Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Esce in italiano il libro di Arkadij Babcenko sulla sua esperienza di soldato in Cecenia

    Coscienza e soldati russi

    Una riflessione di Elena Murdaca, traduttrice del libro, sui soldati russi in Cecenia.
    13 marzo 2011 - Elena Murdaca
  • In Russia, an intensifying insurgency

    Under crackdown, Chechen separatism turns into a regional Islamist revolt
    30 ottobre 2009 - Philip P. Pan
  • 19 gennaio 2009: in Russia il diritto è stato ucciso

    Ancora una volta, chi si batte per la difesa dei diritti umani in Russia paga con la propria vita. Le parole di Anna Politkovskaja raccontano il coraggio dell'avvocato Stanislav Markelov
    20 gennaio 2009 - Elena Murdaca
  • Memorie sotto sequestro
    Memorial Russia, sequestrate le memorie dei gulag

    Memorie sotto sequestro

    L'appello contro il sequestro del materiale informatico del centro di ricerca scientifica e attività informativa "Memorial" di San Pietroburgo, che mette a rischio la memoria delle vittime della repressioni sovietiche
    11 dicembre 2008 - Maddalena Parolin e Elena Murdaca

La Corte per i diritti umani condanna Mosca per la scomparsa di un ceceno

E’ la prima volta che accade, dal ’99 sono sparite 5mila persone
28 luglio 2006
Fonte: Liberazione (http://www.liberazione.it)

La Corte Europea dei Diritti Umani ha riconosciuto la Russia responsabile della sparizione di un giovane ceceno di 25 anni, Khadzhi-Murat Yandiyev, mentre si trovava in custodia nelle mani delle forze di sicurezza moscovite. La causa - riferisce la Bbc - è stata intentata dalla madre, Fatima Bazorkina, che ha anche accusato le autorità russe di non aver condotto indagini adeguate. Fra le prove, la donna ha presentato un filmato nel quale si vede chiaramente un generale russo che, dopo aver sbrigativamente interrogato Yandiyev vicino a un autobus, dà ordine di portarlo via e ucciderlo. Da allora non si hanno più notizie del ragazzo.
Mosca ha respinto le accuse della madre sostenendo che non è stato dato nessun ordine di ucciderlo, né esiste alcuna prova che Yandiyev sia morto. I giudici, tuttavia, hanno stabilito che il ragazzo è presumibilmente deceduto e che la Russia deve essere considerata legalmente responsabile per questo. Il fatto che da nessuna parte sia stata annotato l’arresto del giovane viene considerato della Corte un’aggravante. «La Corte - si legge in un comunicato - considera il fatto in sè una mancanza molto grave, perchè ha consentito ai responsabili di un atto di privazione della libertà di nascondere il loro coinvolgimento nel crimine». La Corte ha, inoltre, riconosciuto alla madre un risarcimento di 35 mila euro e il rimborso delle spese sostenute, ma non ha specificato chi dovrà pagarle. La sentenza è stata accolta favorevolmente dai gruppi che si battono per i diritti umani: è infatti la prima volta che si riconosce una responsabilità russa nel conflitto ceceno. Un fatto che potrebbe aprire le porte alle oltre 200 simili denunce che attendono di essere ascoltate. Dall’inizio del secondo conflitto ceceno nel 1999 sono oltre 5 mila le persone scomparse.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies