Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Carovane per Sarajevo
    MIMESIS Edizioni presenta:

    Carovane per Sarajevo

    Libro di Francesco Pugliese. Prefazione di Lidia Menapace.
    Introduzione di Alessandro Marescotti, Alfonso Navarra, Laura Tussi
    30 maggio 2015 - Laura Tussi
  • Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"
    Comunicato stampa. DVD/Libro: intervista video inedita del 1983 al Comandante Partigiano Giovanni Pesce

    Giovanni Pesce - "Per non dimenticare"

    DVD / Libro: Giovanni Pesce - "Per Non Dimenticare". E' una intervista video al Comandante Partigiano Giovanni Pesce, risalente al 1983. Abbiamo appositamente raccolto, per la realizzazione del DVD / Libro, le Testimonianze di personalità che lo hanno conosciuto tra cui Moni Ovadia, Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi e altri.Presentazione pubblica il giorno Sabato 18 Aprile 2015, presso Sala Consiliare di Nova Milanese. Il DVD / Libro sarà disponibile, in questa data, in tutte le librerie.
    30 marzo 2015 - Laura Tussi
  • UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità
    UNIMONDO.org presenta:

    UNIMONDO - La scuola che educa alle diversità

    Unimondo è una testata giornalistica online che offre un'informazione qualificata sui temi della pace, dello sviluppo umano sostenibile, dei diritti umani e dell'ambiente. Diffonde un'informazione plurale e quotidiana dando voce alle molteplici realtà della società civile italiana e internazionale
    18 febbraio 2015 - Laura Tussi
  • Non si uccide un disegno.
    CharlieHebdo

    Non si uccide un disegno.

    7 gennaio 2015 - Antonio Caso

L’ultimo discorso pubblico di Anna Politkovskaya – Radio “Svoboda”, 5 ottobre 2006.

Anna Politkovskaya interviene a Radio Svoboda durante la trasmissione di Elena Rykovzeva per esprimere la sua opinione sul premier ceceno Ramzan Kadyrov e la violazione sistematica dei diritti umani in Cecenia. Anna dichiara che sta svolgendo delle indagini sul coinvolgimento di Kadyrov in sequestri e torture
Anna Politkovskaya - Elena Rykovzeva
Fonte: Novaja Gazeta, n. 77 - 09 ottobre 2006

Giovedi’ scorso, Anna Politkovskaya ha preso parte, al programma di Elena Rykovzeva “L’ora della Stampa” su “Radio Svoboda”. Il dibattito era nato da un articolo di Julija Latynina, pubblicato su “Kommersant”, in occasione del compleanno di Ramzan Kadirov (che era proprio quel giovedi’ 5 ottobre).

Rykovzeva: “Ecco alcune sue affermazioni [della Latynina – n. “Novaja Gazeta”]: “Ramzan Kadyrov e’ l’unico modo per vincere la guerra partigiana”, “non c’e’ alternativa a Kadyrov”, “buono o cattivo che sia Kadyrov, oramai e’ chiaro che quelli che ha ripulito non sono meglio”.

Mentre lo speaker di Radio Svoboda citava piu’ in dettaglio l’articolo della Latynina, la presentatrice Rykovzeva andava avanti con il programma dicendo: “La Latynina conclude tutto questo passo, così: “E i diritti umani? Ed ecco che sui diritti umani, signori, non ci resta altro che piangere...” Bene, effettivamente, dove li vedete questi diritti umani? Allora, non resta altro che mettersi a piangere non solo per la Cecenia. Di conseguenza, il giudizio principale su Kadyrov consiste quindi nel fatto che era cattivo ed e’ diventato buono, era un distruttore ed e’ diventato un edificatore. Ecco allora, in proposito, sarebbe gradito un commento dei colleghi”.
Elena ha presentato quindi i colleghi: il commentatore della “Moskovskaja Komsomoltsa” Vadim Rechkalov, il giornalista della Nezavisimaja Gazeta Sanobar Shermatova, il commentatore del Vremeni Novostej Ivan Sukhov e Anna Politkovskaya, che era in collegamento telefonico. Vi proponiamo un estratto di questa trasmissione.

Anna Politkovskaya: Che significa “piangere sui diritti umani”? Ma non occorre piangere sui diritti umani. Bisogna semplicemente incontrarsi, non solo con Kadyrov, ma anche con le persone che hanno sofferto per le azioni militari di Kadyrov. Non sto esagerando, ma hanno sofferto veramente, in modi diversi: i loro familiari sono stati uccisi, torturati costretti a scappare. La maggioranza di queste persone erano rispettabilissime. Io ne ho conosciuti molti.
E adesso, sul mio tavolo da lavoro, ci sono due fotografie. Sto conducendo un’inchiesta. Riguarda le torture effettuate nelle prigioni segrete di Kadyrov oggi e in passato. Persone che sono state sequestrate dagli uomini di Kadyrov per un motivo del tutto incomprensibile. Sono sparite semplicemente perche’ organizzavano public relations [...]
Voglio dire che, queste persone rapite, le cui fotografie si trovano sul mio tavolo di lavoro (uno di loro e’ russo e l’altro e’ ceceno) sono state presentate, come se fossero guerriglieri, con i quali gli uomini di Kadyrov avrebbero condotto una battaglia nel villaggio di Aleroj. Questa e’ una storia conosciuta, che è circolata sui nostri teleschermi, alla radio e sulle pagine dei giornali. Mentre Kadyrov rilasciava un’intervista, di fronte alle telecamere dei canali governativi e non, sullo sfondo comparivano i presunti guerriglieri sconfitti; invece, in realta’, tutte quelle persone erano state radunate, sequestrate e uccise.

E.Rykovtseva: Anja, ma non le sembra che, ecco, queste persone, sullo sfondo degli avvenimenti attuali, possano essere ricondotte nella categoria dei “casi eccezionali”? Si’, ci sono casi eccezionali nella condizione dei sequestrati, pero’, a quanti invece ha fatto del bene. Che ricostruzione ha intrapreso. Purtroppo c’e’ una modesta percentuale di vittime. A chi non capita.

Anna Politkovskaya: Una modesta percentuale di vittime?

Е.Rykovtseva: Modesta. E’ stata presentata come modesta.

Anna Politkovskaya: Voglio dire, che nella prima meta’ di quest’anno ci sono stati piu’ rapimenti che nella prima meta’ dell’anno precedente, se il dato puo’ essere in qualche modo rappresentativo. E si tratta soltanto di casi denunciati, persone che non sono stati ritrovate. Vorrei richiamare l’attenzione sul fatto che possiamo parlare di casi eccezionali soltanto perche’ non si tratta dei nostri cari; non e’ mio figlio, mio fratello, mio marito. Le fotografie di cui vi parlo mostrano corpi completamente straziati dalle torture. Non si puo’ ridurre questo ad una piccola percentuale. E’ una percentuale enorme. [...]

I giornalisti, che non conoscono questa regione, dicono che Kadyrov faccia rinascere le tradizioni cecene. Sono tutte fesserie. Lui le distrugge. Non sono certo sostenitrice dell’istituto della vendetta trasversale, ma fatto sta che per lunghi anni tale tradizione aveva mantenuto una certa stabilità nella regione. Ma Ramzan è intervenuto anche in questo campo distruggendola.

E’ armato fino ai denti, circondato da guardie del corpo. Penso che non diventera’ presidente. Ho una profonda convinzione, interiore, e forse intuitiva – non certo razionale e non confermata da Alu Alkhanov [l’attuale presidente n. d. t]. Alu Alkhanov e’ una persona molto debole. Questo è il problema di Alkhanov, e la crescita del draconismo di Kadyrov junior vi è collegata. Il mio sogno personale nel giorno del compleanno di Kadyrov riguarda soltanto un fatto. Parlo di questo in modo assolutamente serio. Sogno che lui sieda sul banco degli imputati. E che l’indagine su tutti i suoi delitti segua la procedura giuridica piu’ severa, con un’elencazione di tutti i reati.

A tal proposito, in ben tre edizioni del nostro giornale – naturalmente, su queste cose gli altri non scrivono – sono state presentate cause penali verso gli uomini di Kadyrov e contro Kadyrov in persona. Io per esempio portero’ un testimone per ciascuna di queste cause. Sono cause relative a rapimenti. In particolare, una causa penale e’ proprio per sequestro – la complicita’ di Kadyrov Ramzan Akhmatovich nel sequestro di due persone. Per questo il mio sogno e’ di questo tipo.

E. Rykovtseva: Grazie Anja.

Note:

Link all'articolo in lingua russa: http://2006.novayagazeta.ru/nomer/2006/77n/n77n-s02.shtml

Traduzione di Antonella Serio per Peacelink

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies