Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Appello delle donne afgane per la liberazione di Clementina Cantoni

Rilasciate Clementina Cantoni, la grande amica delle donne e degli orfani afgani
28 maggio 2005 - Orzala Ashraf ( (Director of HAWCA))
Fonte:

Clementina Cantoni, 32 anni, e' una giovane attivista italiana rapita
dieci giorni fa. Lavora in Afghanistan da tre anni, inizialmente con il
GVC, mentre da due anni e' coinvolta in un progetto di supporto alle
vedove e agli orfani con Care International.

I nostri cuori sono davvero in pena, perche' conosciamo Clementina da
quando era appena arrivata a Kabul; aveva avuto una splendida vita in
Italia, ma il suo interesse per le donne in Afghanistan l'ha portata a
lavorare direttamente con loro. Questo e' che qualcosa che ci rende
tutte (noi donne afghane attiviste) ancor piu' depresse e preoccupate.
Non ho mai dimenticato l'incontro che ho avuto con lei. Indossava i
vestiti locali delle donne afghane di Bamyan e il miei colleghi
iniziarono a parlarle in Dari poiche' non avevano capito che non era
afghana! Era una donna straordinaria, che supportava le sue sorelle
afghane in modo molto pratico.

Quando ho sentito del suo rapimento sono rimaste scioccata, perche' se
un tale atto e' politico, quale e' la relazione tra il suo essere donna
e supportare le vedove di guerra ed il processo politico o le
rivendicazioni??? Davvero non riesco a trovare una qualunque ragione
appropiata al suo rapimento. Speriamo davvero che questi rapitori si
facciano vedere, ci parlino e, anzitutto, spieghino a queste vedove ed
orfani sostenuti da Clementina quale sia la sua colpa. In secondo luogo,
per me, quel che conta davvero e' farvi conoscere i sentimenti e le
preoccupazioni di tutte le persone afghane al riguardo di questo triste
incidente. Gli insegnanti dei centri letterari per donne HAWCA hanno
espresso le loro preoccupazioni in occasione della giornata
dell'insegnante e nel loro documento (insegnanti e studenti) hanno
chiesto la rapida liberazione di Clementina: "Clementina e' stata una
grande sostenitrice delle vedove e delle donne nel nostro paese. Questo
significa che lei sosteneva noi donne dell'Afghanistan che abbiamo
sofferto per la guerra e la discriminazione. Vogliamo dire al mondo che
questo atto inumano non rappresenta l'Afghanistan; tali atti sono in
contraddizione totale con i nostri costumi e la nostra tradizione.
Dunque, vogliamo dire alla sua famiglia e a i suoi amici in Italia che
TUTTE LE DONNE AFGHANE ED IN PARTICOLARE LE VEDOVE E GLI ORFANI
DELL'AFGHANISTAN SONO CON VOI.

Chiediamo ai sequestratori di venire a prendere noi anzichei lei,
trattandosi di una ospite del nostro paese; e chiediamo loro di
rilasciare questa giovane donna perche' era qui per proteggere e
sostenere le vite di chi e' sopravvissuto a 23 anni di guerra. Vi
preghiamo, liberate Clementina":

Centinaia di vedeve (che sostenevano i programmi di Clementina) sono
nelle strade tutti i giorni per chiedere il suo rilascio. "Ci avete reso
vedove e orfani di nuovo"" {riferito ai sequestratori}; "liberate
Clementina, sostenitrice delle donne afghane".

Uno dei rapitori si e' identificato come TimorShah del distretto di
Mosayee, provincia di Logar. Sapendo di questo fatto, un folto gruppi do
anziani e leader di questo villaggio sono venuti a Kabul per dirgli,
attraverso i media, questo: "Mr. Timor Shah, se davvero vieni dal nostro
villaggio; se mai nella tua vita hai respirato l'aria di questo
villaggio o hai bevuto l'acqua di questo villaggio; se hai un qualche
problema personale con una qualunque persone nel nostro villaggio o in
qualunque altro luogo, ti preghiamo di liberare Clemenentina, che e' una
donna, una ospite del nostro paese ed una sostenitrice delle vedove e
degli orfani di guerra. Ti preghiamo di liberarla e di venire a parlare
con noi".. "Non e' nei nostri costumi un tale atto, che potrebbe avere
una severa punizione secondo le nostre tradizioni"

Cari amici, le voci della gente afghana (donne ed uomini) vanno agli
amici italiani che sono preoccupati per il rapimento di Clementina.
Vorremmo esprimere la nostra solidarieta' alla sua famiglia, ai suoi
amici e a tutti quelli che si preoccupano per lei. Preghiamo per la sua
salvezza e per la sua immediata liberazione"

Note:

traduzione di Carlo Martini per www.peacelink.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies