Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

Articoli correlati

  • Welcome to StoptheF35.com/Benvenuti a Stop the F35
    Noi, sottoscritti cittadini del Vermont, ci opponiamo alla installazione dell’ F-35 Strike Fighter al Burlington International Airport.

    Welcome to StoptheF35.com/Benvenuti a Stop the F35

    Le lobby di aziende di forniture militari svolgono da sempre un ruolo fondamentale nella politica di difesa e di selezione degli apparati. D’altra parte tutta la politica della sicurezza porta con sé il concetto di salvaguardia degli interessi organizzati.
    16 giugno 2011 - Rossana De Simone
  • CANADA.

    Immigrazione, edili in piazza

    L'Universal Workers Union annuncia una manifestazione il 21 aprile. «Il nostro settore è a rischio»
    14 aprile 2006 - LUIGI DE BIASE
  • Ecuador: il nuovo ambasciatore canadese accusato di aver partecipato al golpe ad Haiti

    l'assemblea permanente dei Diritti Umani accusa Christian Lapoint di aver colaborato a pianificare i lgolpe contro il governo haitiano di Aristid
    15 dicembre 2005
  • Gli americani e la mucca pazza

    Gli americani e la mucca pazza

    La maggior parte dei canadesi e degli americani ritiene che i rispettivi governi abbiano preso le misure necessarie per fermare la diffusione dell'encefalopatia spongiforme bovina (BSE), il morbo della mucca pazza. Ma si sbagliano.
    3 febbraio 2005 - John Stauber

Il giorno della prima foca

Migliaia di cacciatori armati con arpioni, fucili e fiocine scendono sui ghiacci del Canada orientale. Per uccidere oltre 300.000 cuccioli di foca, da oggi fino al 15 maggio.
La caccia è appena cominciata. Frutterà circa 8 milioni di euro, e la condanna come "barbarica" da parte di tutte le organizzazioni protezioniste.
30 marzo 2005 - Stefano Carnazzi

La caccia di quest'anno è il più grande massacro, da quando il governo canadese ha deciso nel 2003 di autorizzare la falcidie di un milione di foche, in tre anni.

Uno smacco per il movimento anti-caccia internazionale, attivo dagli anni '60. Le sommosse e le proteste avevano portato, tra gli anni '70 e '80, a riduzioni della caccia e limitazioni al commercio.
Ma la caccia dell'anno scorso è stata la più feroce, in 50 anni. Più di 300,000 cuccioli di foche uccisi entro il 15 maggio, quando il piano del governo avrà fine. Tra i motivi ufficiali, la diminuzione del pesce.
.
. La stagione di caccia ha avvio circa due settimane dopo la nascita di molte foche.

"Siamo qui per fare il nostro lavoro, responsabilmente. Dobbiamo vedere la via di mezzo tra la conservazione e i bisogni economici della regione" ha dichiarato alla AFP un ufficiale del Canada's Department of Fisheries and Oceans.

La Humane Society International (HSI), una delle più grandi essociazioni animaliste del mondo, ha avviato una campagna contro il Canada, a partire dal giorno in cui la prima foca viene uccisa.
.
"Ci siamo uniti per boicottare i prodotti del mare canadesi, dal salmone al granchio" ha dichiarato alla Reuters John Grandy, vicepresidente della Humane Society. "Penso che il governo candaese rimarrà scottato, vedranno serie conseguenze andando avanti con la caccia. Noi incoraggeremo i consumatori ad aprire un dialogo con i loro negozi, i ristoranti, in tutto il mondo, e dire 'Per favore non servite pesce canadese' oppure 'Io non compro prodotti ittici canadesi finché non finisce la caccia alle foche'".

"La cosa che colpisce di più - ha ribadito Chris Hails, direttore del programma globale del Wwf - è che sono animali simbolo della difesa della natura. Penso che la gente si senta in connessione con loro".

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy