Diritti Animali

RSS logo

Mailing-list Lista Animalisti

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Lista Animalisti

...

    Il rapporto: più gatti che cani, 16 milioni di pesci e 10 mila serpenti

    Nelle case anche tremila leoni e pantere

    Le stime della Lav: poco meno di 46 milioni di esemplari di animali domestici affollano gli appartamenti
    20 ottobre 2004 - Alessandra Arachi
    Fonte: www.corrieredellasera.it
    19.10.04

    Tabella animali Ci siamo quasi: ancora qualche anno e il numero degli animali nelle case degli italiani sarà uguale a quello dei cristiani. Per quest’anno ci fermiamo a poco meno di 46 milioni, dice il rapporto stilato dalla Lav (la Lega antivivisezione) che ci segnala un aumento di oltre un milione e mezzo di animali domestici soltanto negli ultimi due anni. Domestici, o quasi. Perché la verità è che insieme con cani, gatti e pesci rossi nei nostri appartamenti spopolano sempre di più gli animali esotici. Per capire: ci sono circa 50 mila iguane che si aggirano per i nostri salotti, neanche fossero gattini. Oltre tremila tra leoni, pantere, tigri. E persino 10 mila serpenti, curati come cuccioli da compagnia. Una vera passione quella per gli animali da salotto che ogni anno brucia nei portafogli degli italiani quasi 5 miliardi di euro: basterebbero per costruire il ponte sullo stretto di Messina.

    LA CINOFILIA LOMBARDA - Ci sono più gatti che cani nelle nostre case. Pochi gatti in più rispetto ai cani secondo le stime che la Lav ha aggiornato al 2004: 7 milioni e 500 mila felini contro i 7 milioni di cani. Alla fine del 2003 il ministro della Sanità di cani ne aveva contati poco meno di sei milioni, ma questo soltanto dentro i nostri appartamenti. Perché ce ne sono molti altri fuori, randagi: oltre 660 mila che si aggirano per le strade, senza un padrone. Con un picco, impressionante: quei 122 mila cani randagi raggruppati tutti in Campania. Per capire: in Lombardia sono 7 mila i cani randagi, 27 mila in Toscana, 59 mila nel Lazio.
    E alla Lombardia va la palma della cinofilia: ci sono 900 mila amici a quattro zampe a spasso per i salotti. La seconda regione più amante dei cani è il Piemonte: ma qui la cifra si ferma a poco più di 700 mila.

    SALOTTI COME ACQUARI - Sono i pesci la popolazione di animali più numerosa: ce ne sono ben 16 milioni nei nostri salotti, attrezzati come acquari. Perché insieme con i pesci, rossi e colorati, nelle nostre case abitano anche un milione di tartarughe di acqua dolce. E’ una stima dolorosa questa delle tartarughe: la Lav l’ha calcolata contando le quantità davvero notevoli di questi animali che vengono importate ogni anno in Italia per compensare la mortalità elevata.

    CASE COME SAVANE - Ci sono almeno tremila tra leoni, pantere e tigri che si aggirano negli appartamenti degli italiani. Ma ci sono anche una incredibile quantità di iguane: tra i 30 e i 50 mila ha calcolato la Lega antivivisezione, cercando di stare appresso a un triste traffico illegale e clandestino. L’ultimo sequestro di iguane è stato fatto all’inizio di quest’anno: furono scoperte oltre due tonnellate e mezzo di bestioline, appena nate.

    CIBO E DOTTORI - Hanno bisogno di cure come fossero bambini i milioni e milioni di animali che abitano nelle nostre case. E questa volta più che una stima è uno studio dell’Eurispes che ci dice che ogni anno gli italiani spendono quasi 5 miliardi di euro per i loro animali domestici. Per essere precisi: 4 miliardi e 751 milioni. La spesa più importante è quella per i dottori, i veterinari: oltre un miliardo e 600 milioni (alla quale, però, si deve subito aggiungere quella delle medicine: oltre 464 milioni di euro per antibiotici e antiparassitari). Subito dopo ci sono le spese per il cibo: quasi un miliardo per pappe e pappine. Poi ci sono gli accessori, ovvero gabbie e gabbiette, cucce, acquari: 362 milioni di euro. E ancora: i servizi di toletta e di cura (oltre 100 milioni). Ma c’è anche la cifra del costo in sé degli animali: ogni anno si spendono oltre 250 milioni per portare in casa i cuccioli. Anche se bisogna considerare che questa è una cifra stimata: solo con difficoltà infatti tiene conto degli acquisti illegali e clandestini (diffusi nelle specie esotiche).

    SOS MALTRATTAMENTI - C’è una nuova legge in Italia che ha elevato i maltrattamenti contro gli animali da semplici reati a delitti. Ma alla Lega antivivisezioni sono consapevoli che una legge non basta a tutelare i diritti di animali, troppo spesso bistrattati o trattati come giocattoli vecchi. Per questo hanno attivato una campagna per tutelare i nostri amici domestici: si chiama Sos Maltrattamenti. Basta usare un telefono e avvisare la Lav: 848.588.544. Non è un numero verde, ma costa soltanto come una chiamata urbana in tutto il territorio nazionale.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy