Buone Nuove

RSS logo

Mailing-list Buone Nuove

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Buone Nuove

...

Articoli correlati

  • Nuove proposte per uno sviluppo ferroviario sostenibile

    Argentina: il Tren para Todos contro l’alta velocità

    Il Tren Bala collegherà sole principali città del paese
    14 marzo 2012 - David Lifodi
  • Dalla diga del Quimbo alla Val di Susa

    Una morale di impaccio al buongoverno ?

    Una tolleranza di facciata consente a governi e a comunità locali di proseguire una guerra verbale tra sordi dominata da pregiudizi, arroganza del potere e interessi privati senza badare ai costi sociali che dovrà pagare una società in cui la morale e la dignità delle persone hanno ceduto il passo ai piccoli interessi immediati dell'economia.
    6 marzo 2012 - Ernesto Celestini
  • Boicottati,  ma a testa alta!
    Gli "Indignados" italiani non sono il 99%, ma sono comunque tanti perché il corteo, anche se non è arrivato a Piazza San Giovanni, ha saputo difendersi e cacciare spontaneamente gli estranei

    Boicottati, ma a testa alta!

    Il 15 ottobre resta una giornata importante per chi voleva gridare la sua rabbia per sentirsi ostaggio di un sistema che ormai agisce come uno strozzino e da cui non ci si può liberare.
    Ma per chi lavorano i black-block ?
    15 ottobre 2011 - Ernesto Celestini
  • Val di Susa, quando lo Stato viola la legge
    Lo scontro non è fra manifestanti a volto coperto e poliziotti, ma fra volontà popolare e lobby economiche

    Val di Susa, quando lo Stato viola la legge

    La Convenzione di Aarhus (recepita con legge 108/2001) non consente di fare scelte ambientali senza il consenso dei cittadini. Eppure le scelte vitali sono prese spesso escludendo le popolazioni. Condanniamo le bombe di carta ma vorremmo anche bloccare le bombe Nato che stiamo lanciano su Tripoli con le nostre tasse. Non si possono usare due pesi e due misure nel condannare la violenza
    4 luglio 2011 - Alessandro Marescotti
NO TAV

Gli sforzi dell'Ordine

Continuiamo la pubblicazione delle cronache di Ivo Ghignoli dal presidio della Maddalena, dove i militanti NO TAV stanno pacificamente protestando contro la costruzione della linea ferroviaria ad Alta Velocità Lione-Torino; las linea dovrebbe bucare una montagna e sconvolgere l'intero assetto idrogeologico della Val di Susa.
30 giugno 2011 - Olivier Turquet
Fonte: Pressenza http://www.pressenza.com - 30 giugno 2011

Martedì 28 giugno 2011

Dopo quanto avvenuto ieri mattina al presidio della Maddalena, i NO TAV non perdono tempo, ed eccoli di nuovo tornare lì, impavidi, ad affrontare i poliziotti che nel frattempo hanno recintato l’area che presidiano 24 ore su 24, e che appena vedono qualcuno senza la loro macabra divisa avvicinarsi si agitano, scalpitano, si mettono i caschi e prendono i manganelli.

Non lasciano passare nessuno se non identificato, isolato ed "accompagnato" da almeno due poliziotti o carabinieri, e con un motivo valido per loro.

Gli abitanti di Chiomonte hanno lì le loro vigne che produce l'Avanà, il vino tipico di questo luogo meraviglioso, unico, raro.

Dopo la fuga su in montagna, per i sentieri ripidi, con il naso sanguinante, lo stomaco e d i polmoni avvelenati dai lacrimogeni a gas CS (vietati in guerra dalle convenzioni internazionali sulle armi chimiche), gli occhi lacrimanti per il fumo, la rabbia e lo sdegno, Ivo Ghignoli stamattina è tornato accompagnato da alcuni amici al presidio per poter riprendere i suoi effetti personali, la moto, la tenda, i vestiti, i libri (cioè quei tipici oggetti usati dai facinorosi) e l’amaca.

Può tornarci, perché questi sono gli accordi presi dagli amministratori NO TAV con la Prefettura.

Arrivato alla base della Maddalena viene identificato e un poliziotto gli dice che soltanto lui è autorizzato a salire, gli altri devono restare lì, perché “se no c’è troppa gente, troppo casino” e poi ci deve andare a piedi, non si possono portare le macchine su e chissenefrega se ha il viso tumefatto da una manganellata presa in pieno volto solo 24 ore prima, e se c’è il sole a picco sul sentiero che porta su... o così o niente.

Viene “accompagnato” da due poliziotti su per la scarpinata fino alla sua tenda che non c’è più: la devastazione del presidio ad opera dei poliziotti è stata devastante, hanno rubato oggetti personali, distrutto o fatto sparire le tende, defecato dentro, pisciato fuori.

Ivo riesce comunque a trovare alcune cose che gli appartengono, le sistema con cura e non appena finito, il poliziotto che era con lui a sorvegliarlo gli dice che ora l’ordine è cambiato: deve lasciare tutto lì, così gli ha detto l’ispettore capo e così si fa. Punto.

Ivo riesce a portare via almeno la moto.

Una volta tornato al presidio, un poliziotto gli si avvicina. Faccia a faccia, a un palmo di naso, gli altri poliziotti a circondare il poliziotto e Ivo:

Poliziotto: "questa ferita al volto te la sei fatta qui ieri mattina, eh?"

Ivo: "sì"

P: "te ne hanno date tante, eh? ci sono andati giù pesante!"I: "no, solo una, ma efficace"

P: "peccato, te ne dovevano dare di più e infatti non sai io che voglia avrei adesso di dartene... d'altronde è così: siamo dalla parte opposta della barricata, no? voi picchiate noi e noi picchiamo voi... io adesso ti menerei come tu meneresti me..."

I: " veramente no, io ieri non ho menato nessuno, sono stato aggredito e anche ora non ho ne voglia né intenzione di picchiarla, perché non è nella mia natura".

A questo punto l'ispettore si allontana ridendo.

Nel frattempo, Ivo viene raggiunto dall'avvocato NO TAV che sta seguendo la vicenda, gli racconta il simpatico scambio di affettuosità appena intercorso.

L'avvocato si precipita a interrogare il poliziotto sull'accaduto, ma quest'ultimo risponde che Ivo deve essersi sbagliato, che lui non ha mai detto nulla di simile, che non ci ha mai neanche parlato con quel ragazzo. Ivo, allora, si allontana dicendo che effettivamente sì, poteva essersi sbagliato.

D'altronde con quel caldo, il naso e l'occhio lacero-contusi, la scarpinata...

(rielaborazione di Viviana Ceraldi)

Note:

Sito del NO-TAV Torino http://www.notavtorino.org/

Info in tempo reale http://www.notav.info/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy