Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Fukushima : la testimonianza inedita dell’uomo che ha evitato il peggio

    Fukushima : la testimonianza inedita dell’uomo che ha evitato il peggio

    In una deposizione che non era stata resa nota fino ad oggi, il direttore della centrale nel marzo 2011 mette in discussione la gestione della crisi da parte del governo e di Tepco, l’operatore.
    25 settembre 2014 - Arnaud Vaulerin
  • La guerra uccide non solo d'estate
    Le parole di saluto di Salar Hussein mi arrivano dirette allo stomaco: “Pregate per noi”. Nella loro naturalità, dicono più di tanti discorsi.

    La guerra uccide non solo d'estate

    Il popolo curdo consapevole di avere vissuto una pace provvisoria. La minoranza yazida memore di innumerevoli persecuzioni nel passato. La storia sembra ripetersi ma questa volta il rischio di sconvolgimenti permanenti nei popoli della regione è tragicamente reale.
    15 agosto 2014 - Andrea Misuri
  • Dal Giappone all’America

    La Sindrome da segretezza di Fukushima

    Come ai Giapponesi, dopo il disastro nucleare di Fukushima, si stia cercando di nascondere la verità.
    17 febbraio 2014 - Laura Paita
  • La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    La III Guerra in Iraq, stavolta senza tamburi. Un motivo c'è

    Ancora una guerra in Iraq! Ma questa volta niente allarmismi. Governo e stampa non cercano di venderci un intervento italiano, anzi, ne parlano appena appena. Come mai? Da una tavola rotonda ISPI dell'7 luglio a Roma (Centro Studi Americani) forse la risposta.
    12 luglio 2014 - Patrick Boylan
Un altro alleato se ne va

Il Giappone ritira le sue truppe dall'Iraq

Non interveniva in un conflitto dal 1945
Giacomo Alessandroni20 giugno 2006 - Giacomo Alessandroni

Il primo ministro giapponese Junichiro Koizumi - in accordo con i leade dell'opposizione governativa - ha annunciato un piano per il ritiro delle truppe del suo paese dal sud dell'Iraq, da ultimarsi entro il mese di luglio 2006.

L'annuncio ufficiale è venuto poco dopo che il primo ministro iracheno ha annunciato che a Baghdad le forze militari prederanno il controllo della sicurezza della provincia meridionale di Muthanna proprio a luglio, dove i britannici sono al comando di un contingente multinazionale assieme alle truppe giapponesi.

Attualmente le truppe giapponesi sono impegnate nella ricostruzione di edifici e nell'addestramento di personale medico.

Il fatto è di enorme importanza se si considera che il Giappone non interveniva in un conflitto dal 1945.

Come sarebbe naturale aspettarsi, l'impegno militare più rischioso preso dal Giappone dai tempi della Seconda Guerra mondiale è stato lodato da Washington, ma contrastato da molti elettori in patria.

Le forze armate del sollevante non hanno subito perdite - né morti né feriti - nonostante questo il premier Junichiro Koizumi aveva rischiato la crisi di governo nel 2004 quando vennero rapiti tre civili giapponesi.

In seguito al ritiro, ha annunciato il governo di Bagdad, la provincia sarà la prima a passare sotto il controllo diretto delle forze irachene.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies