Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Angola, tra educazione e colera

    Festival escolar "Juntos na luta contra a colera"

    Uige, nord Angola, Agosto 2006
    Laura Fantozzi
  • due articoli sul fenomeno calcio al tmppo di mondiali nel martoriato paese africano

    Angola: il calcio come ritorno alla normalità

    L'Angola ha partecipato tutto sommato con onore al campianato del mondo in Germania, ma già aver partecipato è stato emozionante per un popolo che ha ripreso ad amare uno sport per troppi anni dimenticato a causa della guerra
    23 giugno 2006 - Laura Fantozzi
  • IL Paese subsharahiano, alla sua prima presenza in un mondiale di calcio, conta da febbraio a giugno oltre 1600 morti per colera e 42.00 casi di contagio

    Angola, la vera partita la si gioca contro il colera

    L’acqua, prima fonte del contagio, a Luanda e’ un business. Oltre 5 milioni di litri venduti ogni giorno, per un incasso quotidiano che oscilla dai 50.000 ai 250.000 dollari
    7 giugno 2006 - Laura Fantozzi
  • Angola: tra diluivio e colera

    Le ultime stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanita’, al 12 aprile 2006, parlano di 8258 contagiati e 367 morti. MSF, il 13 aprile, dichiara 8930 casi e 413 morti.L’ epidemia si sta diffondendo anche in 5 altre province angolane
    16 aprile 2006 - Laura Fantozzi
Angola:Cabinda

Angola: nuovi scontri a Cabinda

Ancora forte la tensione tra le truppe angolane e il FLEC (fronte di liberazione dell'enclave di Cabinda) che rivendica l'attentato dello scorso maggio.
5 giugno 2005 - Ottavio PIrelli

Cabinda: nuovi scontri fra separatisti e truppe angolane
Angola
Scritto da Ottavio Pirelli

giovedì, 02 giugno 2005 12:29
Nuove tensioni nella provincia angolana della Cabinda. I guerriglieri della milizia separatista del FLEC (Front for the Liberation of the Enclave of Cabinda) hanno rivendicato sul loro sito web l’abbattimento di un elicottero del governo e l’uccisione dei due componenti dell’equipaggio. Il teatro della vicenda risalente agli inizi di maggio, è l’area di Miconge, a 90 km dalla città di Cabinda.

I ribelli sostengono, inoltre, di aver ucciso 20 militari angolani negli scontri che hanno infiammato Necuto e Buco Zau, nel nord della regione, a partire all’incirca dalla metà del mese scorso.

A riferirlo è il Mail&Guardian Online, aggiungendo però che queste dichiarazioni sono accompagnate da secche smentite. Fonti governative affermano che l’elicottero della polizia, cui il FLEC fa riferimento, sarebbe precipitato sulle montagne della zona a causa del cattivo tempo, e non per un attacco da parte dei guerriglieri.
Dichiarazioni altrettanto contrastanti vengono rilasciate sulla vicenda degli scontri nel nord dell’enclave. Secondo quanto riportato dal The Sunday Mirror, le autorità negano che alcun soldato sia stato ucciso nella Cabinda ultimamente, minimizzando anche sui disordini che si sarebbero verificati lo scorso mese.

Agostinho Chikaia, leader del Mpalapanda Civic Association di Cabinda, ha riferito a IRIN la settimana scorsa che è in atto una campagna di disinformazione che sta aumentando il senso di insicurezza nella popolazione. Allo stesso tempo, a parere di Chikaia, non si intravedono spiragli per aprire seri negoziati di pace. Alla stessa agenzia, Padre Raul Tati ha confermato che, secondo quanto raccontano gli abitanti dei villaggi che la domenica si recano in chiesa, nelle zone dell’interno si verificano di tanto in tanto scontri tra separatisti e militari governativi.

La Cabinda è un’enclave costiera interamente separata dal territorio dell’Angola e situata tra Brezaville e Repubblica Democratica del Congo. Ricca di petrolio (circa i due terzi delle riserve nazionali), per lo sfruttamento del quale sono attive diverse compagnie americane, la regione, ex-protettorato portoghese, appartiene dal punto di vista amministrativo all’Angola da quando lo stato africano era ancora una delle tante colonie europee. Ma è dal 1975 - anno dell’ottenuta indipendenza degli angolani - che i separatisti, i quali hanno nominato anche un governo in esilio, combattono il potere centrale rivendicando una propria autonomia politica e culturale.

Dopo la fine, nel 2002, della guerra civile che ha insanguinato il paese, l’Angola ha aumentato la presenza militare nell’enclave, inviando oltre 30.000 uomini nel tentativo di mantenere la situazione sotto controllo.

Ottavio Pirelli

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies