Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La libertà al tempo della guerra totale

    La libertà al tempo della guerra totale

    alla domanda se il mondo è un posto più pericoloso di quanto lo fosse durante la Guerra Fredda, ha risposto che stiamo vivendo una seconda età delle armi nucleari
    14 gennaio 2015 - Rossana De Simone
  • Egidia Beretta Arrigoni, IL VIAGGIO di VITTORIO, Editore Baldini e Castoldi - Dalai, Milano 2013
    PATRIA Indipendente, Periodico dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia, Anno LXIII - Luglio 2014, propone la Recensione:

    Egidia Beretta Arrigoni, IL VIAGGIO di VITTORIO, Editore Baldini e Castoldi - Dalai, Milano 2013

    “A Vittorio e ai sognatori che non hanno mai smesso di sognare”
    4 settembre 2014 - Laura Tussi
  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan

Gli occidentali usano la strategia del terrore per prolungare la propria presenza in Iraq?

Ressa di notizie su un fallito attentato a Baghdad: secondo gli iracheni i terroristi erano americani.
15 ottobre 2005 - Pina Sozio

Ormai lo scenario iracheno è arrivato ad un punto tale di assurdità e di violenza che le stragi quotidiane di civili o militari non fanno più scalpore. Ogni tanto, però, ci si trova di fronte a notizie paradossali, tali da scardinare qualunque certezza o parametro di giudizio preconfezionato su questa guerra.
Martedì 11 ottobre un gruppo di residenti di Baghdad ha sventato un attentato in una zona residenziale della capitale, accorgendosi della presenza di un'auto imbottita di esplosivo.Fin qui tutti d'accordo. Sono i particolari dell'avvenimento, raccontati in maniera molto diversa da una agenzia irachena e dall'esercito americano, a destare allarme.
Ecco le due versioni a confronto.
La prima è diffusa da Iraqwar, che titola: «Civili iracheni catturano due americani travestiti da arabi che cercano di far esplodere un'autobomba". Secondo il sito, che si avvale della traduzione di Muhammad Abu Nasr da Quds Press, martedì 11 ottobre alcuni iracheni avrebbero catturato due americani travestiti da arabi mentre tentavano di far esplodere un'autobomba nel distretto al-Ghazaliyah a ovest di Baghdad. Gli abitanti del distretto hanno dichiarato a Quds Press di aver trattenuto i due mentre stavano lasciando la loro auto nella zona, perchè apparivano sospetti. I residenti, essendosi subito accorti che erano americani, avrebbero chiamato la polizia "fantoccio" irachena. Secondo l'agenzia, cinque minuti dopo l'arrivo della polizia, è comparsa sulla scena una numerosa pattuglia di militari USA che ha velocemente portato via i due americani con un fuoristrada, tra lo stupore dei residenti.
Quds Press sostiene di aver interpellato per telefono un membro della polizia di al-Ghazaliyah che avrebbe confermato l'accaduto, dichiarando che i due uomini non erano arabi, senza ulteriori precisazioni rispetto alla loro nazionalità. L'agenzia ha anche sottolineato che circa un mese fa, la solita polizia irachena aveva arrestato due britannici accusati di aver tentato di causare un'esplosione, stavolta nella città di Bassora.

Ecco invece la versione ufficiale statunitense, diffusa dal CENTCOM, il Comando Centrale della US Force: «Soldati USA trovano e disinnescano un'autobomba grazie al suggerimento di iracheni". Secondo il rapporto, una task force di marines a Baghdad avrebbe disinnescato un'autobomba grazie alla segnalazione di alcuni cittadini. I soldati stavano pattugliando la zona, quando un gruppo di iracheni avrebbe fatto loro segno di fermarsi per indicare la presenza di un veicolo sospetto nelle vicinanze. Il bollettino americano, che non parla assolutamente della cattura dei terroristi, si conclude informando che in seguito alla segnalazione, un team di artificieri sarebbe stato inviato sul luogo per far detonare in sicurezza l'autobomba.

Non sapremo mai la verità su questo, come su molti altri avvenimenti di questa sporca guerra. L'informazione è incompleta e manovrata dai terroristi, dalla resistenza, dalle truppe occidentali, dal governo iracheno. Ipotizzando, però, come credibile la versione di Quds Press, ci appare in tutto il suo orrore la follia in cui si sta sprofondando per giustificare la presenza straniera in Iraq, dato che i terroristi in realtà sono l'unica scusante per rimanere nel paese.

Note:

http://www.iraq-war.ru/article/66519

http://www.centcom.mil/CENTCOMNews/News_Release.asp?NewsRelease=20051049.txt

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies