Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

Articoli correlati

  • Il decennio prodigioso della Repsol
    La compagnia petrolifera ha contaminato grandi aree e molti dei suoi dipendenti si sono ammalati.

    Il decennio prodigioso della Repsol

    Per 13 anni la Repsol si è arricchita portando fuori dall'Argentina tutti i profitti che l'azienda ha poturo raggiungere, senza doversi preoccupare della gente e dei danni ambientali. L'impatto sull’ambiente e sulla salute è stato particolarmente grave per le comunità Mapuche.
    14 maggio 2012 - www.diagonalperiodico.net
  • "La gente che protesta "
    C'è qualcuno che può rendere la vita più sostenibile ....

    "La gente che protesta "

    Joan Martinez Alier, uno dei fondatori delle teorie di Ecologia politica, in una intervista racconta come le lotte di chi si oppone alla costruzione di opere che creano danno alle comunità e stravolgono la natura possono far essere utili a dimostrare che esiste un' alternativa che permette un "buen vivir", rispettando l'ambiente.
    Rubén Martín
  • Un gruppo di indios incontattato nel Parco Nazionale del Manu, in Perù, è stato fotografato in una zona turistica.

    Amazzonia : una tribù che aveva scelto di rimanere isolata

    Survival International di Lima ha pubblicato alcune foto di una famigliola composta da adulti e bambini, seminudi, sulle rive di un fiume. Sono i Mashco Piro una delle ultime 15 tribù che vivono isolate dal resto del mondo, come altre 67 tribù, oltre il confine, nell'Amazzonia brasiliana.
    2 febbraio 2012 - Ernesto Celestini
  • Nani di Carta e Giganti d'Argilla
    Per uscire dalla crisi economica e creare occupazione basterebbe investire in welfare quello che oggi si spende per le spese militari.

    Nani di Carta e Giganti d'Argilla

    Per quanto ancora quei nani, che travisano i fatti e mischiano le carte sul tavolo della politica, ignoreranno la volontà delle masse per far prosperare gli affari di quei giganti di argilla che li proteggono ma che, con i primi temporali, inevitabilmente torneranno fango?
    20 gennaio 2012 - Ernesto Celestini
Bolivia

tutte le risorse naturali in mano ai boliviani

il governo di Evo continua la politica di ridistribuzione della ricchezza
16 maggio 2006 - Olivier Turquet
Fonte: Misna http://www.misna.org - 16 maggio 2006

Il governo boliviano è intenzionato recuperare il controllo di “tutte le risorse naturali” del Paese, terre incluse: lo ha dichiarato a New York il capo della diplomazia boliviana, David Choquehuanca Céspedes, assicurando al contempo “la sicurezza legale” a tutti gli investitori stranieri. “Vogliamo ridistribuire le terre in modo equo e giusto” a vantaggio dei cittadini boliviani senza terra, ha aggiunto inoltre Choquehuanca Céspedes, negli Stati Uniti per colloqui sul futuro degli idrocarburi boliviani e per partecipare al Forum permanente dell’Onu sulle popolazioni indigene, precisando che anche i diritti dei latifondisti saranno rispettati, negli interessi dell’economia nazionale e dell’equità sociale. Il presidente boliviano Juan Evo Morales, come promesso in campagna elettorale, ha nazionalizzato nei primi 100 giorni del suo governo – lo scorso 1° maggio - le installazioni straniere attive nello sfruttamento delle riserve di gas e petrolio del Paese; contestualmente, La Paz ha concesso 180 giorni di tempo alle compagnie straniere per negoziare nuovi contratti con la compagnia nazionale degli idrocarburi, dunque con il governo.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy