PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • L'invito di Vittorio

    L'invito di Vittorio

    Il 15 Aprile di 3 anni veniva assassinato Vittorio Arrigoni.
    14 aprile 2014 - Arianna Tascone
  • Another spread is possible

    Another spread is possible

    Non c’è nessun governo tecnico ad occuparsene ma lo spread è anche tra la morale e i gesti compiuti ogni giorno in modo meccanico rispondendo al richiamo del consumismo.
    30 settembre 2012 - Arianna Tascone

Il nostro impegno non renderà mai vano il sacrificio di Libero

La giovanissima studentessa vastese Arianna Tascone, vincitrice del premio "Libero Grassi" nel 2011 per l'intensa "Lettera al caro estorsore", ha partecipato a fine Agosto alla commemorazione in Sicilia dell'anniversario dell'assassinio di Libero Grassi. Con immenso piacere riportiamo e diffondiamo il suo racconto.
11 settembre 2012 - Arianna Tascone

Arianna Tascone alla commemorazione di Libero Grassi - Agosto 2012

Il 29 agosto del 1991, in via Alfieri, mentre Libero Grassi si reca al lavoro viene raggiunto da cinque colpi di pistola, che spengono la sua voce divenuta un solitario grido di ribellione alla mafia. Non deve stupire la sua solitudine, perché quella di rinunciare alla scorta fu una scelta dettata dall’illusione che la sua esposizione pubblica gli avrebbe fatto da scudo. Ciò che invece deve continuare ad indignare chiunque conosca questa storia, è la solitudine di Libero Grassi nella sua lotta al predominio mafioso. Il mancato appoggio da parte dei suoi concittadini può essere parzialmente giustificato, ma per le istituzioni non ci sono scusanti. Non solo non venne sostenuto, ma molti lo consideravano un Don Chisciotte moderno impegnato a combattere gli inesistenti mulini a vento della mafia.

È interessante osservare ciò che invece ora avviene in via Alfieri, dove non ci sono targhe a ricordare il suo sacrificio, ma ogni anno la famiglia rinnova il manifesto di accusa contro chi venne meno al suo dovere in quel periodo e traccia sul marciapiede su cui Libero morì  una macchia di vernice rossa, simbolo di tutto il sangue innocente versato. Con il passare del tempo quella che era un occasione di ricordo per pochi, si è trasformata in un momento di riflessione di carattere nazionale. Quest’anno in seguito alla commemorazione in via Alfieri sono state tante e partecipate le iniziative organizzate a Palermo.

A partire del pomeriggio è stato presentato il film-documentario Sconzajuoco 2.0, a cura della Fondazione Progetto Legalità, che esamina il fenomeno mafioso e la sua tanto discussa e negata presenza a nord. In seguito è stato il turno del libro Libero Grassi. Storia di un’eresia borghese dello storico Marcello Ravveduto. Al dibattito hanno partecipato l’autore, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, l’assessore Agata Bazzi, il magistrato Nico Gozzo, Enrico Colajanni, presidente dell’associazione antiracket “Libero Futuro”, e Tano Grasso, presidente onorario della FAI. Tutte persone che avevano conosciuto personalmente Libero e il loro intento è stato quello di evitare la descrizione di un eroe solitario ma, come ha giustamente detto Marcello Ravveduto,  quella di un uomo normale, un patriota ligio ai suoi doveri civili.

Nella serata si è avuto il momento più toccante, quando alla presenza del Ministro degli Interni, Anna Maria Cancellieri, del procuratore antimafia Pietro Grasso e di Pina Maisano Grassi, sono stati proiettati i video che negli anni hanno partecipato al Premio Libero Grassi della Cooperativa Solidaria. Da essi e dalle nuove lettere al caro estortore lette dagli autori e dai ragazzi di Addio Pizzo Junior è arrivato il più forte grido di speranza che Palermo potesse desiderare.
Tutti noi ragazzi presenti su quel palco non eravamo neanche nati quando Libero morì. Eppure oramai la sua voce è divenuta familiare e la dolcezza con cui Pina si appoggia a noi è una costante che riempie di gioia. È proprio qui l’incredibile forza della storia di questo personaggio, di questo patriota. Pina e Libero possono essere per la giovane generazione non degli eroi dei fumetti con improbabili superpoteri, ma dei teneri nonni che raccontano le favole prima di andare a dormire. La morale di giustizia che trasuda dalle loro favole diventerà poi coscienza civile dei cittadini che saremo domani.

Attenzione, però, è facile per noi “continentali” tirarci fuori, chiudendo gli occhi e facendo ancora una volta finta che sia solo un problema siciliano. La mafia non conosce confini territoriali, il nostro impegno deve imparare a dimenticarli per trovare l’unità e la forza necessaria a far sì che il sacrificio di Libero non sia stato vano.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy