Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

Articoli correlati

  • Salute bene indisponibile
    L'ambiente e la prevenzione non hanno prezzo

    Salute bene indisponibile

    Con la campagna elettorale riappaiono i fantasmi che delegittimano l'operato degli ambientalisti
    24 marzo 2012 - Maurizio Portaluri
  • Concorrenza letale
    Salute, ambiente, sicurezza e lavoro nuovi optional sociali

    Concorrenza letale

    "Il “Decreto semplificazioni” approvato dalla Camera proprio non ce la fa a rendere più semplice, per non dire più sicura, la tutela dell’ambiente e, dunque, della salute pubblica"
    24 marzo 2012
  • Dalla diga del Quimbo alla Val di Susa

    Una morale di impaccio al buongoverno ?

    Una tolleranza di facciata consente a governi e a comunità locali di proseguire una guerra verbale tra sordi dominata da pregiudizi, arroganza del potere e interessi privati senza badare ai costi sociali che dovrà pagare una società in cui la morale e la dignità delle persone hanno ceduto il passo ai piccoli interessi immediati dell'economia.
    6 marzo 2012 - Ernesto Celestini
  • E le stelle stanno (ancora) a guardare
    Diossina e Benzo(a)pirene vanno eliminate dall'ambiente. Invece...

    E le stelle stanno (ancora) a guardare

    Nel 2009, in risposta ad una interrogazione, il Ministero dell'Ambiente pronosticò una riduzione dei limiti per la Diossina (in Italia sono assurdamente alti quando a diffonderla è un'acciaieria). Come? Forse attuando... la “Direttiva europea per un'aria più pulita"?
    17 febbraio 2012 - Lidia Giannotti
Francia

Adottate le etichette energetiche per le automobili

Obiettivo dell'iniziativa: sensibilizzare i consumatori e ridurre le emissioni di gas nocivi.
11 maggio 2006 - Stefano Montanari
Fonte: Le Monde - 10 maggio 2006

Il governo francese ha adottato una direttiva europea che, da mercoledì 10 maggio, rende obbligatorio in Francia l’uso di etichette energetiche sulle automobili in vendita, nuove o usate, messe in circolazione dopo l’1 giugno 2004. L’obiettivo di questa decisione è di stimolare i consumatori all’acquisto di vetture meno inquinanti: sette colori e lettere, dalla A verde alla G rossa, informeranno sul consumo di carburante e sulle emissioni di biossido di carbonio delle vetture. Questa misura rientra nel piano francese “Climat”, che ha per obiettivo di ridurre per quattro le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050 rispetto alle emissioni del 1990. Il settore dei trasporti è responsabile, da solo, del 26% delle emissioni nocive.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy