Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
  • Troppa riservatezza nel processo Manning
    Richiesto il Premio Nobel per la Pace per Bradley Manning

    Troppa riservatezza nel processo Manning

    Julian Assange e una coalizione di giornalisti statunitensi hanno citato in giudizio l’esercito riguardo la trasparenza nel caso Manning.
    6 giugno 2013 - Bradley Manning Support Network
  • Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!
    Mobilitazione internazionale di sostegno a Bradley Manning

    Anche noi stiamo dalla parte di Bradley!

    Firma anche tu la petizione promossa dal "Bradley Manning Support Network" e unisciti ai firmatari della lettera all'ambasciatore statunitense Thorne promossa da PeaceLink.
    31 maggio 2013 - Associazione PeaceLink

L'inviato del governo USA in Iraq: 'Abbiamo aperto la scatola di Pandora'

80% degli americani pensano che una guerra civile sia probabile,Rumsfeld accusa Tehran di fomentare il conflitto
17 marzo 2006 - Julian Borger e Ewen MacAskill
Fonte: The Guardian
L'ambasciatore USA a Baghdad ha ammesso ieri che l'invasione dell'Iraq ha aperto una scatola di Pandora di conflitti settari che potrebbero portare ad una guerra nella regione e l'ascesa di estremisti religiosi che "farebbero sembrare l'Afghanistan dei Talibani un giochetto da bambini". Zalmay Khalilzad ha dato un segnale di rottura dalla linea ortodossa di ottimismo dell'amministrazione Bush per presentare invece un severo profilo di una situazione volatile che sta per scivolare nel caos. Mr Khalilzad a detto al Los Angeles Times che l'Iraq è stato trattenuto dal cadere nel precipizio di una guerra civile dopo l'attentato dinamitardo del 22 febbraio della moschea Sciita di Samarra. Tuttavia, un altro incidente di questo tipo renderebbe l'Iraq "veramente vulnerabile" a una tale escalation, dichiarando che "Abbiamo aperto una scatola di Pandora e la domanda è, qual'è la direzione che dobbiamo intraprendere per andare avanti?". Ha aggiunto che il miglior approccio è di costruire dei ponti tra le comunità etniche e religiose. In un sondaggio pubblicato ieri dal Post e la ABC News indica che la maggior parte degli americani sono d'accordo con quanto dichiarato da Khalilzad - con l'80% che ritengono che una guerra civile in Iraq sia probabile, e più di un terzo che sia estremamente probabile. Più della metà pensano che gli USA dovrebbero iniziare a ritirare le proprie truppe, anche se solo uno su sei vorrebbe che le truppe fossero ritirate immediatamente. Alcune ore dopo che Khalilzad ha espresso le sue opinioni, il segretario alla difesa USA , Donald Rumsfeld ha accusato l'Iran di inviare elementi della sua Guardia Rivoluzionaria per alimentare il clima di insicurezza in Iraq. Rumsfeld ha detto: "Stanno facendo filtrare delle persone in Iraq per fare cose che sono di danno al futuro dell'Iraq e noi lo sappiamo. Ed è una cosa verso la quale, Io credo, guarderanno indietro come un tremendo errore di giudizio". L'intervento di Khalilzad arriva in una settimana durante la quale due generali USA d'alto rango in Iraq, John Abizaid e George Casey, sono a Washington per parlare con il Pentagono e la Casa Bianca riguardo al numero di truppe di cui avranno bisogno per mantenere la stabilità in Iraq. Con le sue dichiarazioni Khalilzad può aver cercato di fare pressioni su Washington per mantenere il più alto numero di soldati possibile. L'amministrazione Bush è ansiosa di ridurre la presenza militare USA per ragioni politiche e militari. Rumsfeld ha detto che il livello di violenza settaria sia stata esagerato dai media. Quando gli è stato domandato come tale opinione fosse in armonia con la visione di Khalilzad's view, ha replicato: "Ebbene, lui è lì. Lui è un esperto. Ed ha detto quello che ha detto. Io non ho letto quanto ha dichiarato, ma non voglio provare ad essere in disaccordo con lui". Tuttavia, era già chiaro ieri che il Pentagono era ansioso di limitare l'impatto delle dichiarazioni di Khalilzad. "Se si analizzano i dati a partire dall'anno scorso fino ad oggi, mese per mese, gli attacchi sono diminuiti rispetto ad un anno fa" ha detto il Generale Peter Pace, il presidente dei capi di stato maggiore USA. Khalilzad ha dichiarato che la situazione è talmente pericolosa che senza una sostanziale presenza USA, una guerra civile potrebbe risucchiare altri paesi arabi schierati a favore dei sunniti e l'Iran schierato con gli Sciiti, creando le condizioni di un conflitto regionale e problemi nella fornitura globale di petrolio. "Ciò trasformerebbe l'Afghanistan dei Talebani in un gioco da bambini", ha detto. La scorsa notte Dick Cheney, il vice presidente USA, ha aumentato le pressioni sull'Iran riguardo alle sue ambizioni nucleari. Cheney ha detto a una riunione del gruppo lobbistico israeliano, Aipac, "Non dobbiamo permettere che l'Iran abbia un'arma nucleare." Rumsfeld ha dichiarato che ci sono 132,000 soldati USA in Iraq. I piani sarebbero di diminuire la presenza a 100,000 unità. Downing Street ha detto ieri che nessun "calendario specifico" è stato redatto per il ritiro delle truppe Britanniche. Un portavoce del Foreign Office ha detto : "Non siamo così pessimisti da pensare ad una scatola di Pandora ed una guerra civile.Ma se ci fossero ulteriori attacchi settari, le cose diventerebbero molto difficili", ha detto. La violenza è continuata ieri, con 16 persone uccise e nessun segno di formazione di un governo di coalizione. Ibrahim al-Jaafari, il primo ministro iracheno e candidato di compromesso dei partiti Sciiti , ha detto che non accetterà ricatti volti a farlo dimettere. Un nuovo video è stato diffuso nel quale si mostra l'attivista di pace britannico rapito Norman Kember, 74, e due colleghi canadesi. Il quarto, un americano, non è stato mostrato. Bruce Kent, un amico di Kember ha dichiarato: "La mia speranza è aumentata considerevolmente. Sono molto contento che ci siano immagini di lui risalenti a solo una settimana fa".
Note:

Traduzione dall'originale di Tom Corradini
http://www.tomcorradini.it )

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies