Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Esce in italiano il libro di Arkadij Babcenko sulla sua esperienza di soldato in Cecenia

    Coscienza e soldati russi

    Una riflessione di Elena Murdaca, traduttrice del libro, sui soldati russi in Cecenia.
    13 marzo 2011 - Elena Murdaca
  • In Russia, an intensifying insurgency

    Under crackdown, Chechen separatism turns into a regional Islamist revolt
    30 ottobre 2009 - Philip P. Pan
  • 19 gennaio 2009: in Russia il diritto è stato ucciso

    Ancora una volta, chi si batte per la difesa dei diritti umani in Russia paga con la propria vita. Le parole di Anna Politkovskaja raccontano il coraggio dell'avvocato Stanislav Markelov
    20 gennaio 2009 - Elena Murdaca
  • Memorie sotto sequestro
    Memorial Russia, sequestrate le memorie dei gulag

    Memorie sotto sequestro

    L'appello contro il sequestro del materiale informatico del centro di ricerca scientifica e attività informativa "Memorial" di San Pietroburgo, che mette a rischio la memoria delle vittime della repressioni sovietiche
    11 dicembre 2008 - Maddalena Parolin e Elena Murdaca

Cecenia: attivista per i diritti umani rapito: è in pericolo di vita!

17 marzo 2006 - Associazione per i popoli minacciati / Gesellschaft für bedrohte Völker"

L'Associazione per i popoli minacciati (APM) ha ricevuta una telefonata
allarmata dalla Cecenia questo venerdì pomeriggio. L'attivista per i
diritti umani Artur Eschiev mercoledì sera verso le 21 è stato rapito
dalla sua casa nel villaggio di Benoi, nella regione di Wedenno, dai
cosiddetti Kadyrowzy (unità cecene filorusse fedeli a Kadyrov). I
rapitori chiedono una fornitura di armi per un valore di 5000 dollari
per la sua liberazione. I Kadyrowzy - formati da circa 5000 membri della
guardia del corpo del presidente filorusso assassinato Achmad Kadyrov -
sono responsabili dei due terzi di tutte le violazioni dei diritti umani
in Cecenia.

L'APM teme il peggio per Artur Eschiev, in quanto nipote del presidente
della "associazione di amicizia russo cecena", Imram Eschiev, è in
gravissimo pericolo. Imram Eschiev, che attualmente si trova in Germania
grazie a una borsa di studio di Amnesty International, negli ultimi anni
ha già perso sei tra i suoi parenti e compagni di lavoro. Sono tutti
stati assassinati a causa del loro impegno a favore dei diritti umani.
Con un appello urgente l'APM si è rivolta all'ambasciata tedesca a Mosca
perché seguisse la situazione dell'attivista ceceno e ne favorisca la
liberazione.

Artur Eschiev non era semplicemente attivo per il lavoro umanitario per
l'Associazione guidata dallo zio, per aver preso parte a manifestazioni
e per aver curato e pubblicato liste di persone rapite e assassinate. E'
anche uno dei testimoni in un processo penale contro l'amministrazione
corrotta di Benoi, intentato proprio da suo zio. "Ho paura per mio
nipote", ci ha detto Imram Eschiev in una telefonata. L'amministrazione
locale di Benoi, guidata da Toma Israpilova lavora strettamente con le
unità "Kadyrowzy". Suo fratello è il comandante delle Kadyrowzy nella
città di Argun, dove Artur Eschiev è tenuto prigioniero.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies