Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

    ONU

    Gli USA chiudano Guantanamo

    lo chiede il rapporto dell'ONU contro la tortura
    19 maggio 2006 - Olivier Turquet
    Fonte: Misna http://www.misna.org - 19 maggio 2006

    Gli Stati Uniti devono prendere “misure energiche per sradicare ogni forma di tortura (…), devono cessare di tenere persone in luoghi segreti di detenzione che si trovano sul loro territorio o in zone sotto la loro giurisdizione o in luoghi su cui hanno un controllo di fatto”: lo sostiene il rapporto diffuso oggi dalla Commissione delle Nazioni Unite contro la tortura in cui si chiede al governo Usa di chiudere la prigione di Guantanamo (nell’omonima Baia di Cuba) e tutti i centri di detenzione (più o meno segreti) sparsi nel mondo perché “violano la legge internazionale”. I 10 esperti indipendenti incaricati dall’Onu di esaminare il rispetto, da parte degli Stati membri (in questo caso in particolare degli Usa), della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura - come pure i casi di altri trattamenti o punizioni crudeli, disumani o degradanti - hanno anche chiesto con urgenza all’amministrazione Bush di “astenersi dall’usare tecniche di interrogatorio” che costituiscono un trattamento crudele, citando, a titolo di esempio, la presenza di cani per spaventare i detenuti. “Gli Usa dovrebbero assicurarsi che nessuno sia detenuto in qualche struttura segreta e di fatto sotto il controllo americano” prosegue il rapporto, che invita il governo a indagare e rendere pubblica l’esistenza di questo tipo di strutture, sottolineando come "detenere persone in tali condizioni costituisce, di per sé, una violazione della Convenzione". Nel loro rapporto, gli esperti indipendenti esprimono preoccupazione per "informazioni degne di fede circa atti di tortura o trattamenti crudeli, disumani o degradanti" da parte di personale militare o civile americano in Afghanistan e in Iraq.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy