Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • RESOCONTO CONVEGNO: Armi, guerre, territorio

    RESOCONTO CONVEGNO: Armi, guerre, territorio

    4 giugno 2013 - Rossana De Simone
  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    A Beirut, metropoli mediorientale soffocata dall'aggressività del settore edilizio, si lotta per conservare qualità di vita e spazi verdi. Ringrazio Estella per la segnalazione.
    16 marzo 2011 - Dalal Mawad
  • L'umanità del sottosuolo
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
In onda su RAINEWS24 i giorni: VENERDI 10/11/2006 h 9.39 - SABATO 11/11 h 4.39, 12.09, 21.39 - DOMENICA 12/11 h 7.09, 15.39, 23.39 - LUNEDI 13/11 h 5.39, 17.39 e disponibile sul sito: http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/09112006_bomba.asp

KHIAM SUD DEL LIBANO - ANATOMIA DI UNA BOMBA

Una nuova inchiesta dal canale RAI satellitare illustra la possibilità che nel Libano sia stato usato un nuovo ordigno, una nuova classe di armi che utilizza uranio arricchito non attraverso processi di fissione ma utilizzando nuovi processi fisici...
9 novembre 2006 - Flaviano Masella, Angelo Saso, Maurizio Torrealta (Giornalisti e Reporter di RaiNews24)

L’inchiesta nasce dai rilievi sulla radioattività registrati su un cratere provocato presumibilmente da una bomba Bunker Buster israeliana nel paese di Khiam nel sud del Libano.
I rilievi sono stati compiuti da 2 professori di Fisica libanesi Mohammad Ali Kubaissi e Ibrahim Rachidi. I dati rilevati, di 700 nanosivert all’ora, mostravano una radioattività notevolmente maggiore di quella media nella zona (Beiurt 35 nSv/hr). Successivamente, il 17 Settembre, Ali Kubaissi ha portato il ricercatore inglese Dai Williams, dell’organizzazione ambientalista Green Audit, nello stesso luogo a prelevare campioni che poi sono stati inviati a Chris Busby che è consigliere tecnico del comitato di supervisione sull'uranio impoverito dipendente dal Ministero della Difesa del Governo Britannico. Questi campioni vengono spediti al laboratorio nucleare di Harwell, uno dei piu' autorevoli centri di ricerca del mondo. Il 17 ottobre Harwell comunica i risultati delle analisi: su 10 campioni, due contengono radioattività.

Il 2 novembre un altro laboratorio britannico: la Scuola di Scienze Oceanografiche, conferma il risultato di Harwell: nel cratere di Khiam c'e' uranio leggermente arricchito. Anche Rainews24 ha portato un campione prelevato da Dai Williams ad essere analizzato alla Facoltà di Scienze della Terra dell’Università di Ferrara e le analisi ancora in corso hanno individuato una struttura anomala: la superficie del campione è composta da silicati di alluminio e ferro, elementi normali in un frammento di suolo. Guardando all'interno si scoprono invece piccolissime bolle nelle quali si rileva un'alta concentrazione di ferro. Ulteriori analisi chiariranno l'origine di queste strutture: quello che al momento sembra certo è che non sono il frutto di un processo naturale.

Di quale arma si tratta? Quale arma lascia tracce di radiazioni e produce effetti così letali e circoscritti?

Il ricercatore Dai Williams è convinto che si tratti di una nuova classe di armi che utilizza uranio arricchito non attraverso processi di fissione ma utilizzando nuovi processi fisici tenuti segreti per almeno 20 anni.
Anche il Fisico Emilio del Giudice dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Milano arriva alle stesse conclusioni: ci sono due possibilità per spiegare l’origine dell’uranio arricchito trovato a Khiam:

a) l’Uranio era già presente nella struttura della bomba, ma questo non spiegherebbe razionalmente l’uso di questo materiale che è allo stesso tempo pericoloso per la sua radioattività e costoso;

b) ) l’arricchimento è la conseguenza dell’utilizzo della bomba, ma questa seconda possibilità è difficilmente compatibile con gli effetti conosciuti delle bombe nucleari convenzionali e implicherebbe nuove fenomeni fisici recentemente scoperti.
L'esercito israeliano ha negato l'uso delle armi ad uranio in Libano. Ma come difendersi dai possibili danni provocati dall’uranio? Che precauzione prenderanno i militari dell’Unifil nella zona e che tipo di analisi sono state fatte per scongiurare questi rischi? Il Documentario affronta direttamente queste domande.

Note:

Il canale RAINEWS24 è visibile su satellite e su televisione digitale terrestre. I programmi del primo mattino sono ripetuti in chiaro anche sul canale RAITRE.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies