Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    War game nel Golfo persico, marina italiana in prima fila

    1 novembre 2006 - Manlio Dinucci
    Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

    Golfo persico: commandos italiani piombano dagli elicotteri su un mercantile sospetto e, tenendo a bada con i mitra l'equipaggio, lo perquisiscono per due ore scoprendo infine un «detonatore nucleare». È una delle fasi dell'esercitazione Leading Edge a guida Usa, svoltasi in acque internazionali «al largo della costa nord-orientale del Bahrain», ossia di fronte all'Iran. Qui sicuramente era diretto il mercantile con a bordo il «detonatore nucleare», intercettato dai commandos della marina italiana che hanno così impedito a Teheran di usare la Bomba. War game? Fino a un certo punto.
    La forza navale schierata di fronte alle coste iraniane è decisamente superiore a quella necessaria per una esercitazione. Gli Usa hanno dislocato due portaerei, la Einsehower e la Enterprise, con i rispettivi gruppi di battaglia. Una forza che può attaccare simultaneamente con centinaia di aerei e missili e unità da sbarco. Essa è affiancata dalla Task force combinata 152 (Ctf 152), al comando di un contrammiraglio italiano, di cui fanno parte le navi Etna e Comandante Foscari. Di questa e altre due task force fanno parte anche unità britanniche, australiane, francesi e tedesche. Per giustificare lo schieramento di questa imponente forza navale, non credibile per un semplice war game, nei giorni scorsi fonti della Cia e della marina britannica hanno diffuso la voce di un possibile attentato di Al Qaeda contro terminali petroliferi, in particolare quello saudita di Ras Tanura. L'allarme è stato lanciato venerdì scorso anche dal comando italiano della Ctf 152, che ha avvertito di stare in allerta nei riguardi di navi o altre attività «sospette».
    In attesa dell'«attentato di Al Qaeda» nel Golfo, la portaerei Enterprise è stata impegnata in un altro war game: dal 10 settembre sta bombardando l'Afghanistan. Come informa il Comando centrale delle forze navali Usa, in poco più di due settimane, «nel quadro dell'operazione Enduring Freedom, gli aerei imbarcati sulla Enterprise hanno effettuato circa 200 missioni di appoggio aereo ravvicinato contro estremisti talebani in Afghanistan». Il Comando centrale sottolinea che la «giornata più pesante» è stata quella in cui i jet hanno compiuto l'«appoggio ravvicinato alle forze Isaf in Afghanistan». In queste missioni vengono usate anche bombe a guida laser Gbu-12 da 500 libbre e altre armi di precisione: finora ne sono state sganciate sull'Afghanistan, solo dagli aerei dell'Enterprise, oltre 120. In questa macchina da guerra è inserita l'Italia. Il contrammiraglio italiano, cui è affidata la Ctf 152, è agli ordini del vice-ammiraglio Walsh, capo del Comando centrale delle forze navali Usa; questo dipende dal Comando centrale Usa, il cui quartier generale è a Tampa in Florida; a sua volta il Comando centrale dipende dal segretario alla difesa Rumsfeld e questi dal presidente Bush. Il contrammiraglio italiano è quindi inserito nella catena di comando statunitense. La Ctf 152, infatti, non fa parte della Nato ma della marina Usa impegnata nell'operazione Enduring Freedom lanciata dal Pentagono nel 2001. Contemporaneamente, in Afghanistan, il contingente italiano partecipa a una missione, quella Isaf, che ha cambiato natura da quando la Nato, con un atto unilaterale, ne ha assunto nell'agosto 2003 la direzione. A guidare la missione non è più l'Onu ma la Nato, che sceglie i generali da mettere a capo dell'Isaf. E poiché il «comandante supremo alleato» è sempre un generale statunitense, anche la missione Isaf è di fatto inserita nella catena di comando del Pentagono e quindi integrata con Enduring Freedom.
    Inutile illudersi che «in territorio afghano l'Italia non è più in alcun modo impegnata militarmente nell'ambito della missione Enduring Freedom, essendo ormai il contributo italiano a questa iniziativa limitato alla presenza di unità navali nel Golfo arabico» (Mozione dell'Unione, luglio 2006). Lo conferma il fatto che gli aerei dell'Enterprise, schierata nel Golfo insieme alle navi italiane nel quadro di Enduring Freedom, bombardano l'Afghanistan per sostenere le forze Nato/Isaf. E, da un momento all'altro, le navi italiane schierate nel Golfo potrebbero trovarsi automaticamente in guerra. Basterebbe qualcosa di analogo all'«incidente del Golfo del Tonchino» dell'agosto 1964, in cui gli Usa inscenarono un attacco di motosiluranti nord-vietnamite a un proprio cacciatorpediniere per iniziare il bombardamento del Nord Vietnam. Il bombardamento dell'Iran potrebbe oggi essere motivato con un «incidente del Golfo persico».

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies