messa in sicurezza di emergenza, sulla quale c’è un ritardo di anni e per la quale, limitatamente alla discarica Montedison dinanzi alla stazione di Bussi, la responsabilità è a capo del Commissario Governativo. E’ per questo che abbiamo, nel 2009, diffidato il Commissario a procedere nella messa in sicurezza; è per questa diffida che noi riteniamo, forse erroneamente (ma niente finora ci ha smentito), che qualche cosa si stia muovendo solo dopo di essa; pensiamo anche che ad essa vada fatta risalire la pervicace volontà dei difensori Montedison a desiderare l’esclusione delle nostre associazioni come parte civile nel processo! Abbiamo già ottenuto l’ufficiale adesione dei Medici per l’Ambiente e siamo quindi soddisfatti della posizione del WWF, di cui peraltro non dubitavamo. Ci piacerebbe perciò unire le forze e le voci, dal WWF alle altre associazioni ambientaliste, della sanità, delle categorie produttive primarie e civiche in generale, per ottenere una messa in sicurezza di emergenza non di facciata e non incompleta, come quella che pare sia stata preparata dal Commissario, che andrebbe a coprire solo superficialmente la discarica non interrompendo invece la percolazione dei veleni nelle falde e nel fiume!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy