Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

    Contravvenzione da 282 euro e 5 punti via dalla patente per eccesso di velocità. Stava correndo dal veterinario con l'animale ferito

    Vietato correre...

    27 febbraio 2004 - Bruno Arpaia
    Fonte: Il Mattino 26/02/04

    Non ci ha pensato due volte: l’ha caricato su e, alla folle velocità di 72 chilometri all’ora, l’ha portato dal veterinario più vicino. Il cane, per fortuna, si è salvato, ma se fossero passati ancora pochi minuti sarebbe morto, perché soffriva di una gravissima emorragia interna.
    Happy end? Fino a un certo punto. Qualche mese dopo, Annalisa si è vista recapitare a casa una bella foto. Sì, proprio quella: lo scatto dell’Autovelox, accompagnato da una multa per eccesso di velocità e da due punti in meno sulla patente. Che fa, allora, l’intrepida guardia zoofila? Semplice: ricorre in Prefettura, accludendo al ricorso un certificato del veterinario, perché l’articolo 54 del codice penale prevede la non punibilità di chi commette un’infrazione «per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo di un danno grave alla persona». Dopo tutto, Annalisa ha salvato una vita. Da cane, ma pur sempre una vita. E invece no. Quella vita da cane non conta. Ieri il ricorso di Annalisa è stato respinto perché, secondo la Prefettura, l’articolo del codice parla di «persona», e quindi lo stato di necessità si può applicare solo agli esseri umani e non agli animali.
    Dice: commenta la notizia. E cosa scrivo? Mentre ci penso, guardo il mio labrador, stravaccato nella sua cuccia, che mi fissa con gli occhi acquosi e scodinzola felice del mio sguardo. Non so se abbia o meno un’anima, se sia o no una «persona», se a lui si può applicare quel concetto così complesso che, dal significato latino di «maschera», è passato nei testi di San Tommaso e degli altri padri della Chiesa a rappresentare l’essenza più profonda dell’uomo e della sua tensione verso la divinità. So solo che gli voglio bene, io, al mio cane. So che se fosse davvero in pericolo andrei perfino a centoventi all’ora, sperando di salvarlo. So che però non mi piacerebbe affatto veder sfrecciare per le nostre città decine di vecchiette preoccupatissime per l’unghia incarnita del loro gatto, convinte di poter poi invocare lo «stato di necessità». So che la legge è legge, e va sempre rispettata, ma che un po’ di buon senso non guasterebbe, in questo come in tanti altri casi. So che tra uomini e animali c’è una differenza. Ma a volte, in giorni come questi, uno ne dubita.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy