Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

Articoli correlati

  • Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia
    il lancio di un missile potrebbe provocare un vero e proprio contrattacco con forze nucleari strategiche

    Il Pacifico impegno di Obama: dalla Libia all’Iran mette le basi in Australia

    gli sforzi per impedire all'Iran di acquisire armi nucleari potrebbero provocare reazioni pericolose, incluso il perseguimento del paese di altri sistemi di armi non convenzionali
    19 novembre 2011 - Rossana De Simone
  • Ma l’Alta Finanza sa di essere nei guai?

    Ma l’Alta Finanza sa di essere nei guai?

    Stanotte la polizia ha rimosso il presidio di Occupy Wall Street. Ma i manifestanti non sembrano intenzionati ad arrendersi. In questo articolo del mese scorso, la cronaca delle prime settimane a Zuccotti Park.
    15 novembre 2011 - Chris Hedges
  • Due pesi e due misure
    In risposta al discorso di Obama all'ONU

    Due pesi e due misure

    L'ultimo discorso di Obama all'ONU, il 21 settembre scorso, ricalca molto da vicino quelli del suo predecessore George Bush Jr., tra contraddizioni e affermazioni fuorvianti e insincere.
    2 novembre 2011 - Stephen Zunes
  • Dall'Argentina a Wall Street
    Occupy Wall Street

    Dall'Argentina a Wall Street

    Un'analisi di ciò che lega i movimenti sociali dell'America Latina al movimento "Occupy Wall Street" attraverso la cronaca di una giornata al Liberty Plaza Park occupato.
    18 ottobre 2011 - Benjamin Dangl
Migliaia gli animali abbandonati in Louisiana nei primi giorni della tragedia

Le vittime dimenticate dell’uragano Katrina

2 ottobre 2005 - Oscar Grazioli

. Dell’uragano Katrina ormai non scrive più nessuno. Roba vecchia. È una constatazione non un rimprovero. I giornali hanno le loro regole, come i lettori. Eppure è inevitabile che le storie si vengano a sapere dopo molto tempo dal giorno X.

È il caso delle migliaia di animali abbandonati in Louisiana nei primi giorni della tragedia, quando la priorità era ovviamente la salvezza delle vite umane. Dramma nel dramma, questo di cani e gatti ormai divenuti, a tutti gli effetti, parte integrante di una famiglia. I proprietari si sono visti costretti ad abbandonarli al loro destino, per mancanza di spazio sui battelli e sui gommoni di salvataggio.

Gli psichiatri americani hanno valutato come “huge” (enorme) e “raping” (devastante) l’impatto emozionale di chi, solo al mondo, ha perso l’unico affetto che aveva, vedendolo abbaiare sul pianerottolo della casa invasa dall’acqua, mentre il battello di salvataggio inesorabilmente si allontanava.

Immaginate una persona anziana, vedova, il cui unico conforto è un botolo peloso che si infila sul letto, di notte, mugolando per la gioia di quella compagnia. Doverlo lasciare lì a morire mentre ti guarda con gli occhi imploranti e la coda che non si muove. Uno strazio indicibile. Tara Barth, anziana volontaria di una colonia composta da 15 gatti e 2 cani ha dichiarato alla BBC: “Abbandonarli così è stata la cosa più straziante che ho vissuto in tutta la mia vita”. La potente associazione animalista PETA ha accusato le autorità federali di avere in pratica ucciso migliaia di animali, impedendo ai volontari di portare loro soccorso nelle aree del disastro.

Sempre alla BBC un uomo ha raccontato di essere stato obbligato ad abbandonare il suo cane da un militare che gli ha puntato la pistola alla tempia. Spesso però nelle tragedie compare un angelo. Molti soccorritori hanno permesso agli abitanti di caricare il loro cane sul battello, talvolta per convincerli ad abbandonare la casa, talvolta per avere esplicitamente dichiarato che non avrebbe resistito a scene così strazianti, talvolta semplicemente perché “anch’io ho un cane e so cosa vuol dire”. John Crawford, volontario del Michigan, ha dichiarato che il suo team aveva raccolto sacchi di mangime secco per cani e gatti e lo distribuivano durante le operazioni di salvataggio delle persone: ”Non potevamo fare di più, ma almeno sapere che avrebbero mangiato ci era di gran sollievo in quello strazio”. Anche per “loro” compaiono gli angeli ogni tanto.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy