Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    A Beirut, metropoli mediorientale soffocata dall'aggressività del settore edilizio, si lotta per conservare qualità di vita e spazi verdi. Ringrazio Estella per la segnalazione.
    16 marzo 2011 - Dalal Mawad
  • L'umanità del sottosuolo
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
  • Parla Leila Mazboudi, della Tv di Hezbollah

    Per la caporedattrice di Al Manar, a Roma per il convegno Medlink, l'attentato è opera di forze oscure, guidate da Usa e Israele: un colpo all'unità nazionale e all'opposizione
    13 dicembre 2007 - Geraldina Colotti

Rapporto ONU: bombe a grappolo disseminate in tutto il Libano meridionale

Venerdì scorso l'ONU ha dichiarato che nelle case, nei giardini e sulle autostrade del Libano meridionale sono disseminate bombe a grappolo inesplose, mentre il Dipartimento di Stato americano, a quanto viene riferito, sta investigando se l'uso da parte di Israele di queste armi di fabbricazione americana abbia violato gli accordi segreti con gli Stati Uniti.
AP, Ya Libnan
Fonte: Un ponte per
www.unponteper.it - 29 agosto 2006


Dalya Farran, portavoce del Centro di Coordinamento per l'Azione contro le Mine dell'ONU, ha detto che sono state rinvenute bombe a grappolo in 285 punti del Libano meridionale.

"E le nostre squadre stanno ancora facendo ricerche e segnalano ogni giorno altri ritrovamenti", ha dichiarato Farran. "Ogni giorno ne troviamo circa 30".

Venerdì scorso il New York Times ha riferito che il Dipartimento di Stato sta verificando se l'uso da parte di Israele di queste munizioni a grappolo – armi anti-persona che spargono piccole bombe su una vasta area – abbia violato gli accordi segreti con gli Stati Uniti che regolano l'uso di questo tipo di armi.

Il quotidiano ha citato diverse testimonianze di ufficiali americani in servizio e congedati che dicono di dubitare che l'indagine possa portare a sanzioni nei confronti di Israele, ma potrebbe trattarsi di uno sforzo da parte dell'amministrazione Bush per allentare le critiche del mondo arabo al suo appoggio militare a Israele.

Il giornale aggiunge poi che gli Stati Uniti hanno per il momento posticipato una spedizione di missili di artiglieria M-26, un'altra arma a grappolo.

Gli esperti di sminamento dell'ONU non hanno voluto fare commenti sull'indagine condotta dagli Stati Uniti, ma sono dell'idea che Israele abbia violato alcuni aspetti del diritto internazionale.

"Non è illegale usare (bombe a grappolo) contro soldati o nemici, ma secondo la Convenzione di Ginevra è illegale usarle nelle aree civili", ha detto Farran. "Ma non tocca a noi decidere se sia illegale. Sto solo presentando dei fatti di cui lascio ad altri l'analisi."

L'esercito israeliano, alle domande sul rapporto in questione, ha risposto che tutte le armi in sua dotazione "sono legali secondo il diritto internazionale e il loro uso è conforme alle norme internazionali."

Israele ha affermato di essere stata costretta a colpire obiettivi civili in Libano perché i combattenti di Hezbollah stavano usando i villaggi come base per i lanciarazzi puntati su Israele. Negli scontri sono morti circa 850 libanesi e 157 israeliani.

Il Libano meridionale è anche cosparso di mine di terra, posate dai soldati israeliani quando lasciarono la regione nel 2000, dopo diciotto anni di occupazione. Anche Hezbollah ha sotterrato mine per tenere lontane le forze israeliane. Il Libano sta chiedendo da molto tempo a Israele la mappa delle zone minate.

Nel 2003 il Centro di Coordinamento per l'Azione contro le Mine dell'ONU ha aperto un ufficio nella città di Tiro, nel Libano meridionale, per gestire il problema delle mine di terra. Dal momento del cessate il fuoco ha concentrato i suoi sforzi nella rimozione delle bombe israeliane inesplose da tutta l'area.

Note:

Traduzione di Maria Cristina Bitti – Traduttori per la Pace
www.traduttoriperlapace.org

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies