Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    A Beirut, metropoli mediorientale soffocata dall'aggressività del settore edilizio, si lotta per conservare qualità di vita e spazi verdi. Ringrazio Estella per la segnalazione.
    16 marzo 2011 - Dalal Mawad
  • L'umanità del sottosuolo
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
  • Parla Leila Mazboudi, della Tv di Hezbollah

    Per la caporedattrice di Al Manar, a Roma per il convegno Medlink, l'attentato è opera di forze oscure, guidate da Usa e Israele: un colpo all'unità nazionale e all'opposizione
    13 dicembre 2007 - Geraldina Colotti

Palazzi accartocciati come biscotti

Il dramma in corso non ha tolto ancora i sorrisi dei bambini, non ha ancora offuscato i loro occhi brillanti che ci osservano attentamente. Ma, se non si ferma questa folle guerra, presto i sorrisi si spegneranno e la rabbia diventerà disperazione.
8 agosto 2006 - Farshid Nourai


"Il quartiere del sud di Beirut costituisce quasi la metà di tutta
città, altamente popolato, 800,000 persone, abitato quasi
esclusivamente dai musulmani sciiti. Una volta il quartiere generale
di Hezallah sorgeva mezzo a questi quartieri per la maggior parte
poveri. Le bombe israeliane hanno devastato circa 40% della zona. I
palazzi accartocciati uno sull'altro come biscotti frantumati " dice
Rana Teher di AIN. "La scena è devastante. Continuano ancora i raid
israeliani. 5 bombe hanno colpito il quartiere solo sta mattina"
continua Rana.

La maggior parte della popolazione ha trovato rifugio nei palazzi
pubblici: scuole, giardini ecc.. Chi è rimasto rischia la vita.
Il sig M…. lavorava per una impresa edile all'aeroporto di Beirut,
viveva con 7 membri della sua famiglia in una casa di 120 mq in uno
di questi quartieri. La casa è stata distrutta, l'impresa per cui
lavorava ha chiuso i battenti, licenziando tutti i lavoratori. Ora
convive con altre 54 persone, di cui 18 bambini, al primo piano (240
mq) dell' ex università d'arte. Un solo bagno per tutti, un fornello
e pochi altri oggetti personali, nulla di più.
Sono migliaia, si estima che oltre 200,000 persone siano nelle
stesse condizioni. A loro, si aggiungono altrettante persone che
hanno trovato rifugio dai loro partenti che abitavano al nord del
paese o, i più fortunati, hanno affittato una stanza in cui vivono
2,3 anche 4 famiglie
intere.
Il cibo viene fornito solo alle famiglie che vivono nelle strutture
pubbliche, alcune altre necessità vengono fornite dalla società
civile (ong, gruppi di quartiere e associazioni) che brillantemente
si è
organizzata nei vari coordinamenti locali lasciando indietro le
diversità politiche.
Il più grande ospedale di Beirut, l'unica struttura pubblica
sanitaria in funzione soffre di mancanza di personale. "Quasi il 30%
del personale, a causa della distruzione delle strade, non riesce
raggiungere il lavoro" si rammarica il primario dr. Wassam. "se
volete aiutarci fermate l'aggressore". Continua: "Italia ha buoni
rapporti con Israele, se volete veramente aiutarci esercitate
pressione finchè si cessi questa guerra" conclude. Le stanze
dell'ospedale sono piene di feriti. L'emergenza sanitaria è
impressionante. Incontriamo nei centri di assistenza ( scuole per la
maggior parte) molti bambini che giocano, i genitori sono
arrabbiati, ma non disperati. Il dramma in corso non ha tolto ancora
i sorrisi dei bambini, non ha ancora offuscato i loro occhi
brillanti che ci osservano attentamente.
Ma, se non si ferma questa folle guerra, presto i sorrisi si
spegneranno e la rabbia diventerà disperazione.
Fermiamo questa insensata guerra!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies