Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

Amnesty sull'Iraq: i gruppi armati violano i diritti umani

Amnesty International ha rilasciato un rapporto, ‘Iraq. A sangue freddo: abusi dei gruppi armati’. Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno commesso gravi violazioni dei diritti umani, ma i gruppi armati che si oppongono non sono da meno.
Amnesty International
Fonte: http://www.amnesty.it - 25 luglio 2005

COMUNICATO STAMPA
CS90-2005

In un nuovo rapporto pubblicato oggi, Amnesty International ha dichiarato
che i gruppi armati che si oppongono alla forza multinazionale a guida Usa
e al governo iracheno stanno mostrando profondo disprezzo per la vita dei
civili iracheni e di altre persone, continuando a commettere crimini di
guerra e contro l’umanita’.

Alla fine di uno dei mesi piu’ terribili, con un numero di uccisioni da
parte dei gruppi armati tra i piu’ elevati dall’inizio della guerra in
Iraq nel marzo 2003, Amnesty International rileva che i gruppi armati non
intendono conformarsi neanche ai piu’ elementari standard del diritto
umanitario e ribadisce che non puo’ esservi alcuna valida giustificazione
per il deliberato assassinio di civili, la cattura di ostaggi, la tortura
e l’uccisione di prigionieri inermi.

‘Coloro che ordinano o commettono atrocita’ del genere si collocano
totalmente al di fuori di un comportamento accettabile. Non c’e’ onore ne’
eroismo nel far saltare in aria persone che vanno a pregare o uccidere un
ostaggio terrorizzato. Coloro che compiono queste azioni sono niente di
meno che criminali e le loro azioni svuotano di significato qualsiasi tesi
che essi stiano perseguendo una causa legittima’ – sottolinea Amnesty
International.

Nelle 56 pagine del proprio rapporto, intitolato ‘Iraq. A sangue freddo:
abusi dei gruppi armati’, Amnesty International riconosce che molti
iracheni si oppongono alla presenza degli Usa e dei loro alleati e che
questi ultimi hanno commesso a loro volta gravi violazioni, compresa
l’uccisione di civili e l’uso della tortura nei confronti dei prigionieri.

‘Ma gli abusi commessi da una parte non possono giustificare quelli
altrui’ – precisa Amnesty International. ‘Questo vale soprattutto quando
le principali vittime sono comuni cittadini iracheni, uomini, donne e
bambini che tentano pacificamente di portare avanti la propria vita
quotidiana. Tutte le parti coinvolte nel conflitto hanno il dovere
fondamentale di rispettare la vita dei civili o delle persone rese inermi.
Chi viola questo dovere, a prescindere dalla parte cui appartiene, deve
essere fermato e chiamato a rispondere del proprio operato’.

Nel suo rapporto, Amnesty International cita un ministro del governo
iracheno che ad aprile ha dichiarato che nei precedenti 24 mesi i gruppi
armati avevano ucciso 6000 civili e ne avevano feriti altri 16.000.
Tuttavia, gli attacchi sono cosi’ frequenti e le condizioni di sicurezza
cosi’ gravi che e’ impossibile calcolare con certezza il numero delle
vittime, per non parlare delle conseguenze di lungo periodo cui cosi’
tanti iracheni andranno incontro.

Il rapporto elenca una serie di abusi commessi dai gruppi armati negli
ultimi due anni in Iraq:
- attacchi contro i civili, con l’obiettivo di causare il maggior numero
possibile di morti;
- attacchi indiscriminati che hanno causato la morte di civili, bambini e
anziani compresi;
- attacchi contro gli uffici delle Nazioni Unite, della Croce rossa e di
organizzazioni umanitarie;
- cattura di ostaggi, sequestri, torture e uccisioni;
- attacchi contro le donne e le ragazze, tra cui attacchi indiscriminati o
diretti contro attiviste per i diritti delle donne;
- uccisioni di poliziotti e soldati catturati, decine dei quali sono stati
sequestrati, disarmati e poi uccisi dopo essere stati resi inermi.

‘Sollecitiamo i gruppi armati a cessare immediatamente tutti gli attacchi
contro i civili e ogni altro abuso’ – chiede Amnesty International. ‘I
gruppi armati, come le altre parti coinvolte nel conflitto iracheno,
devono aderire rigorosamente al diritto internazionale ed essere chiamati
a rispondere delle loro azioni’.

Amnesty International, inoltre, chiede ai massimi leader religiosi e ad
altre personalita’ influenti irachene di prendere posizione contro cio’
che non puo’ essere difeso e rendere chiaro che non puo’ esistere alcuna
circostanza che possa consentire o giustificare crimini di guerra e
crimini contro l’umanita’. ‘Speriamo sinceramente che essi, esprimendosi
pubblicamente o attraverso modalita’ piu’ discrete, possano contribuire a
cambiare la situazione. Se noi e loro falliremo, sara’ la popolazione
civile irachena a continuare a pagare un prezzo terribile’.

FINE DEL COMUNICATO

Note:

Il rapporto ‘Iraq. A sangue freddo: abusi dei gruppi armati’ e’
disponibile in lingua inglese presso il sito Internet
http://www.amnesty.org e l’Ufficio stampa di Amnesty International Italia.

Per ulteriori informazioni, interviste e approfondimenti:
Amnesty International Italia - Ufficio Stampa
Tel. 06 4490224 cell. 348-6974361 press@amnesty.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies