PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • A Brindisi abbiamo la più grande discarica industriale di Europa
    Email a PeaceLink

    A Brindisi abbiamo la più grande discarica industriale di Europa

    La nostra terra è sempre stata un "generatore di salute". Non può trasformarsi in una condanna a morte. La salute dell'aria e la sicurezza dei prodotti alimentari sembrano compromesse in modo irrimediabile
    1 luglio 2014 - Marco Colizzi
  • I SIN pugliesi, troppi ritardi e poche bonifiche
    I dati pugliesi del Dossier di Legambiente "Le bonifiche in Italia: chimera o realtà?"

    I SIN pugliesi, troppi ritardi e poche bonifiche

    Brindisi, Manfredonia, Taranto. Viaggio tra i SIN pugliesi
    9 febbraio 2014 - Gabriele Caforio
  • Il decennio prodigioso della Repsol
    La compagnia petrolifera ha contaminato grandi aree e molti dei suoi dipendenti si sono ammalati.

    Il decennio prodigioso della Repsol

    Per 13 anni la Repsol si è arricchita portando fuori dall'Argentina tutti i profitti che l'azienda ha poturo raggiungere, senza doversi preoccupare della gente e dei danni ambientali. L'impatto sull’ambiente e sulla salute è stato particolarmente grave per le comunità Mapuche.
    14 maggio 2012 - www.diagonalperiodico.net
  • Un gruppo di indios incontattato nel Parco Nazionale del Manu, in Perù, è stato fotografato in una zona turistica.

    Amazzonia : una tribù che aveva scelto di rimanere isolata

    Survival International di Lima ha pubblicato alcune foto di una famigliola composta da adulti e bambini, seminudi, sulle rive di un fiume. Sono i Mashco Piro una delle ultime 15 tribù che vivono isolate dal resto del mondo, come altre 67 tribù, oltre il confine, nell'Amazzonia brasiliana.
    2 febbraio 2012 - Ernesto Celestini

No alla Centrale Snam a Cupello: chiediamo a gran voce trasparenza e partecipazione

Ci sia il massimo coinvolgimento della popolazione locale!
13 novembre 2014 - Arci Vasto, Associazione Antimafie Rita Atria, Associazione Culturale Peppino Impastato, Associazione Cupello Bene Comune, Movimento 5 Stelle Cupello, PeaceLink Abruzzo, Rifondazione Comunista Cupello, Sinistra Anticapitalista Abruzzo

Apprendiamo dalla stampa e da notizie frammentarie della possibilità di “spostare” il progetto di centrale di compressione gas della Snam da Sulmona a Cupello. Fino ad ora non è stata coinvolta neanche la stessa Amministrazione comunale, che a sua volta non si è ancora pronunciata in merito, così come l'opposizione relativa alla lista de Il Cambiamento, guidata dall'ex consigliere provinciale Camillo D'Amico, impegnato in questi giorni in altre questioni. Diversa e opposta alla nostra, la posizione, invece, del consigliere comunale Angelo Pollutri che auspica la collocazione dell'impianto a Cupello.

 

Come Rifondazione Comunista, come associazione Cupello Bene Comune e come Movimento 5 Stelle, chiederemo lumi sulla questione all'Amministrazione comunale tramite un'interrogazione in questi giorni e riteniamo necessaria un'assemblea pubblica da svolgersi al fine di confrontarsi con i cittadini. Ci chiediamo quanto debba sopportare questo territorio, a livello di inquinamento dell'aria e del terreno e come si possano coniugare questi tipi di impianto con la valutazione dei prodotti DOP, con lo sviluppo agroalimentare e la vocazione turistica dei borghi del Medio Vastese, un settore in crescita negli ultimi anni anche grazie alla istituzione del Parco Nazionale della Costa Teatina e della Riserva di Punta Aderci. Grazie al decreto Sblocca Italia, convertito in legge la settimana scorsa, il PD ha reso possibile anche questo, cioè la possibilità di non coinvolgere enti locali e popolazioni per progetti di interesse strategico, ma ci sentiamo in dovere di pretendere un confronto così come lo hanno preteso prima di noi i cittadini di Sulmona. E' una battaglia che continueremo a portare avanti, cercando di allargare ulteriormente il fronte del “no”. Su di noi grava già il peso di una centrale turbogas a Gissi, della Laterlite a Lentella, delle fabbriche chimiche della zona, la Stogit a Montalfano e l'ombra di un inceneritore per il Consorzio Civeta, oltre che del progetto in itinere della Vallecena s.r.l., relativamente ad un impianto per rifiuti speciali. Crediamo sia davvero troppo, crediamo che vada fatta una scelta ponderata.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy