Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Il Maestro Morrione
    Cuore del Giornalismo

    Il Maestro Morrione

    Ti ho sempre chiamato "Direttore", anche quando tu, sorridendo, mi ricordavi che da RN 24 eri stato pensionato. Per me e per tutti coloro che hanno avuto il bene di ricevere i tuoi consigli, potevi solo proseguire a essere tale. Senza di te, direttamente e indirettamente, nessuno di noi avrebbe potuto trovare la strada giusta del Giornalismo.
    20 maggio 2011 - Nadia Redoglia
  • Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    A Beirut, metropoli mediorientale soffocata dall'aggressività del settore edilizio, si lotta per conservare qualità di vita e spazi verdi. Ringrazio Estella per la segnalazione.
    16 marzo 2011 - Dalal Mawad
  • L'umanità del sottosuolo
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri

«Anche armi proibite nella strage di civili»

Intervista al dottor Aoun, presidente dell'ordine dei medici. Prove di bombe a frammentazione e di armi sconosciute
28 luglio 2006 - Michele Giorgio
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Israele difende le sue armi. Le sue bombe, ha tenuto a precisare il portavoce militare di TelAviv inuncomunicato inviato all'Irin, un'agenzia stampa dell'Onu, sono «conformi alle leggi internazionali». Per Israele è tutto ok, si può procedere. I civili libanesi vengono sterminati ma, rigorosamente, nel rispetto delle convenzioni internazionali. I medici libanesi però non ci stanno e annunciano che verranno compiute a Beirut le analisi dei campioni di tessuto umano prelevati dai corpi di morti e feriti per verificare l'utilizzo da parte di Israele di armi proibite. Se l'esito dei test di laboratorio sarà positivo, i campioni verranno inviati in un Paese europeo per una conferma indipendente. E' questa la decisione presa ieri dall'Ordine dei medici libanesi. L'uso del fosforo bianco è il timore dimolti, anche se sino ad oggi non ci sono prove che sia stato effettivamente utilizzato dalle forze armate israeliane. Tuttavia pesano le dichiarazioni di Timor Goksel, per 20 anni portavoce degli osservatori dell'Unifil, che ha denunciato l'uso sistematico dellebombeal fosforo bianco durante le battaglie combattute da Israele in passato in Libano del sud. Ha aggiunto che questo tipo di arma è stata, con ogni probabilità, la causa della morte di alcune persone che ha potuto esaminare nell'obitorio dell'ospedale di Tiro. Da parte sua, il dottor Ghassan Nakib, chirurgo pediatrico (laureato a Pavia) dell'ospedale «Rafik Hariri» di Beirut, ha esortato la comunità internazionale a considerare anche le cosiddette armi «convenzionali» israeliane che non lasciano scampo anche quando esplodono a notevole distanza dalle persone. «Ho operato bambini con ferite spaventose ed avevano il corpo pieno di pezzi metallo; non schegge, ma chiodi e altri oggetti appuntiti che probabilmente sono stati rilasciati proprio dallebombesganciate dagli israeliani», ha spiegato Nakib. Ad inizio settimana Human Rights Watch aveva denunciato che Israele sta facendo usodibombeaframmentazione. Esperti sulcampohanno detto che un attacco di questo tipo è stato condotto contro il villaggio di Blida il 19 luglio scorso. «Le bombe a frammentazione hanno effetti devastanti quandoci sono dei civili nelle vicinanze », ha detto Kenneth Roth, direttore esecutivo di Hrw, «le nostre ricerche in Iraq e in Kosovo hanno mostrato che queste bombe non possono essere usate in aree popolate senza fare numerose vittime». La testata di una bombaa frammentazione fa piombare sull'obiettivo mirato una miriade di altre piccole munizioni sotto forma di piccoli proiettili distruttivi per qualsiasi cosa si trovi nelle vicinanze. Sul possibile uso di armi proibite da parte di Israele e sui passi che il Libano intende fare in ambito internazionale, abbiamo intervistato il dottor Mario Aoun, presidente dell'Ordine nazionale deimedici libanesi, che sta coordinando le indagini di laboratorio per determinare le cause misteriose della morte di non pochi civili nelle regioni meridionali del paese. Dottor Aoun, a che punto sono le analisi e gli altri test che state compiendo? Nonabbiamo ancora i risultati definitivi. Si tratta di indagini che richiedono macchinari e conoscenze particolari e abbiamobisogno ancora di qualche giorno. In ogni caso abbiamo preso una decisione. Se l'esito dei test di laboratorio sarà positivo, ovvero accerterà l'utilizzo di Israele di armi proibite, allora invieremo i campioni prelevati dai corpi delle vittime dei bombardamenti ad un centro specializzato in Europa, per avere una ulteriore conferma. E' ovvio che di fronte ad unultriore esito positivo porteremo la nostra denuncia in tutte le sedi internazionali competenti. Quando parla di armi proibite si riferisce alle bombe al fosforo bianco. L'utilizzo da parte di Israele di queste armi è stato denunciato anche dall'ex portavoce dell'Unifil inLibano, Timor Goksel. Sull'uso del fosforo bianco abbiamo dei sospetti, ma in verità sino ad oggi non sono emerse prove in quella direzione. Mi riferisco, quando parlo di ordigni vietati, all'uso di bombe e missili che potrebbero essere rivestiti o contenere, al fine di potenziare l'esplosione o la penetrazione negli edifici, sostanze chimiche letali. Il dottor Bashir Sham,direttore dell'ospedale Assairan di Sidone e specialista del sistema vascolare, nei giorni scorsi ha esaminato otto corpi di civili libanesi uccisi a Rmeileh. Ebbene quando una persona rimane vittima di una esplosione o di un incendio, sul cadavere si riscontrano ustioni gravissime e sangue. Non è il caso dei morti di Rmeileh. I corpi sono neri, come carbonizzati, masotto lo strato cutaneo i muscoli sono intatti e ciò è sorprendente. E' come se una sostanza fosse penetrata nell'organismo provocando tutto questo. Il dottor Sham ha già provveduto ad inviare campioni di tessutoumanoe foto all'Organizzazione mondiale della sanità,ma non abbiamo ancora ottenuto una risposta. Crede che sino adoggi sia stato fatto tutto il possibile per indagare sui casi che state denunciando? No, ci attendiamo un atteggiamento responsabile delle istituzioni internazionali che non possono rimanere in silenzio di fronte alla possibilità che contro civili inermi vengano usate armi proibite. Mi auguro inoltre che il governo libanese faccia la sua parte e chieda l'accertamento della verità nelnomee nellamemoria dei tanti libanesi uccisi sino ad oggi dagli israeliani.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies