Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

    Russia

    aperto secondo impianto di distruzione di armi chimiche

    27 aprile 2006 - Olivier Turquet
    Fonte: Unimondo http://www.unimondo.org/ - 26 aprile 2006

    Green Cross saluta l'apertura l'apertura ufficiale del secondo principale impianto di distruzione di armi chimiche della Russian Federal Agency for Industry, e raccomanda sicurezza e trasparenza. L'impianto localizzato a Kambarka, Repubblica di Udmurt è stato costruito con l'assistenza di alcuni paesi, tra cui la Germania. "L'avvio dell'impianto di neutralizzazione di Kambarka è un gigantesco passo avanti per la cooperazione nella riduzione della minaccia e per mantenere gli agenti chimici mortali fuori dalle mani dei terroristi" - ha detto il Dr. Paul Walker, direttore del programma Eredità della Guerra Fredda di Green Cross International. "Solo con una forte e continuativa cooperazione internazionale si raggiungerà il successo dell'eliminazione delle rimanenti 70.000 tonnellate di armi chimiche pericolose presenti in Russia, negli Stati Uniti e in altre nazioni".
    La Russia, che ha firmato la Convenzione Internazionale sulla Distruzione delle Armi Chimiche nel 1993 - ratificata nel 1997 - è legalmente obbligata a distruggere le sue 40.000 tonnellate di armi chimiche dichiarate entro il 2012. La Russia nel Dicembre 2002 ha aperto il suo primo impianto di distruzione di armi chimiche a Gorny nella Regione di Saratov e completato la neutralizzazione di 1.143 tonnellate di lewisite e agenti moustard nel Dicembre 2005. Kambarka, circa 850 miglia ad est da Mosca, è il luogo dove 6.349 tonnellate di lewisite sono immagazzinate in carri ferroviari. Il 20 Dicembre 2005 la Russia ha iniziato a testare il suo nuovo impianto, costruito nell' ultimo anno e dal collaudo fino ad ora ha distrutto 1,7 tonnellate di lewisite.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy