PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Scanzano in Abruzzo

Un piccolo paese dell'Abruzzo costiero si ribella all'installazione di antenne per la telefonia mobile in pieno centro cittadino.

19 giugno 2004 - Alessio Di Florio

Dopo Scanzano, insieme alla Campania e a Termoli, nel mosaico del Sud che si ribella ora c'è anche l'Abruzzo. Un piccolo paese sulla costa adriatica, Casalbordino, dice no all'installazione di antenne per la telefonia mobile nel pieno centro cittadino. La notizia è esplosa nei giorni scorsi, e ai più' era sconosciuta. Appena si e' diffusa, l'intera Casalbordino si e' ribellata. Gia' nei giorni scorsi i lavori dovevano cominciare ma sono stati bloccati dalla mobilitazione popolare. Che sta producendo la nascita di un comitato spontaneo cittadino trasversale ai partiti che ha intenzione di portare avanti la battaglia contro le antenne. Lunedi' prossimo la vertenza giungera' anche all'attenzione del Consiglio Comunale, dove alcune forze politiche si sono impegnate a portare le istanze della cittadinanza. Ma la mobilitazione avviene soprattutto a livello popolare con il presidio permanente per fermare la possibilita' di inizio dei lavori. Presidio che dura le giornate intere, prolungandosi durante la notte. E anche attraverso la raccolta di firme per raccogliere la protesta. Che e' arrivata fino in Regione, dove al Tar e' stata presentato regolare ricorso contro la decisione. Solo una protesta diffusa e decisa potra' fermare l'installazione delle antenne, decisa dal proprietario di un'abitazione nel centro cittadino. Abitazione non utilizzata e quindi data alla Omnitel per lo scopo. Ma gli abitanti vicini protestano, denunciando i rischi che correrebbe la loro salute. Tra l'altro in pieno centro storico, a pochi passi dalla piazza centrale del paese, vero cuore pulsante della vita cittadina, e crocevia di tutte le attivita'. Senza dimenticare che spesso tra i viottoli del centro storico i bambini si fermano durante le giornate, soprattutto estive, per i loro giochi. E a pochi passi da dove dovrebbe sorgere l'antenna, vi sono anche vari esercizi commerciali, come bar e negozi, che rischiano di vedersi i generi alimentari contaminati dalle radiazioni prodotte dalle antenne. La popolazione percio' e' compatta nel no, a seguito anche di indagini mediche degli ultimi anni che denunciano un'incidenza della mortalita' da tumori a Casalbordino, altamente superiore alla normale soglia. Addirittura sfiorando il 10%. Per tutte queste ragioni si e' deciso di mobilitarci contro l'installazione delle antenne. La battaglia e' iniziata e si e' deciso di portarla avanti fino alla fine. LORO IL LUCRO, NOSTRA LA SALUTE E LA VITA. NO ALLE ANTENNE.

Note:

La battaglia contro installazioni del genere, nocive per la salute, e decise passando sopra i diritti dei cittadini, e' diffusa in tutta la Penisola. Adesso e' toccato a Casalbordino. Per questo e' gradita la solidarieta' di chiunque abbia a cuore la salute pubblica e i diritti. Chiediamo a chiunque puo' di dar voce alla nostra protesta. Solo una grande mobilitazione polare, trasversale e solidale, puo' realizzare il proprio obiettivo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy