Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink
La soldatessa fotografata mentre teneva al guinzaglio un detenuto di Abu Ghraib è stata inoltre radiata dall'esercito

Iraq, Lynndie England condannata a tre anni di carcere

Al momento della lettura della sentenza la donna è scoppiata a piangere
8 ottobre 2005 - La Repubblica

NEW YORK - Lynndie England, la soldatessa fotografata mentre teneva al guinzaglio un prigioniero iracheno nel carcere di Abu Ghraib, è stata condannata a tre anni di carcere da un Corte marziale americana, a Fort Hood, in Texas, ed è stata radiata dall'esercito.

Prima che la giuria militare si riunisse e decidesse la pena in meno di due ore, la donna si era scusata davanti alla Corte Marziale per lo scandalo da lei provocato con alcuni commilitoni, e aveva detto che resta tuttora una cittadina americana piena di amor di patria.

Lynndie, scoppiata a piangere al momento della lettura della sentenza, ha testimoniato nella fase della definizione della sentenza dopo che una giuria militare l'aveva riconosciuta colpevole di maltrattamento su prigionieri e atti osceni. La giovane donna, che ha un bambino di 11 mesi concepito a Abu Ghraib, rischiava fino a dieci anni di carcere.

Quello che l'ha vista imputata in queste ore è stato l'ultimo processo per il gruppo di riservisti accusati degli abusi a Abu Ghraib, ai quali il Pentagono ha addossato tutta la colpa dei maltrattamenti le cui foto nell'aprile 2004 fecero il giro del mondo.

Solo due militari tra cui l'ex caporale Charles Graner, considerato il capo degli aguzzini, sono stati condannati a pene detentive. Graner è il padre del bimbo avuto da Lynndie: rientrato dall'Iraq ha sposato Meghan Anbuhl, un'altra secondina di Abu Ghraib, dietro le sbarre di una prigione: salvo sconti di pena tornerà a essere libero tra dieci anni.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies