PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"
    Audizioni in Senato su un testo che ha scatenato polemiche

    Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"

    Tra gli ambientalisti c'e' chi preme sull'acceleratore per la nuova legge sui reati ambientali, e chi la segnala come un pericoloso colabrodo.
    6 luglio 2014 - Carlo Gubitosa
  • Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese

    Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese

    Ora indagine epidemiologica e bonifiche, il vero grande cantiere per il lavoro. Paga chi ha inquinato. Firma e fai firmare la petizione online. Abbiamo bisogno dell'impegno e del sostegno di tutti e tutte...
    28 marzo 2014 - Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua Pubblica
  • Cile: il dramma delle morti per amianto
    Il libro "Fibras grises de muerte" denuncia le responsabilità dell’impresa Pizarreño S.A. e dello stato

    Cile: il dramma delle morti per amianto

    Le testimonianze dell’organizzazione sociale Unidos Contra el Asbesto
    4 dicembre 2013 - David Lifodi
  • Processo ai dirigenti Pirelli

    Morti d’amianto alla Pirelli

    Il giudice respinge la costituzione di parte civile del Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio
    20 luglio 2012 - Stefano Tibiletti
Nada e WWF irrompono durante l'assise civica

Gli ambientalisti e la discarica d'amianto arrivano in Consiglio Comunale

Durante la discussione delle osservazioni al Piano regolatore generale, una delegazione composta dai rappresentanti dell’associazione Nada (No alla discarica d’amianto) e del Wwf-zona frentana, ha protestato civilmente ma in maniera ferma.
Fonte: Il Centro - 11 ottobre 2010

logo wwf
Mostrando tutta la loro preoccupazione per i lavori in atto nell’area che ospita la discarica d’inerti di Villa Pincione. Il via vai di battistrada e ruspe che, da circa un mese, lavorano nell’area di proprietà della Smi (Società meridionale inerti), ha fatto sorgere dei dubbi nei residenti che chiedono alla politica di agire come promesso affinché la discarica d’inerti non diventi una discarica d’amianto. In aula hanno fatto il loro ingresso manifesti e volantini su cui si leggeva: «Riaperta la discarica di amianto. Promesse non mantenute: vergogna». Per permettere ai residenti di poter parlare, la seduta del consiglio è stata sospesa.

«Siamo stati abbandonati dalla politica», hanno detto riferendosi in particolar modo al senatore Fabrizio Di Stefano e all’assessore regionale Mauro Febbo venuti ad Ortona per annunciare l’approvazione di una legge per bloccare il progetto in attesa di individuare siti idonei ad ospitare discariche di rifiuti contenenti amianto in matrici cementizie. La legge, ricordano, è arrivata però dopo che la ditta ha ottenuto anche l’Aia (autorizzazione integrata ambientale) cioè l’ultima autorizzazione necessaria per avviare i lavori. I toni si sono scaldati quando ai politici presenti in aula è stata rivolta l’accusa di essere disattenti e di non agire neanche quando in uno studio commissionato dalla Provincia di Pescara si assegna ad Ortona e Spoltore il ruolo di città ideali ad ospitare discariche. «Persino in quell’occasione siete stati zitti», hanno detto i residenti, «è incredibile». Dopo aver ascoltato quello che avevano da dire i cittadini e poiché il sindaco, Nicola Fratino, era assente, ha preso la parola il capogruppo del Pdl, Remo Di Martino. «Siamo d’accordo con voi», dice Di Martino, «credevamo che la legge votata dal consiglio regionale avesse bloccato tutto. Adesso invieremo i vigili urbani per verificare che tipo di lavori si stanno effettuando nell’area della discarica. Nel frattempo, con i capigruppo, decideremo cosa fare». Di Martino, anche a nome degli altri consiglieri, ha accolto la proposta lanciata dal comitato Nada di convocare un consiglio straordinario nel circolo di Villa Pincione. L’assise si riunirà lì mercoledì alle 19:30.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy