Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Liberate Francesco
    Dal 14 agosto è stato rapito

    Liberate Francesco

    Mobilitiamo l'opinione pubblica per la liberazione di Francesco Azzarà, l'operatore umanitario di Emergency rapito in Sudan. Ci sono persone che decidono di dedicarsi al prossimo in maniera totale. Francesco è uno di questi
    22 ottobre 2011 - Associazione PeaceLink
  • Domani torno a casa. Grazie ad Emergency
    Un film diretto da Fabrizio Lazzaretti e Paolo Santolini

    Domani torno a casa. Grazie ad Emergency

    Murtaza (un bambino afghano) e Yagoub (un ragazzo del Sudan) sono i due protagonisti del documentario
    21 aprile 2010 - Lidia Giannotti
  • Newsletter n° 40 15 settembre 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
  • Newsletter n° 38 1 agosto 2009

    «Un trattato non basta: non dobbiamo mai dare per scontato che gli impegni presi sulla parola e quelli firmati su un pezzo di carta siano veramente mantenuti. Costruire la pace in Sudan è un'operazione a lungo termine». Marina Peter in Scommessa Sudan, 2006
    7 dicembre 2009

Sudan : si torna a morire

Nuovi scontri al sud, per la prima volta dalla firma della pace
10 marzo 2006 - Matteo Fagotto
Fonte: Peacereporter
http://www.peacereporter.net


Gli scontri che mercoledì scorso hanno coinvolto il Sudan People’s Liberation Army, l’ex-movimento ribelle che dopo la firma degli accordi di pace controlla la parte meridionale del Paese, e una non meglio identificata milizia paramilitare sono i primi dalla firma degli accordi di pace, nel gennaio dell’anno scorso. La guerra civile più lunga della recente storia africana è destinata a riprendere?

Uomini del SplaLa questione milizie. Secondo quanto riferito dalle autorità sudanesi, gli scontri sarebbero avvenuti nella località di Kharasana, nel Sudan centrale, nella zona controllata dall’Spla. I morti sarebbero almeno 12, tutti tra le forze del Spla. Che a sua volta condanna il governo sudanese per quanto accaduto, visto che ad organizzare l’attacco sarebbe stato un gruppo miliziano vicino a Khartoum, finanziato durante la guerra civile dal governo centrale per contrastare l’attività dei ribelli. E che, secondo l’organizzazione Human Rights Watch, manterrebbe ancora stretti legami con il governo sudanese.

Possibili conseguenze. Ma quali conseguenze avrà questa ripresa degli scontri sul processo di pace? A Khartoum si fanno gli scongiuri: le varie milizie che operano nel sud del Paese sarebbero dovute entrare nell’esercito entro gennaio 2006, ma la scarsa organizzazione ha in pratica impedito il rispetto degli impegni di pace. Tutto dipenderà ora dal “dinamismo” di questi gruppi armati, e dalla volontà di governo e ex-ribelli di continuare sulla strada della pace. Già in estate, in occasione della morte di John Garang, i disordini di Khartoum avevano rischiato di mandare all’aria il lavoro diplomatico di anni. Il processo di pace ne uscì rafforzato, ma stavolta sarà lo stesso?

La guerra in Sudan ha provocato più di 2 milioni di mortiUn grosso problema. “Le milizie nel sud del Paese costituiscono un grosso problema”, riferisce a PeaceReporter una fonte diplomatica, “il governo se ne è servito durante il conflitto per poi abbandonarle. E così i vecchi guerriglieri sono diventati delinquenti che vessano la popolazione civile, anche se stavolta si sono spinti oltre. Probabilmente la guerra non riprenderà, ma sarebbe ora che le autorità affrontassero il problema sul serio”. Non è però ben chiaro chi debba organizzare la loro integrazione nell’esercito. Il governo o gli organismi internazionali? “E’ una questione che non è mai stata chiarita del tutto” conclude il diplomatico, “e sono proprio questi mancati dettagli a rendere il processo di pace ancora fragile. Perché chi avesse voglia di sabotarlo troverebbe tutti gli appigli possibili”.

Note:

http://www.peacereporter.net/dettaglio_articolo.php?idpa=&idc=2&ida=&idt=&idart=4928

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies