PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"
    Audizioni in Senato su un testo che ha scatenato polemiche

    Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"

    Tra gli ambientalisti c'e' chi preme sull'acceleratore per la nuova legge sui reati ambientali, e chi la segnala come un pericoloso colabrodo.
    6 luglio 2014 - Carlo Gubitosa
  • Si rispetti il volere di cittadini e istituzioni locali

    “Sì all’Abruzzo delle energie rinnovabili, no al petrolio”

    Domenica 18 aprile 2010 a San Vito Marina (CH) presso l’ex Stazione Ferroviaria, ore 15,00
    15 aprile 2010
  • Wwf all'attacco: no all'autorizzazione regionale alla Ferriera

    Wwf all'attacco: no all'autorizzazione regionale alla Ferriera

    Il Wwf di Trieste esprime un secco «no» all’autorizzazione integrata ambientale (Aia) concessa dalla Regione alla Ferriera di Servola. Secondo gli ambientalisti le emissioni di inquinanti sono all’ordine del giorno. L’Aia non ha fissato parametri e scadenze
    15 febbraio 2008
  • Il Wwf di Belluno contro gli inceneritori
    «Nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma»

    Il Wwf di Belluno contro gli inceneritori

    La cosiddetta «emergenza rifiuti» a Napoli e dintorni ha portato all’attualità il problema e anche sulla stampa locale sono apparsi più articoli sull’argomento. C’è pure chi ha colto l’occasione per risfoderare la necessità di un inceneritore (pardon un termovalorizzatore) in provincia.
    20 gennaio 2008 - Renata Sgarzi
Comunicato stampa

Il fiume Treste cade sotto i colpi delle ruspe

Il WWF interviene con un esposto a Regione e Corpo Forestale
19 ottobre 2010 - WWF Abruzzo

logo WWF
Lavori all'interno di un Sito di Interesse Comunitario istituito per proteggere la rarissima Testuggine palustre.
Ennesimo fiume devastato in Abruzzo: questa volta a cadere sotto i colpi delle ruspe scese direttamente in alveo è il bellissimo Fiume Treste in provincia di Chieti. Anche il WWF, dopo l'associazione PortaNuova di Vasto, interviene a difesa di questo territorio importantissimo dal punto di vista naturalistico. Infatti il Fiume Treste è stato classificato dalla Regione Abruzzo e dalla Commissione Europea quale Sito di Interesse Comunitario per la flora e per la fauna (Sito SIC Gessi di Lentella). E' un'area sottoposta a precisi obblighi di tutela derivanti dal decreto 357/97 e dalla stessa direttiva “Habitat” 43/92/CEE.

Dichiara Augusto De Sanctis, referente acque del WWF Abruzzo “E' incredibile vedere le ruspe scorrazzare e sbancare direttamente in alveo un fiume tutelato a livello europeo. Lavori che hanno ridotto il fiume in uno stato pietoso, alterando completamente in quel tratto qualsiasi processo ecologico e interrompendo la connessione ecologica tra aree di valle con le aree di monte. Un punto divenuto completamente inospitale per la fauna protetta a livello comunitario presente nel sito. Si tratta dell'ennesimo assalto ad un fiume della Regione. Oggi stesso abbiamo inviato una segnalazione ai vari enti competenti, tra cui gli uffici qualità delle acque e parchi della Regione Abruzzo e il Corpo Forestale dello Stato, per chiedere spiegazioni visto che ben difficilmente lavori condotti in questo modo possono essere considerati compatibili con le norme poste a tutela dei fiumi. Attendiamo un rapido intervento per scongiurare ulteriori sconvolgimenti dell'ambiente fluviale e per ottenere un immediato ripristino delle condizioni ambientali.”

Dichiara Luciano Di Tizio, coordinatore regionale della Societas Herpetologica Italica “Il fiume Treste è una delle aree di maggiore interesse in Italia per la tutela della rarissima Testuggine d'acqua europea, per la quale la Commissione Europea richiede agli Stati Membri un'azione volta ad una rigida tutela La Commissione Europea più volte in diversi siti SIC ha finanziato con milioni di euro interventi per la rinaturalizzazione di corsi d'acqua per favorire questa specie.
L'intervento in atto, invece, va esattamente nella direzione opposta a quanto necessario per assicurare un futuro per la specie nell'area”.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy