Basilicata

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Oasi San Giuliano Matera, le attività nautiche sono incompatibili

    Il sogno trentennale di portare il divertimento nella Riserva Naturale si sta avverando! Quello che non si è avverato purtroppo è il sogno di tanti che hanno sempre desiderato un luogo dove la Natura è protetta sul serio.
    25 marzo 2009 - Pio Abiusi

    mappa basilicata "C'è una sola speranza di respingere la tirannica ambizione della civiltà di conquistare ogni luogo della terra. Questa speranza è l'organizzazione della gente più sensibile ai valori dello spirito, affinché combatta per la libera continuità della natura selvaggia"
    Robert Marshall

    Finalmente il sogno trentennale di portare il divertimento nella Riserva Naturale di San Giuliano si sta avverando! Quello che non si è avverato purtroppo è il sogno di tanti che hanno sempre desiderato che l’oasi di San Giuliano fosse semplicemente un luogo dove la Natura è protetta sul serio, un luogo che, nei suoi pochi ettari di superficie, sia ambasciatore della biodiversità lucana e che possa allontanare l'antropofagia ambientale che oggi tutto divora sotto il segno del turismo! Il turismo ecologico, quello vero, non può e non deve essere una facile leva per scoperchiare e svendere senza un minimo pudore le bellezze recondite e ancestrali che ancora sopravvivono sul nostro territorio! Iniziative di questo tipo sono solo l'espressione della nuova moda di creare dei divertimentifici in ogni luogo. Nella nostra piccola regione, la residua Bellezza della Natura (che molti ci invidiano) si deve semplicemente godere con gli occhi, con la mente e con lo spirito. Tale modo di prendere decisioni sembrerebbe un pretesto per rendere un servizio a chi ritiene che il divertimentificio se pur regolamentato sia possibile dovunque, dimenticando la storia di un luogo, la sua crescita e il vero motivo per cui esiste.

    L’iniziativa di modificare il Regolamento Provinciale della Riserva Naturale Orientata “S. Giuliano” in seguito a quanto previsto dall’art. 39 della L. R. n. 20/2008 (Assestamento del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2008) è palesemente in contrasto con le norme che hanno portato alla istituzione della Riserva stessa: la Legge Regionale sulle aree Protette n. 28 del 28/06/1994 e la Legge Istitutiva della Riserva Naturale Orientata n. 39 del 10/04/200. Ambedue queste norme non prevedono la pratica sportiva nella Riserva ed il citato art. 39 L.R. 20/2008 prevede solo che la Regione possa emanare una futura norma per disciplinare la fruibilità ludico-sportiva degli INVASI, senza peraltro nulla dire sulle Aree Protette, che soggiacciono ad una specifica normativa.

    Se le cose stanno così a sull’invaso di San Giuliano non bisognava creare una Riserva Naturale Regionale. Non bisognava creare un'Oasi Faunistica se la fauna deve sempre essere costretta a fuggire dall'uomo e cercare altrove rifugi dove fermarsi, sostare, riprodursi.
    Non si doveva creare una Zona Umida Ramsar di "Interesse Internazionale per la Fauna Acquatica" (!) se il Popolo dei volatili migratori deve sperare ogni volta nella fortuna di potersi fermare dove gli spazi vitali sono a misura di fauna. Non si doveva creare un Sito di Interesse Comunitario (SIC) se alla Comunità Europea dobbiamo raccontare bugie dichiarando di dare massima priorità alla conservazione degli habitat naturali (vedi progetto LIFE in corso di svolgimento con capofila la Provincia di Matera)e del paesaggio senza spiegare qual'è il fine e qual'è il mezzo di quest'area. Non si doveva creare la Zona di Protezione Speciale (ZPS) se gli interessi per la conservazione della fauna selvatica vengono sempre dopo quelli del soddisfacimento dei propri piaceri e divertimenti. La Natura dell'Oasi di San Giuliano chiede da anni soltanto rispetto!

    E' la filosofia del Divertimentificio a tutti i costi che vogliamo allora riservare al futuro di quest'area? Qualcuno si è posto la domanda sullo stato di attuazione di tutte le norme di tutela vigenti nell’area? A nostro parere è necessario ben altro per valorizzare l’Oasi di San Giuliano , risolvendo prima di tutto problemi ben più gravi come il bracconaggio, la pesca non controllata, l’accesso incontrollato nelle aree a massima protezione, il pascolo abusivo, gli incendi, la diffusione di microdiscariche di rifiuti tossici , l’accensione di fuochi incontrollati, le esercitazioni militari con mezzi aerei , le gare di rally lungo le strade della Riserva, l’assenza di percorsi didattici attrezzati, l’assenza di un servizio costante di sorveglianza, ecc. Potremmo continuare ancora per molto per mettere a nudo le vere e numerose criticità di quest’area.

    Vigileremo affinché vengano rispettate le leggi e le norme di tutela e diffidiamo sin da ora la Provincia a voler attuare iniziative che non contribuiscono al mantenimento di uno stato soddisfacente di tutela dell’area.Se Necessario ricorreremo alla Commissione Europea per denunciare lo stato della ZPS e SIC e al Ministero dell’Ambiente per segnalare che l’area RAMSAR istituita (una delle poche in Italia) non gode di alcuna protezione efficace.

    Comunicato stampa congiunto di:
    Legambiente
    Lipu Nazionale
    Altura | Associazione Nazionale per la Protezione dei Rapaci e del loro Ambiente
    WWF Basilicata
    Associazione Trekking Falco Naumanni Matera

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy