Basilicata

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Inizia la corsa alle ricche risorse petrolifere libiche
    Nazioni alla conquista del petrolio libico

    Inizia la corsa alle ricche risorse petrolifere libiche

    La ridefinizione dei rapporti d'affari tra nuovo governo libico e paesi esteri in un'area non ancora stabilizzata, tra giacimenti noti o ancora da esplorare e compagnie petrolifere in competizione.
    14 settembre 2011 - Clifford Krauss
  • Libia: lo show delle armi, armi per tutti

    Libia: lo show delle armi, armi per tutti

    Solo sette mesi fa Finmeccanica annunciava che la Libia avrebbe potuto avere un suo consigliere nel cda visto che i libici della Lia (fondo sovrano gestito dal ministero della difesa di Tripoli) erano entrati nel capitale della società con una quota del 2,01% delle azioni, oggi lancia missili aria-superficie a guida laser capaci di neutralizzare strutture fisse corazzate e sotterranee e quelli nati per la soppressione di radar nemici.
    27 agosto 2011 - Rossana De Simone
  • Il colosso petrolifero statunitense ConocoPhilips spinto  a scusarsi per le fuoriuscite di petrolio
    Marea nera nel Golfo di Bohai in Cina

    Il colosso petrolifero statunitense ConocoPhilips spinto a scusarsi per le fuoriuscite di petrolio

    La notizia della catastrofe ambientale era trapelata grazie ad un blogger ambientalista cinese che per primo aveva rivelato il disastro.
    26 agosto 2011 - Wang Qian
  • La Libia e il Mondo del Petrolio

    Una lucida analisi di Chomsky sulla protezione che il mondo del petrolio offre a Gheddafi in nome di interessi economici che non si fermano neanche di fronte alla violazione sistematica dei diritti umani
    20 aprile 2011 - Noam Chomsky

Manovra, governo cambia Robin tax, saltano royalties

I 200 milioni di mancati introiti saranno sostituiti da una stretta sulle banche: recupero immediato degli aiuti di Stato. Nel decreto manovra. emendamento ad hoc, ma alla Camera salta il pilastro delle royalty
9 luglio 2008 - Federico Rendina
Fonte: Il SOle 24 ore

petrolio Il Robin Hood fiscale rimane vivo e vegeto nonostante le polemiche e gli annunci di eutanasia lanciati in Parlamento ma subito smentiti direttamente da Tremonti lunedì a tarda sera. Ma intanto il nostro Robin perde una gamba. Quella che poggiava sull'inasprimento delle royalty sull'estrazione petrolifera in Italia. In uno dei tanti emendamenti al decreto economico è lo stesso Governo a voler cassare la misura. Per il resto l'impianto della tassa rimane (per ora) sostanzialmente confermato, tranne aggiustamenti tecnici che non prevedono altri stravolgimenti di sostanza.

A corroborare almeno in parte la Robin Tax rimane l'aumento dal 27,5 al 33% dell'Ires sulle imprese che hanno direttamente a che fare con la produzione ma anche con il commercio di energia, compresi i produttori elettrici, ma escluse (prevede un altro emendamento) le produzioni da energia rinnovabile. Salve anche le imprese che pur superando la soglia dei 25 milioni di euro di fatturato annuo prevista per l'Ires maggiorata non hanno un'attività "prevalente" nell'energia.

Rimane comunque intatto il maggior prelievo fiscale garantito daldiverso metodo di contabilizzazione delle scorte di prodotti petroliferi, per far emergere le plusvalenze realizzate sul valore delle partite acquistate a prezzo più basso di ciò che si incassa con la rivendita.

Per il controverso provvedimento di redistribuzione "sociale" dei presunti extraprofitti da caro greggio non si escludono comunque altri aggiustamenti in corso d'opera. Anche se quella delle royalty era evidentemente la questione più urgente da risolvere, vista la raffica di altolà degli analisti: la progressività del meccanismo di maggiorazione delle royalty, così come congegnato, avrebbe drenato addirittura per intero i profitti delle imprese nel caso le quotazioni del barile superassero significativamente (nessuno lo esclude) i 200 dollari. E comunque la maggiorazione avrebbe finito per negare un altro provvedimento annunciato (senza peraltro specificare i passi operativi) nella manovra: la promozione della ricerca sulle fonti nazionali di olio e gas bloccate dalla burocrazia e dai veti, a cominciare dalle riserve in Alto Adriatico.

Intanto gli emendamenti presentati dal Governo nell'iter parlamentare del decreto ci si è doverosamente preoccupati di sostituire il gettito tagliato dalla rinuncia a inasprire i diritti di estrazione di idrocarburi, che già era stato finalizzato alla copertura dei 200 milioni di euro necessari per varare la card sociale. I 200 milioni subito necessari al "fondo per i meno abbienti" verranno «dalle somme acquisite per effetto del recupero delle maggiori imposte sostitutive dovute dalle banche in relazione al riallineamento dei valori civilistici emersi per effetto del conferimento delle aziende bancarie», attuando così – viene precisato – le disposizioni della Ue sul recupero degli aiuti di Stato.

Con la gamba delle royalty la Robin Tax perderà anche parte dell'introito globale?Tremonti sembra convinto di no. Il ministro dell'Economia conta molto sulla parte non coercitiva della manovra, e cioè sul richiamo alle contribuzioni aggiuntive "volontarie" lanciato direttamente nel decreto.

L'azienda a controllo pubblico Eni, come noto, ha immediatamente aderito garantendo 200 milioni extra al fondo di solidarietà promesso nel decreto (guarda caso quelli che corrispondono alle necessità di avvio della card sociale).
Da segnalare che oltre ad ammorbidire la Robin tax gli emendamenti del Governo propongono di trasferire nel decreto molte norme sull'energia previste invece nel Ddl. È il caso della corsia preferenziale per il ritorno del nucleare in Italia, con la definizione entro l'anno dei criteri per individuare i siti. Ma anche delle misure per disinnescare la procedura di infrazione Ue per i ritardi nella liberalizzazione della rete dei carburanti.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy