PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • In fuga da Istanbul, lungo le vie dell’eroina e dei racket che portano in Europa

    La lunga marcia dal Bosforo al vecchio continente di un rifugiato politico in Italia. Le piste del narcotraffico. I trattamenti dei servizi segreti dell’Est. Le tratte di esseri umani. Le disillusioni della «terra promessa»
    15 aprile 2013 - Carlo Ruta
  • Il 13 aprile Pescara ha difeso l'Adriatico
    NO al progetto Ombrina Mare 2 (video)

    Il 13 aprile Pescara ha difeso l'Adriatico

    Da tutto l'Abruzzo ci si è dati appuntamento per fermare l'installazione di una piattaforma petrolifera vicina alla costa. Cityrumors Web TV ha diffuso questo bel video
    16 aprile 2013 - Lidia Giannotti
  • Meno Sociale=Più Penale
    Pescara. 30 militari in arrivo per rafforzare la vigilanza sulle strade

    Meno Sociale=Più Penale

    Il sindaco Mascia e l’Amministrazione Comunale, nel dare parere positivo alla proposta del Ministero, ci prospettano una città controllata manu militari: noi siamo convinti, sulla scorta di anni di lavoro, che il disagio sociale debba esprimersi e risolversi con la partecipazione attiva dei cittadini.
    23 luglio 2011
  • Non-informazione ... ma col bollino!
    A Pescara un convegno su "Diritto d'autore, Web e pirateria"

    Non-informazione ... ma col bollino!

    Organizzato dalla filiale locale della SIAE, l'incontro si è tenuto presso l'Istituto Tecnico "Manthoné" con la partecipazione dei rappresentanti delle Forze dell'Ordine, del mondo della scuola e degli autori. "La pirateria è un reato, il diritto d'autore deve essere rispettato". Giusto. Ma i diritti dei consumatori?
    16 novembre 2007 - Loris D'Emilio

Pescara ai vertici nazionali delle classifiche sulle estorsioni

Tantissimi episodi legati ad incendi dal 2009 (ne abbiamo contati oltre una settantina), alcuni sono legati a motivi personali o possibili frodi assicurative. Gli altri? Crediamo sia doveroso riflettere su questi dati
12 febbraio 2016 - Davide Ferrone (Ass. Antimafie Rita Atria)

E’ balzata come un fulmine a ciel sereno la notizia in prima pagina del Messaggero dei giorni scorsi della relazione D.I.A. nazionale sull’infiltrazione delle mafie in Abruzzo, specificando come nella ricostruzione a L’Aquila come nel litorale adriatico Camorra e Ndrangheta siano ormai presenti in pianta stabile.

Nel 2013 sono stati riconosciuti 56 reati di estorsione, ed i dati del ministero vedevano la provincia di Pescara all’11esimo posto in Italia in rapporto agli abitanti, 17,37 ogni 100mila (Napoli, un gradino sopra, 17,81 su 100mila). La città di Pescara si colloca quindi sopra a Reggio Calabria, Cosenza, Ragusa, Enna, Sassari Agrigento, mentre dati del Ministero relativi al 2014, sorprendentemente, indicano proprio Pescara, insieme a Foggia e Siracusa, al vertice della classifica nazionale relativa alle estorsioni. Ad onor del vero va ricordato che è ancora un primo parziale elenco, ma comunque significativo.

Gli episodi, seppur non divenuti cronaca quotidiana nelle discussioni degli abruzzesi e dei media locali(salvo altri episodi più da collegare al teppismo e vandalismo), rappresentano campanelli d’allarme tangibile, laddove anche la relazione dell’antimafia rileva un accordo tra criminalità locale e grandi strutture nazionali. Allarme che nel tempo, al di là delle inchieste giudiziarie, si è manifestato con inquietanti episodi non sempre giustificabili con tentativi di truffe assicurative o microcriminalità. Sono fatti localizzati nei quartieri cittadini di Rancitelli e Fontanelle o in quartieri ritenuti più tranquilli che dovrebbero far riflettere, nei quali le indagini rilevano che non vi sono neanche moventi legati a possibili frodi assicurativi ma il ritrovamento di inneschi e taniche di benzina  lasciano pochi dubbi sull’origine dolosa. Inoltre, la forza è nei numeri, davvero possiamo pensare che vi sia un tale numero di liti private o incuranza tale da giustificare statistiche nazionali e i tanti episodi verificati?

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies