Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

Articoli correlati

  • Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia
    il lancio di un missile potrebbe provocare un vero e proprio contrattacco con forze nucleari strategiche

    Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia

    gli sforzi per impedire all'Iran di acquisire armi nucleari potrebbero provocare reazioni pericolose, incluso il perseguimento del paese di altri sistemi di armi non convenzionali
    19 novembre 2011 - Rossana De Simone
  • Ma l’Alta Finanza sa di essere nei guai?

    Ma l’Alta Finanza sa di essere nei guai?

    Stanotte la polizia ha rimosso il presidio di Occupy Wall Street. Ma i manifestanti non sembrano intenzionati ad arrendersi. In questo articolo del mese scorso, la cronaca delle prime settimane a Zuccotti Park.
    15 novembre 2011 - Chris Hedges
  • Due pesi e due misure
    In risposta al discorso di Obama all'ONU

    Due pesi e due misure

    L'ultimo discorso di Obama all'ONU, il 21 settembre scorso, ricalca molto da vicino quelli del suo predecessore George Bush Jr., tra contraddizioni e affermazioni fuorvianti e insincere.
    2 novembre 2011 - Stephen Zunes
  • Dall'Argentina a Wall Street
    Occupy Wall Street

    Dall'Argentina a Wall Street

    Un'analisi di ciò che lega i movimenti sociali dell'America Latina al movimento "Occupy Wall Street" attraverso la cronaca di una giornata al Liberty Plaza Park occupato.
    18 ottobre 2011 - Benjamin Dangl
Tempi duri per i vegetariani e per le mucche

Costrizione: ecco cosa c'è per cena

20 giugno 2005 - Sheldon Richman (membro senior di The Future of Freedom Foundation, autore di Tethered Citizens: Time to Repeal the Welfare State, ed editore della rivista The Freeman.)
Fonte: www.fff.org
http://www.fff.org/comment/com0506d.asp
13.06.05
Tratto da: milho.ilcannocchiale.it

illustrazione di sue coe La maggior parte delle discussioni recenti si è incentrata sugli sforzi del governo tesi a limitare la libertà di espressione dei singoli cittadini. Perciò vale la pena notare che la Corte Suprema degli USA si è espressa in un caso che non trattava di libertà di espressione negata, ma piuttosto di espressione forzata. Ahimè, il caso è stato risolto in modo discutibile.

Tutti abbiamo visto in TV gli annunci generici che promuovono la carne bovina (“Ecco cosa c’è per cena”). Tali annunci sono stati pagati dagli allevatori di bovini. Ma c’è un inghippo. Gli allevatori devono contribuire a pagarne il costo anche se non lo vogliono. Ogni allevamento viene tassato di un dollaro per ogni capo.

Questo dovrebbe immediatamente far nascere una questione: come possono alcuni allevatori forzare altri allevatori a pagare qualcosa contro la loro volontà? Dopo tutto, noi non abbiamo alcuna facoltà di forzare altre persone ad aiutarci per comperare spazi televisivi, non importa quanto sia nobile la causa. Se solo ci provassimo, saremmo accusati di truffa.

Quindi, come hanno fatto gli allevatori ad ottenere questo diritto? Semplice. Sono riusciti nel 1985 a convincere il Congresso a far passare una legge che attua il programma e permette di raccogliere 80 mln di dollari all’anno. Alcuni operatori del settore però si oppongono, perché non approvano il messaggio, sottinteso nella campagna, che tutta la carne dei bovini – alimentati con cereali o con grassi, di produzione interna o di importazione – è uguale e perché pensano di essere stati ignorati dal Dipartimento dell’Agricoltura e dalla Associazione Allevatori Bovini. I dissenzienti si rivolsero al tribunale e vinsero, fino a quando non arrivarono alla corte suprema.

Il Giudice Antonin Scalia ha ottenuto una maggioranza di 6-3 per sostenere il programma di coercizione. In questo è stato aiutato dal Giudice Capo William Rehnquist e dal Giudice  Clarence Thomas. Tutti e tre hanno la reputazione di essere impegnati a fare rientrare nei limiti della costituzione gli atti governativi, ma questa decisione dovrebbe smentire questa ingenua credenza. A questi si sono aggiunti i Giudici Sandra Day O’Connor, Ruth Bader Ginsburg e Stephen Breyer.

Per Scalia, “[La] questione fondamentale è stabilire se l’annuncio generico in questione è atto diretto del Governo e perciò è immune dall’applicazione del Primo Emendamento.” Egli ha deciso che: “Il messaggio delle campagne promozionali è in effetti controllato dal Governo Federale. Il messaggio diffuso nelle promozioni della carne bovina è dall’inizio alla fine preparato dal Governo Federale.... Congresso e Segretario [del Ministero dell’Agricoltura] hanno preparato la base del messaggio e alcuni dei suoi elementi, quindi hanno lasciato lo sviluppo dei dettagli rimanenti ad un ente i cui membri rispondono al Segretario (e in alcuni casi sono incaricati dallo stesso). Inoltre, il rapporto dimostra che il Segretario esercita il diritto di approvazione finale su ogni parola utilizzata in ogni campagna promozionale.”

A questo punto potreste chiedervi perché è importante stabilire se il messaggio viene dal Governo o dall’Industria privata. La sovvenzione forzata di campagne pubblicitarie è sovvenzione forzata, giusto? Non per Scalia e i suoi colleghi: “‘Il supporto forzato del Governo ’ — anche di quei programmi del governo che qualcuno non approva — è naturalmente perfettamente costituzionale, come ogni contribuente può testimoniare.”

Qui Scalia rende esplicito quello che pochi osano ammettere: il governo per sua natura aggredisce costantemente gli individui pacifici. Gli sottrae denaro per una varietà di scopi, incluso il patrocinio, verso cui i cittadini potrebbero veementemente discordare e questi ultimi non hanno nemmeno delle basi legali su cui obiettare. Questo è ancora più vero per i vantati “diritti delle minoranze.”

Ma, tralasciando questo fatto, qualcuno pensa veramente che la campagna “Carne bovina: ecco cosa c’è per cena” sia qualcosa di diverso da un messaggio dell’industria dell’allevamento? Il governo è fortemente impegnato nel propagandare il messaggio perché forti interessi degli allevatori hanno avuto alleati nel Congresso per fare passare il programma. Definire la campagna un “messaggio stabilito dal Governo Federale” è un’offesa al buon senso.

Il precedente molto probabilmente darà il via ad altre campagne pro-industriali sponsorizzate dal Governo, inclusa quella per la carne di maiale. La libertà ha subito un altro colpo.

Note:

Traduzione: milho

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy