Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

    Milano

    In sala operatoria un robot chirurgo

    Ha operato già 40 pazienti affetti da fibrillazione atriale.
    6 aprile 2006 - Olivier Turquet
    Fonte: agenzie - 05 aprile 2006

    Un “chirurgo-robot” controllato “a distanza” e teleguidato grazie a campi magnetici, ha operato un gruppo di pazienti con fibrillazione atriale, una grave aritmia cardiaca.
    Il nuovo approccio è stato sperimentato con successo dal gruppo di Carlo Pappone, responsabile dell’'Aritmologia ed Elettrofisiologia cardiaca dell’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano. Nella ricerca, che ha coinvolto 40 pazienti, presentata su una rivista americana, si descrivono i risultati ottenuti grazie all’'intervento di ablazione transcatetere al cuore, fatto a distanza grazie a un’apparecchiatura robotizzata che rende questo tipo di procedura più sicura e meno legata alla perizia dell'’operatore. La fibrillazione atriale è un’'anomalia del ritmo cardiaco. Se i farmaci non controllano l'’aritmia, si può ricorrere all’'ablazione a radio-frequenza, una tecnica che usa impulsi energetici per distruggere una piccola area di cellule del muscolo cardiaco, e bloccare i segnali che scatenano la fibrillazione. Il team milanese si è servito del computer per controllare un campo magnetico e muovere, grazie a un robot, il catetere in azione nel cuore del paziente, visualizzato sullo schermo grazie a uno scanner tridimensionale.
    Perché affidarsi alla tecnologia? Il sistema attuale, spiega Pappone, «dipende troppo dall’'operatore». Insomma, in mani inesperte o poco esperte è alto il rischio di inefficacia o complicanze. «In pratica, ho insegnato al robot come fare, e dopo i primi interventi si è rivelato bravissimo», racconta l'’esperto, che ha battezzato il robot “Ciao” perché segna il tramonto della vecchia procedura. Dopo aver incontrato qualche difficoltà nei primi tre casi, i ricercatori assicurano che gli interventi sono andati lisci come l'’olio e senza complicanze. Finora sono stati trattati 174 malati. «Il 17 maggio da Boston guiderò il robot impegnato in un intervento a Milano» annuncia Pappone.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy