PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto
    Gli idrocarburi nel lago Pertusillo

    Inquinamento segreto? Le leggi dicono l'opposto

    La difesa del radicale lucano Maurizio Bolognetti spiega perché i singoli cittadini hanno il diritto - dovere di tutelare l'ambiente
    17 maggio 2014 - Lidia Giannotti
  • Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese

    Disastro di Bussi. il peggiore scandalo della storia abruzzese

    Ora indagine epidemiologica e bonifiche, il vero grande cantiere per il lavoro. Paga chi ha inquinato. Firma e fai firmare la petizione online. Abbiamo bisogno dell'impegno e del sostegno di tutti e tutte...
    28 marzo 2014 - Forum Abruzzese dei Movimenti per l'Acqua Pubblica
  • La logica infernale del capitale
    La guerra tra fame e lavoro che porta morte continua, ma non serve a fermare

    La logica infernale del capitale

    Abbiamo qualche speranza nella politica dei governi del Sud America ma anche lì sembra che la disperazione faccia tornare a lavorare in miniere sempre più profonde per cercare l'oro ..... a qualunque costo sociale, ambientale e politico
    7 agosto 2012 - William Almeyra
  • Il popolo delle formiche... ha spostato l'elefante
    Perché ha vinto la società civile

    Il popolo delle formiche... ha spostato l'elefante

    Ho avuto speranza di raggiungere il quorum nel referendum quando ho percepito la varietà e la molteplicità dei modi con cui si è fatta campagna per il voto e per il sì: ognuno con i propri mezzi, nel proprio quotidiano ha dato una spinta alla riuscita del referendum
    18 giugno 2011 - Marinella Marescotti
Il 29 dicembre convocato l'ATO a Lanciano per decidere sugli aumenti della tariffa e il nuovo Piano d'Ambito che resterà valido fino al 2032

Per Natale arriva la stangata sull'acqua nei 92 comuni dell'ATO Chietino.

Stop agli aumenti, garantire la partecipazione dei cittadini sul futuro della gestione dell'acqua in provincia di Chieti
24 dicembre 2010 - WWF Abruzzo, Abruzzo Social Forum, Ass. OltreAbruzzi

Acqua
Fine anno a rischio salasso per i cittadini dell'ente d'ambito chietino: il prossimo 29 dicembre è convocata l'assemblea dell'ATO di Lanciano per l'approvazione del nuovo piano d'ambito che prevede da subito un pesante aumento delle tariffe. La simulazione dell'impatto delle nuove tariffe sui cittadini redatto dai tecnici del commissario straordinario dell'ATO, documento che le associazioni hanno consultato, evidenzierebbe un aumento dell'11% annuo per una famiglia media di 4 persone, che già sarebbe una stangata in un momento di crisi. In realtà l'aumento è maggiore perché le associazioni hanno scoperto che questa simulazione è fatta confrontando la tariffa di oggi con quella del piano per il 2010 che, in caso di approvazione, varrà solo per tre giorni, dal 29 al 31 dicembre! Poi dal primo gennaio 2011 scatterà un ulteriore aumento previsto dal piano per il 2011 (da 1,20 euro mc come Tariffa media per il 2010 a 1,25 euro/mc per il 2011). Quindi il calcolo dell'impatto sulle famiglie doveva tener conto di due aumenti che avverranno nel giro di pochissimi giorni e che, da una prima valutazione delle associazioni, porterà ad un aumento per una famiglia media di circa il 15%.
La documentazione che sarà all'esame dell'assemblea, elaborata dal Commissario Caputi, segnala le enormi criticità collegate alla gestione pregressa rilevando in particolare enormi scostamenti tra le previsioni del piano d'ambito in vigore con quanto accaduto realmente. Solo per fare un esempio, nel periodo 2003-2009 si sono registrati minori ricavi rispetto a quanto programmato nel Piano d'Ambito per ben 65 milioni di euro, in larga parte dovuti ad un errore di valutazione circa i volumi di acqua da erogare. Per quanto riguarda gli investimenti nella relazione si può leggere “Complessivamente il Gestore ha investito 105.881.397 Euro in meno rispetto a quanto previsto dalla pianificazione di Ambito nel periodo 2003-2009.” Infine per quanto riguarda i costi operativi, si segnala un minore esborso rispetto al programmato di circa 6 milioni di euro. Questa approfondita e doverosa verifica del pregresso svolta dal Commissario ha portato a predisporre una proposta di revisione del Piano d'Ambito, sia per quanto riguarda il piano tariffario sia per quanto riguarda gli investimenti. Il tutto per il periodo 2010-2032.

Dichiara Renato Di Nicola dell'Abruzzo Social Forum “Partiamo da un fatto ormai incontrovertibile: il Piano d'Ambito approvato nel 2003 non è stato rispettato con scostamenti enormi rispetto alla programmazione. Questo ha conseguenze enormi sulla qualità del servizio che hanno i cittadini e sull'ambiente stesso, visto che ci sono stati ben 105 milioni di investimenti in meno. Erano sbagliate in origine le previsioni del Piano? Oppure era corretto e non è stato applicato come si doveva? E' evidente, però, che qualcuno ha sbagliato. Per porre rimedio non si può però pensare di far pagare ai cittadini e di approvare una profonda revisione del piano d'ambito che decide le sorti del servizio idrico integrato fino al 2032 senza alcuna discussione con la cittadinanza e nei consigli comunali. Intanto bisogna chiarire le responsabilità. Poi bisogna garantire la partecipazione assicurando la trasparenza di tutti gli atti e, soprattutto, ottemperando a quando prevede la normativa comunitaria sulla Valutazione Ambientale Strategica che deve essere espletata per legge quando si devono adottare piani e loro revisioni che hanno conseguenze sull'ambiente. Nella procedura di VAS è prevista la fase della consultazione e partecipazione dei cittadini e l'accesso a tutte le informazioni preventivamente. Lanciamo un appello ai sindaci affinchè non votino gli aumenti approfondendo ulteriormente la documentazione fornita dal Commissario Caputi”

INFO: 3683188739, SEGRETERIA: WWF Abruzzo, via D'Annunzio 68, 65100 Pescara

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy