Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

    Nepal

    Ripresi i negoziati di pace

    il primo incontro è stato definito "cordiale e altamente positivo"
    9 ottobre 2006 - Olivier Turquet
    Fonte: Misna http://www.misna.org - 10 settembre 2006

    “Le elezioni di un’assemblea costituente, la gestione del disarmo, gli aiuti umanitari per la popolazione colpita”: sono stati questi i temi dei negoziati di pace tra governo e ribelli maoisti ripresi ieri a quattro mesi dall’accordo che il 16 giugno scorso ha posto fine al decennale conflitto nel corso del quale oltre 13.000 persone sono morte. “Cordiale” e “altamente positivo” è stato definito in un comunicato congiunto l’incontro durato oltre otto ore e aggiornato a domani tra una delegazione dei ribelli guidata da Pusha Kamal Dahal noto come ‘Prachanda’ (‘Il terribile’) e i leader dei sette partiti dell’alleanza al potere guidati dal primo ministro Girija Prasad Koirala. Nel corso dei colloqui è stata inoltre presentata la bozza della costituzione ad interim redatta dal comitato incaricato. I nodi del negoziato restano il disarmo dei ribelli e il futuro della monarchia. Il governo vorrebbe infatti che i maoisti deponessero le armi prima delle elezioni di un’assemblea costituente previste non oltre il maggio del prossimo anno, mentre i ribelli vorrebbero custodire le armi sotto la supervisione delle Nazioni Unite sino alle future consultazioni e chiedono che l’esercito nepalese faccia lo stesso. I ribelli inoltre, appoggiati da alcuni partiti dell’alleanza, propongono di indire immediatamente un referendum per abolire la monarchia, mentre altre formazioni politiche insistono perché il re Gyanendra – costretto a cedere il potere lo scorso aprile dopo una sommossa popolare guidata dall’opposizione e appoggiata dai maoisti –mantenga un ruolo cerimoniale all’interno del futuro governo.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy