Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    I conflitti in corso dal 10/8 al 16/8

    21 agosto 2006
    Fonte: Peacereporter


    Turchia
    Il 15, 2 soldati turchi sono stati uccisi in scontri con i ribelli separatisti del Pkk, il Partito dei lavoratori del Kurdistan, sulle alture di Gabar, nella provincia di Sirnak, vicina alla frontiera con l'Iraq, nel sud est della Turchia.


    Israele e Palestina
    Il 14, 4 palestinesi sono morti a Gaza in un raid aereo israeliano sul nord della Striscia, dopo che due razzi erano stati sparati in territorio israeliano da quella zona. Il 16, 2 palestinesi sono stati uccisi durante un raid aereo israeliano a Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza.


    Israele e Libano
    Dall'inizio del conflitto hanno perso la vita almeno 933 libanesi (dei quali meno di 100 miliziani di Hezbollah e di Amal secondo il governo libanese, mentre non meno di 600 secondo i militari israeliani) e 160 israeliani, 41 dei quali civili.

    Cecenia e Caucaso.
    Il 10, in Inguscezia, i separatisti hanno attaccato la casa del magistrato di Nazran Gerikhan Khabiyev. Il magistrato è scampato all'attentato, nel quale è morto suo fratello e sono state ferite altre 14 persone.
    Tra il 10 e il 12 sette militari russi sono stati uccisi in due scontri a fuoco nel distretto di Vedenò, nella Cecenia centrale.
    Negli stessi giorni, una offensiva russa nella zona di Aghisty ha portato alla morte di un civile. Nei rastrellamenti, numerosi abitanti del villaggio sono stati portati via dalle forze armate russe. Nei pressi del villaggio di Eshelkhatoi, i guerriglieri ceceni hanno attaccato le forze speciali russe causando la morte di 5 militari. Nell'attacco è morto anche un separatista ceceno.
    Il 12, sempre nella Cecenia centrale, un uomo è stato ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia che stava conducendo un rastrellamento nel distretto montano di Shali, a circa 20 km da Grozny.
    Il 16 in uno scontro a fuoco con militanti ceceni, sei militari sono morti.

    Uganda.
    Il 12 agosto, l’esercito ugandese ha ucciso Raska Lukwiya, considerato il terzo più importante leader del movimento ribello dell’Esercito di resistenza del Signore.
    Il 16 agosto, 4 ribelli dell’Esercito di resistenza del Signore, tra cui Reagan Akena, uno dei comandanti del movimento, sono stati uccisi dall’esercito nella parte settentrionale dell’Uganda.

    Somalia
    L’11 agosto, l’esercito etiope ha ucciso 13 ribelli del Fronte nazionale di liberazione Ogaden, un gruppo separatista nell’est del Paese.

    Nigeria
    Il 15 agosto Ayo Daramola, un altro politico nigeriano – il terzo in due mesi – è stato ucciso a casa sua a Ijan-Ekiti, nello stato sudoccidentale di Ekiti. Daramola era un candidato per il posto di governatore alle elezioni dell’aprile 2007.

    Repubblica Democratica del Congo.
    Il 12, un soldato è stato ucciso e altri due sono rimasti feriti in un attacco avvenuto nell’est del Paese.

    Colombia
    Il 13, 4 guerriglieri delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc) sono morti durante uno scontro a fuoco contro militari governativi. Lo riferiscono fonti dell’esercito. E’ accaduto in un villaggio rurale denominato Cañaveral, nei pressi del municipio di Angostura, nel nordest del dipartimento di Antioquia.

    India
    Nove civili sono morti l'11 agosto al confine tra India e Bangladesh a seguito di scontri tra soldati indiani delle forze di sicurezza frontaliere e militari bengalesi. Nello stesso giorno, una donna e due bambini indù sono stati uccisi da sospetti militanti musulmani nello stato indiano dello Jammu e Kashmir.
    L'esplosione di una mina ha colpito un convoglio di poliziotti indiani il 12 agosto, nello stato dell'Assam, dove è attivo un forte movimento indipendentista. Cinque agenti sono rimasti uccisi. Due persone sono state uccise e 6 gravemente ferite il 13 agosto in un attacco con bombe scatenato dai ribelli separatisti dell'Assam, nell'India nord-orientale. Cinque persone sono morte in un'esplosione avvenuta il 16 in un tempio dedicato a Krishna nel nord-est dell'India. La bomba, esplosa a Imphal, nello stato indiano del Guwahati, ha provocato anche 30 feriti. Tra le vittime, anche un bambino di 10 anni e una donna di 70. Le forze di sicurezza indiane hanno ucciso il 16 cinque ribelli islamici dopo che erano penetrati in India attraverso il confine pakistano. Un soldato è rimasto ucciso negli scontri.

    Sri Lanka.
    Il vice-presidente del Segretariato per la pace del governo singalese è stato assassinato il 12 mentre tornava a casa in un quartiere della capitale Colombo.
    Il 14 il bombardamento di una scuola che il governo singalese riteneva essere una base delle Tigri Tamil ha provocato la morte di 41 studentesse nella penisola di Jaffna. A seguito di un attentato al convoglio dell'ambasciatore pakistano a Colombo, sei persone sono morte il 14 agosto.

    Pakistan
    Almeno 2 persone sono state uccise e 4 ferite dall'esplosione di una bomba in un affollato mercato del Baluchistan il 14. Le piogge monsoniche hanno ucciso 192 persone e ne hanno ferite 198 nelle regioni nord-occidentali del Paese. Lo ha reso noto il governo pakistano il 16 agosto.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies