Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

    Uccise dalle navi o dalle reti «Salvate le balene azzurre»

    «Science»: nell' Atlantico 8 morti su 10 non vengono segnalate
    27 luglio 2005 - Ennio Caretto
    Fonte: www.corriere.it
    26.07.05

    baalena glacialis Le chiamano «le balene giuste» ( right), giuste da cacciare, perché sono tra le più grandi, le più lente e le più ricche di olio che esistono. Ma quelle del Nord Atlantico (altre della famiglia si trovano in Alaska, Patagonia, Sud Africa, Nuova Zelanda e Giappone) sono una specie in via di estinzione. E, secondo la rivista Science, scompariranno se non verranno adottate misure d' emergenza in loro difesa. «Oltre 8 morti su 10 di queste balene - ha ammonito Science - rimangono nascoste. Muoiono di solito perché investite dalle navi o imbrigliate in enormi reti stese per la pesca». La rivista ha precisato che in 16 mesi ne sono decedute almeno 8, di cui 4 erano madri in attesa dei figli, una perdita cruciale. «Crediamo che al massimo ne rimangano 350 - ha concluso Science -. Salvarle sarà una corsa contro il tempo».

    LO STERMINIO - La «Balaena glacialis» (questo il suo vero nome) ha una testa enorme, galleggia da morta, e nei secoli passati rischiò lo sterminio. Moby Dick, la balena bianca del romanzo di Melville, immortalato al cinema dall' attore Gregory Peck nei panni del capitano Achab, regnava sulle loro acque. La rivista Science ha condotto una ricerca nel Nord Atlantico tramite 18 esperti, e ha scoperto con raccapriccio che, sebbene la pesca delle «balene giuste» sia vietata, le loro file si sono assottigliate enormemente. Amy Knowlton, una ricercatrice dell' Acquario della Nuova Inghilterra, ha notato come «i calcoli sui loro decessi siano errati all' 83 per cento per difetto». Le uccisioni sono accidentali, ha ammesso, ma frequenti.

    GLI OBIETTIVI - I rimedi urgenti proposti da Science, che ha invocato la legge sulle specie in via di estinzione, sono due. Il primo da attuare entro la fine dell' anno è la restrizione dell' uso delle grandi reti da pesca nelle aree frequentate dai giganteschi mammiferi. La Knowlton ha spiegato che le reti con gli attrezzi relativi, quasi sempre in superficie, costituiscono vere trappole per le balene: «Non riescono a districarsi e muoiono». Il secondo rimedio, previsto per l' anno prossimo, è la modifica di alcune rotte navali transatlantiche. La portavoce del Servizio atmosferico Tery Frady ha rilevato che la riduzione della velocità delle navi non sarebbe sufficiente: «Esse devono evitare alcune zone che noi conosciamo». Ma la proposta delle due misure, che Science vorrebbe sottrarre al consueto, interminabile iter burocratico, ha provocato un braccio di ferro tra gli scienziati e gli animalisti da un lato e i pescatori e l' industria navale dall' altro. I pescatori obbiettano che abbandonare le aree più ricche di pesce del Nord Atlantico e rendere le reti meno letali per le balene comporterebbe una diminuzione dei guadagni e un aumento dei costi. E l' industria navale rifiuta di abbandonare le rotte tradizionali per gli stessi motivi e per questioni di sicurezza. I 18 esperti della rivista minacciano di rivolgersi al Congresso a Washington: «La "Balaena glacialis" è un patrimonio ecologico e culturale irrinunciabile» ha sostenuto la Knowlton.

    LA BATTAGLIA - In America, il dramma delle «balene giuste», che negli ultimi anni si sono arenate a volte a piccoli gruppi sulle spiagge, inducendo le popolazioni locali a soccorrerle con ogni mezzo per riportarle in acqua, ha destato sensazione. Questi animali, che raggiungono un peso in media di 60 tonnellate e le cui femmine hanno un parto ogni tre anni, sono tra i più popolari, specialmente presso i bambini. I media, che un tempo ne esaltavano la caccia, si battono per la loro preservazione. Alla tv, si proietta spesso un film, girato nel ' 95 fra i Maori della Nuova Zelanda, tratto da una fiaba, «The whale rider», il cavaliere delle balene: la protagonista è una bambina che sale a cavallo di una di esse, immobilizzata appunto sulla spiaggia, e la riporta nell' oceano a rischio della propria vita.

    Note:

    I NEMICI DEI CETACEI :

    LA CACCIA Secondo i dati della Commissione baleniera internazionale soltanto nel 2005 saranno uccise 2.137 balene

    LA RETE La missione Odyssey ha rivelato che ogni anno, nel mondo, finiscono nelle reti da pesca 300 mila cetacei LE COLLISIONI Tra i principali nemici delle balene ci sono le navi: solo nel Mediterraneo il 15,5% è stato ucciso in questo modo

    L' INQUINAMENTO I sistemi immunitari e riproduttivi delle balene sono minacciati da veleni come Pcb (policloruro bifenili) e Ddt I SONAR L' inquinamento acustico dei sonar causa danni fisiologici ai cetacei e provoca il loro disorientamento

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy