Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

    Lo smog uccide cani e gatti

    Dagli ultimi studi sui tumori degli animali che con gli uomini convivono a vario titolo, emerge che i casi di cancro maligno hanno subito, negli ultimi dieci anni, un incremento spaventoso.
    8 luglio 2004 - Oscar Grazioli
    Fonte: www.libero.it
    1.07.04


    Chi è innocente scagli la prima pietra. Siamo tutti molto preoccupati per le sorti del nostro ambiente, come dimostra il sondaggio commissionato all'Astra/Demoskopea dal W.W.F. Pensate, ben l'81% degli Italiani è preoccupato per l'inquinamento di aria, acqua e terra e ritiene che si sia arrivati al punto di non ritorno. La maggior parte dei preoccupati è donna e vive nel centro sud. Si vede che al Nord, o si sono abituati allo smog e all'aria fetida, oppure sono ormai convinti, ancor più dei meridionali, che veramente non c'è più nulla da fare e accettano passivamente di giocare alla roulette russa. Dagli ultimi studi sui tumori degli animali che con gli uomini convivono a vario titolo, emerge che i casi di cancro maligno hanno subito, negli ultimi dieci anni, un incremento spaventoso. Certo, si sono affinate le tecniche di diagnosi anche per i veterinari, per cui un tumore che 20 anni fa rimaneva non diagnosticato oggi viene alla luce. Certo, la coscienza per il benessere animale è cambiata notevolmente e oggi si portano dal veterinario animali, come il gatto, che un tempo compivano il loro ciclo di vita e di morte nelle campagne, senza che alcun camice bianco potesse alterarlo. Certo anche cani e gatti vivono più a lungo e le malattie degenerative e tumorali diventano più frequenti in una popolazione anziana. Si è tenuto conto di tutti questi fattori, ma resta l'ingombrante verità che i tumori maligni hanno subito, al pari dell'uomo, una netta escalation e non bastano i motivi di cui sopra a spiegarla. Dal momento che cani e gatti non fumano e non bevono, il ruolo delle sigarette e dei superalcolici sembrerebbe francamente marginale. Il vero killer dunque è l'ambiente, inteso globalmente. Ciò che respiriamo, mangiamo, beviamo, il nostro modo di vita insomma, determina questo incremento della malattia tumorale che si riscontra anche nei nostri fratelli minor i. Si tenga presente che molti gas tossici e cancerogeni sono pesanti e ristagnano negli strati più bassi. Cani e gatti sono molto meno alti di noi e sono costretti a respirare, molto più di noi, i gas che ristagnano al suolo. Basta che voltiamo l'occhio e ognuno di noi, tutti i giorni, vede un amico, un parente, una persona nota che se ne va colpita "da un brutto male". Ed era ben giovane, Santo Dio. Tutti preoccupati, talmente terrorizzati che si prende la macchina per andare al bar di fianco a casa a bersi un cordiale. No, tranquilli, non sarò io a scagliare la prima pietra, perché sono colpevole, come tutti voi, di partecipare a questa roulette russa senza alzare una mano. Anzi più colpevole ancora, visto che fumo.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy