PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"
    Audizioni in Senato su un testo che ha scatenato polemiche

    Cinquestelle, Legambiente, WWF e i "reati ambientali"

    Tra gli ambientalisti c'e' chi preme sull'acceleratore per la nuova legge sui reati ambientali, e chi la segnala come un pericoloso colabrodo.
    6 luglio 2014 - Carlo Gubitosa
  • Si rispetti il volere di cittadini e istituzioni locali

    “Sì all’Abruzzo delle energie rinnovabili, no al petrolio”

    Domenica 18 aprile 2010 a San Vito Marina (CH) presso l’ex Stazione Ferroviaria, ore 15,00
    15 aprile 2010
  • Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Ortona, mercoledì si discute del Centro Oli

    Mercoledì 30 aprile alle ore 09:30 al consiglio comunale di Ortona si ridiscutera' la questione Centro Oli. E torna il panico. Un colpo al cuore per i centinaia di appartenenti ai comitati spontanei e ambientalisti che pensavano di poter stare tranquilli almeno fino al nuovo anno
    25 aprile 2008
  • Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    Ad Annozero si parla di Viggiano e Ortona s'infiamma

    «Ci avevano detto che l'Eni avrebbe portato sviluppo», raccontano i residenti, «e noi ci avevamo creduto». Ma adesso, invece, il paese si sta spopolando: «vanno via i giovani e non solo…si portano via tutta la famiglia». In 15 anni si calcola una perdita di un quarto della popolazione e si racconta di «aziende smembrate per far passare l'oleodotto», «aria irrespirabile», «paura per la salute».
    9 marzo 2008
Comunicato stampa

Il Campeggio ai Ripari di Giobbe sequestrato per abusi edilizi

Soddisfazione del WWF: ora il Comune di Ortona si costituisca parte civile
18 febbraio 2012 - Ines Palena, Presidente WWF Zona Frentana e Costa Teatina; Fabrizia Arduini, Referente Area Ortonese WWF Zona Frentana e Costa Teatina

Soddisfazione del WWF dopo il sequestro da parte della Guardia di Finanza del Camping di località Ripari di Giobbe di Ortona.

Ripari di Giobbe
L’intervento della Guardia di Finanza è scaturito da una dettagliata denuncia di alcuni mesi orsono da parte delle Guardie Particolari Giurate Volontarie del WWF che avevano segnalato massicci lavori edili in una zona vincolata in quanto situata in prossimità della costa, sottoposta a tutela ambientale, paesaggistica ed a rischio idrogeologico.
Il Camping ai Ripari di Giobbe non è nuovo a provvedimenti giudiziari. Sempre grazie alle segnalazioni del WWF la struttura fu sequestrata anche nel 2006 per la violazione delle normative edilizie ed ambientali.
Dichiara Fabrizia Arduini, referente locale dell’Associazione WWF: l’Amministrazione Comunale di Ortona in tutti questi anni ha dimostrato di non voler dirimere le questioni legate al Camping dei Ripari di Giobbe a cominciare dall’accesso libero dei turisti sulla spiaggia che viene ancora oggi negato dal gestore del Campeggio e che di fatto ha trasformato la spiaggia di tutti in un luogo ad esclusivo uso privato del camping. Non è possibile che siano sempre e solo le associazioni e i cittadini a farsi garanti dei beni comuni e del diritto ad usufruirne.
E’ giunto il momento che l’amministrazione comunale di Ortona si assuma le proprie responsabilità politiche sulle tante vicende irrisolte dei Ripari di Giobbe a cominciare da un gesto concreto: la costituzione del Comune di Ortona come parte civile nel procedimento giudiziario a carico dei responsabili del Camping ai Ripari di Giobbe.
Afferma Ines Palena, Presidente del WWF Zona Frentana e Costa Teatina: la nostra Associazione di cittadini sarà sempre attenta a segnalare alle autorità le speculazioni e gli attentati alla nostro paesaggio costiero che ancora aspetta di essere tutelata con l’istituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina.
E’ doveroso sottolineare la professionalità della Procura della Repubblica di Chieti e della Guardia di Finanza, capaci di giungere a conclusione di una complessa attività di indagine e dimostrando entrambi di essere attenti ai reati contro l’ambiente ed il patrimonio collettivo.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy