Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

    Un giro d'affari da 160 miliardi di dollari l'anno.

    Il traffico osceno di animali esotici

    10 novembre 2005 - Karima Isd
    Fonte: www.ilmanifesto.it
    8.11.05

    tartaruga «Gli uccelli selvatici non sono la prima causa dell'influenza aviaria. Lo sono invece i volatili introdotti illegalmente in Russia; essi hanno trasmesso il virus agli uccelli selvatici, e non il contrario», ha affermato il veterinario dello zoo di Mosca Valentin Kozlitine, secondo il quale il 99% dei pappagalli venduti nel paese - dove la fauna esotica spopola - fanno parte del mercato nero e non sono stati sottoposti a controllo veterinario. Per questo, continua l'esperto, «le raccomandazioni di abbattere gli uccelli selvatici che sorvolano gli allevamenti avicoli sono poco intelligenti». Ha invece molto senso rafforzare i controlli sul commercio internazionale di specie esotiche, il cui giro d'affari globale, mettendo insieme l'import-export di specie ammesse e quello di specie proibite o disciplinate è stimato, dalla sezione Traffic del Wwf inglese, intorno ai 160 miliardi di dollari l'anno. Un (capo)giro secondo solo alla droga; e il Fish and Wildlife Service degli Stati uniti documenta come un terzo della cocaina sequestrata nel paese arrivi insieme ad animali o parti di animali illegalmente esportati. Indubbiamente si tratta di un commercio più degli altri guidato da una domanda di tipo «ludico» e futile: sarà banale, ma se le persone smettessero di volere l'iguana, il pappagallo e altri esotici in salotto, tutto ciò si sgonfierebbe. Però il traffico risponde anche ad altri consumi: alimentari, medicinali, collezionistici. In alcuni paesi - mittenti e riceventi - tutto passa senza problemi e i contrabbandieri non hanno nemmeno bisogno di metodi creativi per sfuggire alla legge; in altri i controlli sono più rigidi e allora è un proliferare di metodi creativi per passare le frontiere di aria, terra e mare.

    Dal punto di vista della biodiversità, la vendita di specie in via di estinzione o minacciate viola la Cites, Convenzione di Washington sul commercio internazionale di specie protette (www.cites.org). Dal punto di vista della sofferenza, sono milioni e milioni gli animali - volatili, serpenti, tartarughe, iguane, molto di moda - catturati senza scrupoli o allevati all'uopo, trasportati di nascosto per mezzo mondo (i viaggi provocano un'elevata mortalità per soffocamento, stenti e stress; nove uccelli su dieci muoiono prima di arrivare a destinazione), e infine rinchiusi in gabbie e perfino bacheche nelle case dei paesi non esotici.
    Alla fine di ottobre un incontro a Londra fra esperti e funzionari europei addetti alla repressione dei crimini contro la vita selvatica e la biodiversità si è concluso con l'impegno di rafforzare i controlli sul traffico illegale. Negli stessi giorni a Bangkok, i rappresentanti dei dieci governi membri dell'Asean (associazione delle nazioni del Sud-Est asiatico: Indonesia, Malaysia, Filippine, Singapore, Thailandia, Brunei, Vietnam, Laos, Myanmar e Cambogia) hanno costituito una rete regionale per combattere il fenomeno, che minaccia la biodiversità della regione. I cui stessi abitanti sono ormai un crescente mercato per le specie selvatiche e rare, da «compagnia» o da piatto.

    Adesso ci si mette l'influenza aviaria. La recente decisione dell'Unione europea di vietare l'importazione quantomeno degli uccelli esotici - dopo la morte in quarantena di un pappagallo del Suriname - arriva in ritardo, ha denunciato in Italia la Lav (Lega anti-vivisezione); «uccelli malati potrebbero già essere spediti in tutto il mondo». Già all'inizio del 2004, Europa e Stati uniti avevano vietato ma per pochi mesi l'importazione di uccelli selvatici da Cambogia, Indonesia, Giappone, Laos, Pakistan, China (Hong Kong compresa), Sud Corea, Thailandia e Vietnam. Singoli temporanei provvedimenti erano stati presi per la Corea del Nord e Taiwan. Quest'ultimo paese esporta di tutto, dagli uccelli alle farfalle, e non fa parte dei paesi aderenti alla Convenzione di Washington. Può fare quello che vuole anche come intermediario. Giorni fa a Taiwan, un carico di 1000 uccelli provenienti dalla Cina è stato trovato infetto dal virus H5N1.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy